Simulazione euristica del sito Alpi Eagles

Relazione svolta da Burlon Giorgio nel periodo Febbraio-Marzo 2007

Progettazione siti e portali web

Corso di laurea di Tecnologie Web e Multimediali - Università di Udine

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! Level Double-A conformance icon, 
          W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0

Introduzione

Con il termine simulazione euristica si intende l’analisi di un sito web nella sua interezza, soffermandosi principalmente nell’interazione tra esso e un utente. Durante l’analisi si procederà in maniere di controllare la presenza di eventuali barriere di accessibilità, indicando come e se possono essere superate e suggerendo una possibile soluzione al problema. Per barriere di accessibilità si intende tutte le condizioni che minano la navigabilità del sito, ovviamente non sono tutte uguali e possono presentarsi con diversi livelli di frequenza e di impatto.

Indice

  1. Introduzione
  2. Descrizione metodo utilizzato
  3. Scenari
  4. Struttura dell'analisi delle barriere
  5. Analisi pagine
  6. Conclusione

Descrizione metodo utilizzato

Come si può notare dalla tabella la gravità del problema dipende sia dalla sua complessità sia che da quante volte si presenta.

La simulazione euristica è un metodo per valutare l’accessibilità di pagine internet sviluppato ricercando barriere di accessibilità all’interno delle stesse. Una volta scelto uno scenario d’uso le pagine vengono valutate singolarmente cercando di identificare tutte le barriere che possono essere erette verso l’utente disabile.

Quando viene riscontrato un problema, il valutatore procede con l’analisi. Per valutare la gravità di un problema di usabilità vengono considerati due fattori, l’impatto che un problema può avere sull’efficacia, produttività e sicurezza di un utente che sta svolgendo un determinato compito in una specifica situazione e la frequenza con cui il problema si presenta durante lo svolgimento del compito da parte dell’utente. Questi parametri sono utilizzati per la classificazione della gravità attraverso questa tabella:

Impatto Frequenza Gravità
1 1 minore
1 2 minore
1 3 serio
2 1 serio
2 2 serio
2 3 critico
3 1 critico
3 2 critico
3 3 critico

Definizone termini specifici utilizzati in questa pagina

(le descrizioni che seguono sono state tratte dal materiale online fornito dal prof. Giorgio Brajnik)

Per quanto riguarda l'impatto, i valori verranno assegnati usando i seguenti criteri di massima:

  1. la presenza del problema viene notata dall'utente considerato, ma ci sono facili modi per aggirarla od evitarla. Esso non incide significativamente sulle capacità dell'utente di raggiungere con successo il termine del compito. Può invece incidere sull'efficienza con cui l'utente svolge il compito e/o sulla sua soddisfazione.
  2. la presenza del problema è notata ed incide significativamente sull'efficacia e/o sicurezza. L'utente non riesce ad aggirarlo facilmente, o ad evitarlo. Per uscire dalla situazione problematica l'utente può necessitare di notevole tempo, vari tentativi e ingegno. Il problema rende difficile, faticoso e/o rischioso il proseguimento del compito, ed è facile che l'utente compia degli errori. Il problema incide sicuramente e marcatamente su efficacia e/o sicurezza.
  3. si tratta di una barriera che porta molto spesso a rinunciare al raggiungimento dello scopo: gli errori possono essere molti e con gravi conseguenze; vie alternative non esistono. L'impatto negativo su efficacia e sicurezza è elevato.

Per la frequenza (riferita al numero di volte in cui il problema compare durante l'esecuzione di un compito) invece i valori possono essere:

  1. il problema si manifesta raramente e non sempre durante lo svolgimento del compito; in pochi e marginali casi esso si manifesta. Dunque esso incide in maniera molto limitata sulla produttività e sulla soddisfazione.
  2. il problema si verifica ogni volta che si svolge quel compito. Può incidere significativamente su produttività e su soddisfazione.
  3. il problema si verifica più volte durante lo svolgimento del compito. Sicuramente incide sulla produttività, facendola calare marcatamente; e altrettanto di sicuro incide sulla soddisfazione.

