Salta al contenuto principale

Introduzione

La simulazione euristica guidata da barriere è un metodo analitico in cui i valutatori, dopo aver scelto una o più categorie di utenti e degli scenari d'uso, esaminano le singole pagine e cercano di identificare tutte quelle barriere che la pagina potrebbe erigere nei confronti dell'attività dell'utente disabile.
Per barriera di accessibilità si intende una qualsiasi condizione che rende difficile o impossibile il progredire verso l'ottenimento di un obiettivo da parte di una persona disabile (o disabilitata) che usa il sito mediante un qualche tipo di tecnologia (assistiva o altro).
Una barriera viene descritta in termini di: Le barriere elencate derivano da un'interpretazione delle linee guida e dei principi di accessibilità (ad es. WCAG 2.0) in cui si considerino anche scenari d'uso generici.

Uno scenario d'uso è una narrazione di persone e delle loro attività mentre utilizzano un sistema; esso può includere:
Categorie di utenti:

Una volta individuata una barriera, bisogna definirne l'impatto e la frequenza con cui si presenta dando un voto da 1 a 3 (3 indica l'effetto peggiore).

Per quanto riguarda l'impatto, i valori verranno assegnati usando i seguenti criteri di massima:

Per la frequenza (riferita al numero di volte in cui il problema compare durante l'esecuzione di un compito) invece i valori possono essere:

Per determinare la gravità della barriera, si utilizza la seguente tabella, nella quale si calcola il valore dell'impatto e della frequenza:
Impatto Frequenza Gravità
1 1 minore
1 2 minore
1 3 serio
2 1 serio
2 2 serio
2 3 critico
3 1 critico
3 2 critico
3 3 critico