Università degli Studi di Udine - Corso di laurea in Tecnologie Web e Multimediali

Relazione per il corso di Progetto di Siti e portali web - Dott. Giorgio Brajnik - AA 2006/2007

Simulazione euristica con barriere sul "Sistema GIS GEOBROWSER"

Autore: Maila Marchiol
Matricola: 72636
Rapporto di valutazione steso in data: 30/11/2007
Valutazione effettuata nel periodo: novembre 2007
Sito da analizzare: Sistema GIS GEOBROWSER
Url del sito: www.sistemigrafici.insiel.it/geobrowser

Rapporto di simulazione euristica barriere

Indice

1 Introduzione

2 Materiale valutato

3 Metodologia

4 Risultato della valutazione

1 Introduzione

Questo tipo di indagine è finalizzata a valutare il livello di usabilità di un sito quando ad esso fa accesso un utente con disabilita', siano esse permanenti o temporanee; si opera individuando i problemi che possono emergere, denominati barriere, qualora l´accesso al sito avvenga tramite supporto di qualche tipo di tecnologia assistiva o in condizioni particolari (stress psicologico momentaneo, disturbi dell´attenzione, difetti visivi come il daltonismo, accesso con palmari o strumenti che pongo limitazione alla navigazione, …);
Torna all'indice

2 Materiale valutato

Pagina dedicata all´applicazione:
http://www.sistemigrafici.insiel.it/GeoBrowser/defaultM.aspx?progetto=CMVTLITE&Token=1&user=CMVT

Immagine della pagina dell'applicazione

La pagina di navigazione all´interno dell´applicazione Geobrowser è sicuramente di tipo applicativo; si denota a primo sguardo l´esplicita intenzione del progettista di rivolgere questo materiale ad un pubblico specifico ed esperto del settore tecnico di cui tratta; l´applicazione vuole mettere a disposizione uno strumento cartografico utile a fornire informazioni connesse al territorio cui si riferisce.
E´ da sottolineare che il materiale valutato rappresenta una versione a scopo dimostrativo di una applicazione solitamente realizzata su commissione dalla ditta fornitrice (INSIEL S.p.A.) da parte di specifici clienti per i quali quindi sono chiari gli scopi dell´applicazione ed i dati da essa gestiti; solitamente viene anche distribuita con il supporto della formazione diretta all´utenza fruitrice; genericamente l´applicazione è rivolta a personale del settore tecnico di enti o amministrazioni pubbliche, persone che nella loro esperienza lavorativa sono avvezze alla problematica trattata ed utilizzano correntemente per lavoro strumenti cartacei ed informatici orientati alla trattazione di disegno tecnico (CAD, tavole tecniche, …).
L´applicazione è accompagnata da una pagina informativa introduttiva nella quale sono definiti scopo, dati trattati, limitazione negli strumenti di accesso e software necessario all´esecuzione; per l´esecuzione dell´applicazione è consigliato l´utilizzo di "Internet Explorer versione 6 o superiore", per la visualizzazione delle informazioni della mappa è necessario installare un plug-in "Adobe SVG Viewer".

2.1 Limitazioni poste all´indagine dal materiale da valutare

E´ necessario introdurre le limitazioni poste all´indagine dalle tecniche utilizzate dall´autore per la realizzazione del sito; da uno sguardo ai sorgenti, si capisce che essi sono il risultato di un "rendering formato html" da parte di una piattaforma applicativa SDK nella fattispecie "Microsoft Visual Studio .Net v.7.1"; il valutatore non è ha conoscenza approfondita di questo tool e quindi non è in grado di valutare quali siano i vincoli posti dall´utilizzo di tale strumento; si puo´ però avanzare l´ipotesi che molti problemi di usabilità derivino proprio da questo strumento utilizzato per progettare e realizzare l´interfaccia; il primissimo grosso problema è la forte malformazione del codice HTML generato; ulteriori problemi vengono introdotti dall´utilizzo "sfrenato" di codice javascript e dalla modalità molto originale nella costruzione dei controlli (si veda come esempio la sezione "Form senza LABEL"); tutte queste caratteristiche fanno sì che per la corretta visualizzazione della pagina vengano posti dall´autore molti vincoli sulla piattaforma da utilizzare; tant´è che browser standard come Mozzilla od Opera non riescono neppure a completare il caricamento della pagina; è da segnalare che vincoli di operatività si hanno anche con lo stesso Internet Exoplorer di versione 7, malgrado la dichiarazione nella pagina introduttiva che indica compatibilità con Internet Exoplorer 6.0 o superiore; i problemi evidenziati si ripercuotono con maggiore impatto su altri strumenti di browsing particolari o strati software che per il loro funzionamento si interfacciano con il browser Internet Explorer, i quali suppongono almeno una ben formazione delle risorse da gestire (pagine html, xml, svg o altro), e per questo motivo falliscono nell´interpretazione dei contenuti; da prove effettuate su varie piattaforme si rileva un fallimento totale anche nella sola "visualizzazione" della pagina su tutti gli strumenti testati (seppur superficialmente) diversi da Internet Explorer 6.0;

