Università degli studi di Udine
Facoltà di scienze matematiche fisiche e naturali

Corso di Progettazione Siti Web - Test con Utenti

Vai alla pagina - Risultati compito 6 -
Torna alla pagina vista precedentemente

Risultati compito 5 (Testo compito 5)

Utente 1 - Utente 2 - Utente 3 - Utente 4 - Utente 5 - Utente 6

Utente 1

Esito: fallimento (informazioni non reperite e fuori tempo massimo).

Tempo: 11 minuti.

Azioni dell’utente: l’utente inizialmente non sa dove sia il meccanismo di interrogazione dell’archivio delle corse e lo cerca. Per capire dove cercare entra nelle sezioni “Urbani (Udine)” e “Urbani (Gemona)” della voce “Orari” del menù principale. Non trovando informazioni corrette intuisce che le informazioni sono presenti nella sezione “Regionali” e ci preme sopra. Osserva il meccanismo di ricerca e intuisce come funzioni, ma compie i seguenti errori nella compilazione: non imposta la data di partenza correttamente, imposta un valore sul controllo “Max. attesa in una stazione” (non richiesto del compito) e imposta un’ora di partenza.
Dopo aver premuto il pulsante “orari” non riesce a capire lo scopo della finestra che compare e non imposta la destinazione corretta. Il sistema non fornisce risultati e l’utente decide di ricominciare da capo. Torna indietro e nella prima schermata compie gli stessi errori. Nella seconda si accorge della possibilità di selezionare le destinazioni e sceglie la fermata corretta. Continua come prima, ma ora ottiene dei risultati che interpreta correttamente scegliendo l’orario migliore e accorgendosi dell’esistenza dei cambi.

Osservazioni dell’utente: l’utente non ha fatto nessuna osservazione.

Risposte alle domande:

  1. “Il meccanismo mi è servito, ma nella pagina di selezione delle fermate, le due frecce rosse inizialmente non mi hanno aiutato, avrei preferito delle scritte esplicative”
  2. “I risultati sono chiari, ma aumenterei la dimensione dei caratteri dell’elenco, anzi in generale in tutto il sito”

Osservazioni dei valutatori: l’utente ha raggiunto un’informazione che non è quella giusta, ma non se ne è assolutamente accorto, era convinto di aver trovato il risultato esatto. Non ha capito il significato del controllo “Max. attesa in una stazione” e ha confuso la casella delle ore con quella dei minuti.


Torna Inizio Pagina

Utente 1 - Utente 2 - Utente 3 - Utente 4 - Utente 5 - Utente 6

Utente 2

Esito: fallimento (informazioni non reperite).

Tempo: 7 minuti.

Azioni dell’utente: l’utente si dirige subito su “orari” e poi su “regionali” scoprendo il meccanismo di interrogazione. Compie alcuni errori di compilazione del form dimenticandosi di cambiare la data e settando dei valori sul controllo “Max. attesa in una stazione”. Capisce il significato della finestra successiva e seleziona correttamente la destinazione.
Una volta ottenuto l’elenco degli orari non si rende conto della presenza del pulsante “successivi” e crede di aver sbagliato qualcosa nella ricerca. Vorrebbe tornare indietro di un passo; ritiene che il pulsante “Ritorno” abbia una funzione analoga all’indietro del browser e lo preme. Il sistema presenta una finestra che elenca gli orari delle corriere che fanno il viaggio inverso (Cervignano - Tolmezzo), ma l’utente non se ne accorge. Tra gli orari individua uno che ritiene soddisfi le sue esigenze e lo segnala come quello giusto. Però, al momento di controllare i cambi, si rende conto dell’errore mentre consulta la finestra che illustra i percorsi.
Riesegue la ricerca dall’inizio, ma ottiene comunque dei risultati non corretti perchè non si accorge che il parametro dell’attesa massima in una stazione non è stato cambiato. Alla fine indica questi risultati come quelli giusti anche se non lo sono.

Osservazioni dell’utente: l’utente si è sorpresa del fatto che l’icona del canguro fosse cliccabile.

Risposte alle domande:

  1. “Il meccanismo mi sembra semplice”
  2. “I risultati sono chiari, ma non ho capito a cosa servisse il canguro”

Osservazioni dei valutatori: l’utente non si è accorata del fatto che esistesse un pulsante per mostrare risultati successivi e ha frainteso il significato del pulsante che permette di ottenere il percorso inverso della corriera. Anche quando si è resa conto di come far funzionare il sistema di ricerca ha sbagliato perchè ha settato un valore sul controllo “Max. attesa in una stazione” senza comprenderne il significato reale.


