Relazione figure professionali del settore ICT

2. Donne e ICT in Italia e nel mondo

2.1 Panorama occupazionale

Elemento principale delle figure professionali del settore ICT in genere è la mobilità, sia all'interno dell'azienda stessa che verso l'esterno. Nelle ricerche esaminate vengono definite inoltre informazioni sulle retribuzioni, sull'età media dei rappresentanti delle diverse figure professionali.

E' inoltre emerso che l'ultimo anno è stato poco favorevole per lo sviluppo del settore a causa di restrizioni economiche negli investimenti nel settore della formazione e dell'evoluzione in particolar modo.

Dall'analisi dei profili professionali emerge che quelli più richiesti sono i ruoli classici: l'EDP manager e il Project Manager. Quelli meno diffusi sono inveci i ruoli specialistici. L'ambito ICT che stiamo analizzando in particolare occupa i 4/5 dei lavoratori del settore, mentre per le aree funzionali, l'area di Gestione e Pianificazione Progetti occupa 1/3 delle risorse seguita dall' area Sviluppo e Implementazione.

Torna Su

2.2 Occupazione Femminile

Da quanto emerge da ricerche dell' Eurostat sull'occupazione lavorativa in Italia, le donne che lavorano nelle tecnologie sono il 24%. Il settore le vede per il 9% inserite come Top Manager, dato che assume un aspetto positivo considerando che nel resto dei settori lavorativi le donne manager sono circa il 5,4%. Il 18% delle donne nel settore lavora nelle vendite, il 53% nel marketing, il 69% nei reparti amministrativi e il 22% in ruoli tecnici. L'italia è uno dei paesi con più donne nei ruoli tecnici al pari della Svezia, superata da Danimarca e Irlanda. L'Irlanda infatti è il paese nel quale la situazione occupazionale femminile nel settore è la migliore.

Il gap di presenze nel settore che separa i due sessi si sta riducendo, la presenza femminile nelle professioni ICT è in crescita grazie soprattutto al costante ingresso di nuove risorse nel settore. Infatti, oltre l’80% delle risorse di sesso femminile ha meno di 40 anni ed oltre il 35% meno di 30.

Possiamo dire che il ruolo occupato dalle donne nel settore sta cambiando a sempre maggiore velocità. La presenza femminile è ancora prevalente presso i ruoli di relazione: nell' area Marketing, Vendite e Gestione Progetti, ruoli per i quali sono necessari "soft skill". I Soft Skill sono una categoria di competenze, acquisite per proprietà personali e non direttamente collegate al ruolo svolto. Fantasia e la capacità di relazione sono i "soft skill" tipici delle donne che ne privilegiano quindi il successo in professioni quali il marketing, il web design, la creazione di portali e l’imprenditoria sul web.

In quanto a servizi diretti alle donne nel settore tecnologico, non sono pochi i siti internet, sia a livello nazionale che mondiale, che forniscono canali d'accesso preferenziali per la definizione della figura professionale e l'eventuale collocazione nel mercato del lavoro ICT. Ad esempio www.dols.net e www.setwomenexperts.org.uk sono portali che offrono questa tipologia di servizi.

Torna Su


Nazzi Elena - Francesco Zanitti ( maggio 2004 )