2.2 Test con strumenti di browsing con i quali è fallita la navigazione:

Mozilla Firefox 2.0
La navigazione si interrompe al caricamento del terzo frame, quello relativo alla mappa in quanto la risorsa, formata da codice svg non è ben formata; viene visualizzato il seguente messaggio di errore:
Errore interpretazione XML: non well-formed
Indirizzo: http://www.sistemigrafici.insiel.it/GWMCache/%7BBC2AE1DC-891F-4700-9E53-C6CDC3FFBBCD%7D.svgz
Linea numero 1, colonna 1:"
Immagine errore su Mozilla
Opera 9.24
Immagine errore su Opera
La pagina non riesce ad essere caricata completamente, anche se non è chiaramente segnalata la natura del problema incontrato; dallo stato dell´applicazione si deduce un caricamento dei dati in corso.
Browser testuale Elinks e screen reader Jaws
Una ulteriore classe di problemi deriva dall´accesso con browser testuale e lettore di schermo, entrambi non supportano l´esecuzione di javascript e quindi l´interfaccia proposta dalla pagina visualizzata/letta, poiché subisce cambiamenti nella presentazione dovuti ad occultamenti/visualizzazione da parte di codice javascript, è parzialmente diversa da quella presentata da browser grafici con attivo javascript; ad esempio vengono visualizzate strutture frame altrimenti non visibili. L´interpretazione di Jaws è molto simile a quella del browser visuale cui di seguito si riporta la pagina di esempio.
Immagine Elinks
Si nota in questa immagine la presenza di un frame denominato "Password" assente sulla versione visualizzata da Internet Explorer.
L´accesso all´applicazione attraverso questa tipologia di browser, al di là della specificità dell´argomento che è comunque poco comprensibile senza la componente grafica parte integrante dei dati stessi, vanifica lo scopo principale dell´applicazione; è inutilizzabile e non percepibile gran parte dell´operatività della pagina sia a causa del codice dei controlli che divengono percepibili e sono attivati da eventi del mouse, poiché su queste piattaforme si opera da tastiera, sia dal fatto che questi stessi eventi agiscono attraverso routines javascript, che non è supportato dalla piattaforma, sia a causa dell´impossibilità di fruizione di risorse particolari, ad esempio la mappa in formato svg che non è interpretabile da questo strumento; ovviamente come già segnalato in precedenza, una parte fondamentale e significativa dei dati, cioè quelli forniti sotto forma di immagine, non possono essere fruibili.
Torna all'indice