Torna Inizio Pagina

Utente 1 - Utente 2 - Utente 3 - Utente 4 - Utente 5 - Utente 6

Utente 3

Esito: fallimento (informazioni non reperite e fuori tempo massimo).

Tempo: 15 minuti.

Azioni dell’utente: l’utente si dirige subito su “orari” e poi su “regionali” scoprendo il meccanismo di interrogazione. Compie alcuni errori nella compilazione del form dimenticandosi di cambiare la data e settando dei valori sul controllo “Max. attesa in una stazione” (non richiesto nel compito).
Nella finestra successiva, dopo qualche perplessità, seleziona correttamente l’arrivo e ottiene dei risultati. Avendo impostato come ora di partenza le 17, non ottiene gli orari voluti, ma seleziona comunque l’icona di un PDF. In questo modo le si apre una nuova finestra del browser contenente il percorso dell’orario selezionato. Questa nuova finestra la disorienta in quanto, volendo tornare indietro, non capisce che deve chiuderla. Dopo aver provato a cliccare in varie parti dello schermo, si rende conto di quale finestra sia in realtà attiva e la chiude.
Ricomincia la ricerca modificando l’ora di partenza diverse volte finchè non individua un orario che le sembra esatto. Purtroppo non è quello corretto in quanto era sempre settata l’ora di attesa massima in una stazione.
Selezionando il PDF relativo all’orario scelto, l’utente capisce che si deve effettuare un cambio a Udine ma non ne è molto sicura. Successivamente seleziona il PDF posto sopra l’elenco degli orari ma non sa interpretare la tabella. Conclude il compito dicendo che ha individuato la corriera da prendere e presume che debba fare un cambio a Udine.

Osservazioni dell’utente: l’utente inizialmente non sa se deve prendere una corriera, un autobus o un treno.

Risposte alle domande:

  1. “Mi è servito, ma non è semplice. Sarebbe opportuno inserire delle frasi o degli esempi per chiarire il funzionamento”
  2. “Sì, i risultati erano chiari ma non ho capito il significato del canguro”

Osservazioni dei valutatori: l’utente non ha capito l’apertura della nuova finestra, quando seleziona il documento dell’orario,e rimane disorientata.


Torna Inizio Pagina

Utente 1 - Utente 2 - Utente 3 - Utente 4 - Utente 5 - Utente 6

Utente 4

Esito: fallimento (informazioni non reperite).

Tempo: 8 minuti.

Azioni dell’utente: l’utente si dirige subito su “orari” e poi su “regionali” scoprendo il meccanismo di ricerca. Immette i nomi delle due località e cambia la data. Rimane perplessa sull’ora di partenza e legge le informazioni presenti in fondo alla pagina sperando di trovare un aiuto.
Modifica sia l’ora di partenza che la “Max. attesa in una stazione” pensando che le prime due cifre rappresentino i minuti invece delle ore.
Nella schermata successiva rimane disorientata in quanto si aspettava di trovare degli orari poichè non capisce che deve selezionare le località di partenza e di arrivo. Preme di nuovo sul pulsante “orari” e il sistema le ripresenta la stessa schermata con la scritta “Non è stato trovato nessun percorso”.
A questo punto l’utente suppone che il meccanismo le offra solo percorsi diretti. Prova a premere indietro ma le si presenta il messaggio del browser di pagina scaduta e, non sapendo cosa fare, decide di rinunciare al compito.

Osservazioni dell’utente: l’utente vorrebbe che ci fosse un qualche meccanismo di aiuto che possa orientarla.

Risposte alle domande:

  1. “Non mi ha soddisfatto, non mi dà le informazioni e neanche un aiuto”
  2. la domanda non è stata posta

Osservazioni dei valutatori: l’utente, nonostante l’abbia cercata, non si è accorta dell’etichetta “help” presente in alto nella pagina del form di ricerca. Nella schermata successiva non si accorge che deve selezionare le località di partenza e di arrivo. Inizialmente pensa che il pulsante “Ritorno” abbia la stessa funzione dell’indietro del browser, salvo poi rendersi conto del suo reale funzionamento dopo aver provato a premerlo.


Torna Inizio Pagina

Utente 1 - Utente 2 - Utente 3 - Utente 4 - Utente 5 - Utente 6

Utente 5

Esito: successo parziale (fuori tempo massimo).