Scenario d'uso

Uno scenario d'uso è una narrazione di persone e delle loro attività mentre utilizzano un sistema; esso può includere: la situazione operativa; gli attori, e le loro caratteristiche fisiche e mentali; i loro scopi e motivazioni; le loro possibili azioni e modelli mentali che suggerirebbero determinate interpretazioni; azioni e compiti (azioni che hanno un inizio e una fine osservabili); eventi esterni.

Barriere di accessibilità

Per barriera di accessibilità si intende una qualsiasi condizione che rende difficile o impossibile il progredire verso l'ottenimento di un obiettivo da parte di una persona disabile (o disabilitata) che usa il sito mediante un qualche tipo di tecnologia (assistiva o altro). Una barriera viene descritta in termini di:

Scenario

Utente non vedente

Lo scenario immaginato per la simulazione euristica è quella di un utente non vedente di medio livello di conoscenze informatiche che cerca di informarsi su prezzi e destinazione che offre il sito. È stato ipotizzato che l’utente utilizzi il lettore di schermo JAWS su sistema operativo windows con browser firefox.

Struttura dell'analisi delle barriere

L’esito della simulazione che di seguito viene presentato è sviluppato in quattro sezioni, una per ogni categoria di barriera.

  1. barriere alla percezione
  2. barriere all’utilizzazione
  3. barriere alla comprensione
  4. barriere al controllo da parte dell’utente

Ogni sezione presenta la serie di barriere da cui è caratterizzata. Può accadere di riscontrare le stesse barriere in più di una sezione dato che alcune di esse possono appartenere a più di una categoria.

Le barriere sono valutate attraverso la tabella indicata nell’introduzione.

La struttura utilizzata nell’analisi di una barriera è la seguente:

  1. Descrizione barriera
  2. Analisi
  3. Esito valutazione
    • se il problema è superato con successo in tutte le pagine, viene indicato semplicemente il termine “superato”
    • se il problema viene riscontrato, vengono indicate le pagine dove si presenta; per ogni pagina viene indicato il valore di impatto, frequenza, gravità e inoltre, dove necessario, un esempio della specifica barriera riscontrata e un suggerimento per rimuoverla

Analisi pagine

Le possibili barriere sono state divise in 4 categorie : PERCEZIONE, UTILIZZAZIONE, COMPRENSIONE, CONTROLLO DA PARTE DELL’ UTENTE. Per ogni barriera valuteremo la sua presenza e, in a caso affermativo, la sua gravità e una possibile soluzione. La nostra analisi si riferirà alla home page del sito e alle 5 pagine raggiungibili dalla barra di navigazione posizionata in alto. Queste pagine solo le più visitate del sito e la maggior parte di quelle che non saranno analizzate sono analoghe, sotto il punto di vista del layout, a quelle prese in esame.

Le pagine valutate sono le seguenti:

Barriere della percezione

Barriere dell'utilizzazione

Barriere alla comprensione

Barriere al controllo da parte dell'utente

Conclusione

Da un’ analisi complessiva dei risultati possiamo notare che il sito Alipeagles presenta dei gravi problemi di navigazione per un utente non vedente. Le nostre analisi sottolineano come in varie situazioni la gravità dei problemi è di livello critica ( il massimo) rendendo quasi impossibile la navigazione se si utilizza un lettore di schermo. Alcuni dei più gravi problemi sono facilmente risolvibile con delle piccole attenzioni come l’utilizzo in maniera appropriata degli attributi lang e alt nel codice del sito. Altri problemi invece sono più difficili da risolvere e a nostro parere richiederebbero la riscrittura ( o perlomeno un ricontrollo) di alcune parti di codice, come ad esempio l’ utilizzo delle sezioni, degli eventi mouse e delle tabelle. Altri problemi minori sono stati individuati nel sito, come l’ utilizzo del solo colore per distinguere dei dati o i troppi link in alcuni casi. Anche in questa situazione sarebbe richiesta una revisione da parte dei creatori del sito.