3 Metodologia

3.1 Categoria di utenti

Questo tipo di indagine, nella sua forma più efficace richiederebbe di valutare il reale impatto nella fruizione del materiale (strumenti di navigazione, concetti veicolati, architettura concettuale ed organizzazione visuale delle informazioni, …) attraverso l´utilizzo di strumenti di tecnologia assistiva e/o attraverso sperimentazioni con candidati portatori di qualche tipo di disabilità; una forma alternativa è che questa indagine venga condotta da valutatori che effettuano l´accesso al sito utilizzando strumenti di simulazione delle barriere (lettori di schermo, browser testuali, visualizzazione in bianco e nero, ingranditori di schermo, …)
E´ possibile fare indagini su disparati tipi di scenari d´uso; in questo specifico caso, vista la particolare tecnica costruttiva utilizzata, che pone dei vincoli stretti allo strumento browser utilizzabile, le indagini che coinvolgono alcune categorie di utenti, ad esempio gli utenti non vedenti, sono poco produttive, in quanto queste categorie di utenti dovrebbero utilizzare strumenti dichiaratamente non supportati dall´applicazione stessa; è stata perciò selezionata una categoria di utenti che potesse utilizzare il browser Internet Explorer, che non fosse "influenzata" dall´utilizzo di un plug-in particolare, che fosse in grado di utilizzare, anche se parzialmente, il mouse per la navigazione nella pagina; la categoria selezionata è quella degli utenti disabili motori;

3.2 Profilo dell´utente (personae) e scenario d´uso

Mario: ha una disabilità motoria congenita che gli provoca poca mobilità negli arti inferiori ed un forte tremore in quelli superiori; ha conseguito la laurea in "ingegneria dell´ambiente e delle risorse" ed è stato assunto da qualche anno al comune di Cividale nel settore lavori pubblici; il comune di Cividale è capofila per il comprensorio della "Comunità montana Torre, Collio e Natisone", la quale ha adottato il sistema Geobrowser per l´accesso alle informazioni territoriali; Mario si occupa della valutazione dell´opportunità, utilità ed impatto sul territorio dei progetti di realizzazione di infrastrutture pubbliche e private a servizio comune del territorio della Comunità montana; la cultura acquisita a livello scolastico e la specificità del suo impiego lo rendono un ottimo esperto nell´argomento trattato dall´applicazione; utilizza correntemente l´elaboratore ed è anche un buon utilizzatore di strumenti di disegno grafico.

3.3 Possibili barriere da valutare

Il docente ha fornito una lista di possibili barriere per la tipologia di disabilità interessata dall´indagine: i disabili motori con disabilità permamente o temporanea (ad esempio utenti che hanno subito un infortunio ad un braccio e che momentaneamente devono portare l´ingessatura)

3.4 Criteri di valutazione

La valutazione consiste nella analisi sistematica degli strumenti di interazione forniti dal sito e della loro valutazione rispetto alle barriere individuate per la categoria di utenza; è necessario individuare la gravità dei problemi riscontrati, che vengono valutati in base a due aspetti: l´impatto del problema e la sua frequenza.
L´impatto valuta l´aspetto di incidenza del problema nella produttività, efficienza e sicurezza dell´utente nel portare a termine il compito stabilito.
La scala di valutazione dell´impatto è stabilita in tre valori che sono elencati di seguito in ordine crescente di incidenza:
1) Il problema è presente sul sistema, ma esistono altri modi facilmente individuabili per superare l´ostacolo permettendo comunque all´utente di portare a termine il suo compito; a questo livello, l´utente potrebbe percepire nel sistema problemi di efficienza nel portar a termine il compito, che porterebbero ad una sua insoddisfazione nell´utilizzo stesso dello strumento;
2) La presenza del problema offre ostacoli rilevanti ed il loro superamento non è facilmente aggirabile o evitabile dall´utente; il compito viene portato a termine dall´utente con notevole difficoltà costringendo l´utente ad una serie di tentativi errati; ciò determina nell´utente sensazioni di marcata inefficienza del sistema e di conseguenza una buona insoddisfazione;
3) Gli ostacoli affrontati dall´utente nel tentativo di portare a termine il compito sono talmente rilevanti da generare delle proprie barriere che ne impediscono il completamento; il sistema non fornisce strade alternative per la risoluzione, e/o costringe l´utente ad affrontare l´insorgere di problemi ancora più gravi; questa situazione impatta in modo elevato nella percezione di una grave inefficienza, insoddisfazione ed insicurezza del sistema;

Il problema rilevato è maggiormente amplificato dalla frequenza con la quale si presenta; la frequenza viene classificata con tre livelli:
1) il problema si presenta raramente, non è sempre presente durante lo svolgimento del compito; incide in maniera limitata sulla produttività e sulla soddisfazione dell´utente;
2) Il problema si presenta ogni volta che si tenta di eseguire un determinato compito, può impattare significativamente su produttività e/o soddisfazione dell´utente;
3) Il problema si presenta più volte durante lo svolgimento del compito, ciò fa calare marcatamente la produttività generando anche una notevole insoddisfazione.