Tempo: 12 minuti.

Azioni dell’utente: l’utente si dirige subito su “orari” e poi su “regionali” scoprendo il meccanismo di ricerca. Immette i nomi delle due località e cambia la data e l’ora di partenza scrivendo le 17. Non modifica l’ora della “Max. attesa in una stazione” in quanto dice che non sa cosa vuol dire. Capisce il significato della schermata successiva e seleziona correttamente la destinazione.
Avendo inserito le 17 come ora di partenza, non trova nell’elenco una corriera adeguata e modifica l’ora (inserendo le 16:00). Ripresentandosi lo stesso elenco, l’utente è disorientato (non capisce che c’è la possibilità dell’assenza di corriere) e pensa che l’informazione non sia stata aggiornata. Allora preme il pulsante “reset” e ricomincia la ricerca inserendo come ora di partenza le 13. In questo modo gli compare l’elenco con l’esatto orario di partenza.
Selezionando il PDF relativo all’orario scelto l’utente capisce che si deve effettuare una sosta a Udine però non sa se deve cambiare. In seguito dichiara che non deve cambiare. Comunque considera concluso il compito.

Osservazioni dell’utente: l’utente inizialmente non sa se deve prendere una corriera, un autobus o un treno. L’utente vorrebbe non dover inserire un’ora di partenza. Vorrebbe solo selezionare la data di partenza, la località di partenza e la destinazione e che il sistema gli presentasse tutti gli orari.

Risposte alle domande:

  1. “È semplice ma alcune cose non mi sono chiare, tipo “Max. attesa in una stazione””
  2. “Sì tutto è chiaro”

Osservazioni dei valutatori: l’utente si accorge successivamente che l’icona del canguro è selezionabile e che informa della presenza di cambi. L’utente interpreta il pulsante “Ritorno” come l’indietro del browser.


Torna Inizio Pagina

Utente 1 - Utente 2 - Utente 3 - Utente 4 - Utente 5 - Utente 6

Utente 6

Esito: fallimento (informazioni non reperite).

Tempo: 8 minuti.

Azioni dell’utente: l’utente si dirige subito su “orari” e poi su “regionali” scoprendo il meccanismo di ricerca. Immette i nomi delle due località, cambia la data, l’ora di partenza scrivendo le 14:00 e la massima attesa in una stazione. Preme il pulsante “Orario”, ma il sistema gli presenta un messaggio di errore. L’utente cerca di capire come risolvere la situazione, ma non riuscendoci decide di ritornare alla pagina principale e ripartire da capo.
Al secondo tentativo imposta soltanto la località di partenza e destinazione e la data, tralasciando gli altri campi. Preme di nuovo il pulsante “Orari”, questa volta procedendo senza errori.
Nella pagina successiva legge l’etichetta che lo informa che dovrebbe selezionare le stazioni, ma non lo fa e ripreme il pulsante “Orari”. Non ottiene alcun risultato e ricomincia da capo dalla pagina principale.
Procede, come nel secondo tentativo, fino alla pagina di selezione delle stazioni senza errori. Questa volta si accorge che deve modificare le stazioni: lascia invariata quella di partenza (in quanto esatta) e modifica quella di arrivo scegliendo “Cervignano autostazione” compiendo una scelta errata in quanto è presente la fermata “Cervignano FS”. Ottiene dei risultati che interpreta correttamente e conclude in modo esaustivo il compito.

Osservazioni dell’utente: l’utente ha mostrato perplessità nei confronti sia del campo “Max. attesa in una stazione” e dell’icona del canguro presente nella pagina dei risultati. In entrambi i casi non era sicuro

Risposte alle domande:

  1. “Il meccanismo mi è servito ed è semplice, ma toglierei max. attesa in una stazione che, secondo me, è superfluo”
  2. “I risultati sono chiari, ma non ho subito capito il significato del canguro, comunque se ci vai sopra ti dice cos’è”

Osservazioni dei valutatori: il fallimento è dovuto al fatto che l’utente non si è reso conto del fatto che a Cervignano esiste anche la fermata della stazione dei treni. Questo errore non è particolarmente grave, ma porta comunque al fallimento del compito. L’utente ha correttamente interpretato i risultati successivi per cui, se non avesse commesso l’errore precedente avrebbe ottenuto un successo completo.


Torna Inizio Pagina

Vai alla pagina - Risultati compito 6 -
Torna alla pagina vista precedentemente