Assenza 20-21 marzo

Per gli studenti e i tesisti: sarò assente il 20 e 21 febbraio per partecipare al Workshop on “Connecting young researchers: best practices of EU-India PhD programmes”, che si terrà a Lisbona. La lezione di Distributed Systems di mercoledì 22 si terrà regolarmente.

Qualche statistica su Reti di Calcolatori 2015-16

Come di tradizione, adesso che si è chiuso anche l’ultimo appello di Reti di Calcolatori per l’A.A. 2015-16 possiamo fare qualche veloce analisi.

Nei cinque appelli del 2016 si sono iscritti ad almeno un appello 144 studenti (+37 rispetto al 2015, 34,6%), per complessive 248 iscrizioni (+56, 29,2%).
Si sono registrate 217 presenze agli scritti (+77, 55%), e sono stati consegnati 157 compiti (+37, 30,8%).
Di questi, dopo l’eventuale esame orale sono stati verbalizzati 78 esami (+22, +39%) (c’è molta variabilità tra un appello e l’altro).

Quindi possiamo dire che:

  • lo Studente che si iscrive all’esame scritto ha una probabilità di registrare il voto pari a 78/248=31,45% (+2,2%), quindi lo Studente deve iscriversi mediamente 1/0,3145 = 3,18 volte;
  • lo Studente che consegna lo scritto ha una probabilità di registrare il voto pari a 78/157=49,7% (+3%), quindi lo Studente deve consegnare mediamente 1/0,497 = 2,01 volte;
  • la probabilità che lo Studente superi l’esame di Reti di Calcolatori in un anno accademico è pari a 78/144=54,16% (+1,8%);
  • il “backlog” è di 144-78=66 studenti (+15).

Seminari-Esame per Teoria della Concorrenza

Venerdì 15 luglio, dalle 9:00 alle 13:00 circa, in Sala Riunioni del DIMA (ex DIMI, futuro DMIF), si terranno i seguenti seminari-esame per il corso di Teoria della Concorrenza:

Alessio Mansutti: Decidibilità della hedged bisimulation per lo spi calculus
Alexandru Pruteanu: Modelli per sistemi transazionali
Federico Igne: Modelli per la programmazione ad attori
Luca Geatti: Modelli per la Systems Biology
Davide Martincigh: Semantiche quantitative per calcoli con aspetti probabilistici e stocastici

Tutti gli interessati sono invitati a partecipare.

Studiare (Informatica) a UniUd, secondo l’indagine AlmaLaurea 2015

L’Espresso ha pubblicato su questa pagina un’interessante analisi dei dati raccolti dall’indagine #AlmaLaurea 2015, con grafici interattivi assai chiari e informativi.

Da questa analisi l’Università di Udine (#UniUd) si piazza stabilmente nella parte più alta della classificazione. In particolare, risulta che a tre anni dalla laurea magistrale
– è occupato il 90,1% dei laureati e lo stipendio medio è di 1370€;
– l’86,1% dei neo-laureati lavora, a fronte di una media locale del 62,2% (quindi avere la laurea a Udine aumenta la possibilità di trovare lavoro del 24%);
– in particolare, per i laureati in Informatica, il tasso di occupazione è del 100% (media nazionale: 96,8%) con un reddito medio di 1500€ (media nazionale: 1550€).

Insomma: studiare Informatica (in particolare a Udine) sarà anche faticoso, ma ne vale la pena – e non solo per gli sbocchi occupazionali.