La combinazione di impatto e frequenza determinano la gravità del problema/difetto che viene stabilita dalla seguente matrice di valori:
Determinazione del livello di gravità di un problema
Impatto Frequenza Gravità del problema
1 1 minore
1 2 minore
1 3 serio
2 1 serio
2 2 serio
2 3 critico
3 1 critico
3 2 critico
3 3 critico
Torna all'indice

4 Risultati della valutazione

Sommario

Sommario dei risultati della valutazione
Barriera Impatto Frequenza Gravità
Menù a cascata N.R. N.R. N.R.
Eventi mouse 2 3 Critico
Mancanza di link interni 2 3 Critico
Troppi link 1 3 Serio
Link troppo vicini 3 3 Critico
Nuove finestre N.R. N.R. N.R.
Form senza LABEL 3 2 Critico
Temporizzazioni troppo brevi 2 2 Serio
Mancanza di tasti rapidi 1 3 Serio
Controlli del browser disabilitati 2 2 Serio

Dettaglio dei risultati

4.1 Presenza di menù a cascata

Gravità del problema riscontrato: nessun problema riscontrato
Definizione del problema
Utilizzo per le funzioni di menù di scelte a cascata che divengono visibili al passaggio del mouse e fintanto che rimane in una determinata zona; questa tecnica risulta fallimentare in quanto necessità di un puntamento preciso e costante del mouse anche per la sola visualizzazione delle scelte.
Problema riscontrato
Non sono presenti menu a cascata
Suggerimenti
Torna all'indice      Torna al Sommario

4.2 Utilizzo di eventi del mouse

Gravità del problema riscontrato: minore (Impatto: 1, Frequenza: 1)
Definizione del problema
Spesso questa categoria di utenti predilige l´utilizzo della tastiera al mouse perché è uno strumento che semplifica i compiti di puntamento in determinati contesti; l´utilizzo del dispositivo tastiera impedisce lo scatenarsi dell´azione che farebbe eseguire eventuale codice in reazione ad eventi del mouse sui controlli; non verrebbe mai eseguito alcun codice in relazione all´evento onClick, onMouseOver e altri similari, in quanto connessi a situazioni generate esclusivamente da un dispositivo mouse; si verrebbero perciò a perdere tutte le funzionalità attivabili o percepibili attraverso questi eventi.
Problema riscontrato
Gran parte dei controlli, in particolare quelli per gestire la mappa, vengono resi percepibili come controlli attivabili solo dal fatto che al passaggio del mouse sopra di essi avviene un cambiamento grafico, ciò è realizzato utilizzando del codice connesso all´evento onMouseOver e onMouseOut; anche l´azione cui sono preposti viene scatenata dall´evento onClick.
Si espone come esempio molto diffuso per la realizzazione dei controlli: il controllo "Zoom esteso"
Normalmente il controllo è rappresentato da una immagine, come si può notare manca completamente di affordance in quanto non presenta alcun segno evidente di "cliccabilità" Immagine del controllo
Al passaggio del mouse viene evidenziato un bordo attorno al controllo che lo fa apparire visivamente simile ad un pulsante
Immagine del controllo al passaggio del mouse
Il codice esposto di seguito, che implementa il controllo evidenzia un forte utilizzo degli eventi del mouse
<IMG class=cssMap id=fittAll
onmouseover="btn_mouse(this,'btnMapHover')"
onclick="FunzioniLS('FitAll')"
onmouseout="btn_mouse(this,'btnMap')" height=22 alt="Zoom
esteso" src="img/fittAll.gif" width=22>
Suggerimenti
Queste tipologie di controlli possono essere realizzati migliorandone l´affordance, tramite immagini che possano richiamare la forma del pulsante ad esempio contornando l´immagine con un bordo che simuli un oggetto 3D, che nell´idea comune rappresenta qualcosa di "sollevato" rispetto al piano di sfondo e che può essere quindi premuto; in realtà guardando molto attentamente si nota attorno al controllo è presente uno sfondo leggermente più scuro della finestra nella quale è inserito, ma che in ogni caso non presenta un contrasto tale da dare sufficiente rilievo al controllo.
Gli eventi specifici del mouse che attivano funzionalità operative come "onClick" dovrebbero essere sostituiti con i corrispondenti eventi logici che vengono intercettati indipendentemente dal dispositivo utilizzato (mouse, tastiera o altri dispositivi) ad esempio l´evento "onKeyPress".
Torna all'indice      Torna al Sommario

4.3 Mancanza di link interni

Gravità del problema riscontrato: critico (Impatto: 2, Frequenza: 3)
Definizione del problema
I link interni permetto uno spostamento veloce all´interno della pagina, sono molto utili in caso di pagine complesse che si estendono in lunghezza oltre la dimensione dello schermo, poiché permettono all´utente di non dover continuamente operare su mouse o tastiera per scorrere la pagine; sono maggiormente utili nel caso di utilizzo di sola tastiera in quanto permettono un posizionamento diretto alle varie sezioni della pagina, senza dover necessariamente scorrere uno ad uno tutti i collegamenti fino ad arrivare alla zona della pagina che interessa.
Problema riscontrato
Nella pagina si evidenzia la completa assenza di questi collegamenti; forse la giustificazione è che i contenuti presentati vengono esposti all´interno di una sola videata senza necessità di scorrimento; il problema sarebbe anche di rilevanza minore se la pagina non fosse costruita con elementi strutturali come i frame che con il solo utilizzo della tastiera non sono accessibili, ciò impedisce la navigazione in determinate zone della pagina e perciò, di conseguenza rende impossibile il completamento dei compiti.
Suggerimenti
Sarebbe forse opportuno costruire una sorta di pulsantiera disposta nella parte alta della pagina, con una serie di collegamenti che permettano l´accesso diretto ai frames, posizionandosi al loro interno; sarebbe opportuno anche una connessione inversa che da ogni frame potesse riportare il posizionamento alla pulsantiera; sarebbe anche utile reiterare lo stesso meccanismo all´interno dei frames, suddivisi a loro volta in sottoframes.
Torna all'indice      Torna al Sommario

4.4 Troppi link

Gravità del problema riscontrato: serio (Impatto: 1, Frequenza: 3)
Definizione del problema
La presenza di troppi collegamenti nella pagina costringe l´utente ad un maggiore sforzo mentale per comprenderne l´utilizzo e per riuscire a capire quale sia quello più adatto al raggiungimento dello scopo; il problema diventa maggiormente critico quando non è presente o è presente solo in parte una organizzazione a gruppi dei link; ove sono presenti tanti link è sempre comunque opportuno operare una suddivisone logica in gruppi e sarebbe anche meglio fornire delle funzioni di link interno per permettere la navigazione "saltando" da un gruppo all´altro.
Problema riscontrato
La pagina espone moltissimi link i quali sono organizzati in zone logiche rese più o meno evidenti sotto l´aspetto grafico; sono raccolti all´interno di barre, di frames o allineati vicini per attinenza funzionale; spesso mancano di titolazione esplicativa del senso del raggruppamento effettuato; è da notare che anche i raggruppamenti di entità maggiore, i frames, non sono sempre titolati.
come evidenziato al punto precedente, non sono presenti link interni che permettono la navigazione tra i gruppi di controlli.
Suggerimenti
Data la sua caratteristica di sito operativo e per la specifica tipologia di interazione utente che si vuole realizzare, è inevitabile l´esistenza di tanti controlli; è corretta anche l´organizzazione in gruppi di controlli, raccolti, in questo caso, per similitudine di azione; è opportuno però evidenziare meglio i raggruppamenti dei controlli anche con titoli, che in questo caso non sono sempre evidenti, la cui mancanza talvolta costringe l´utente ad inventarsi un motivo di raggruppamento; un esempio sono i collegamenti disposti attorno all´immagine della mappa, si notano due grossi raggruppamenti a destra ed a sinistra, all´interno di questi gruppi, si nota la volontà di ulteriore suddivisione grazie alla presenza di separatori grafici (nel caso specifico un doppio trattino Immagine del simbolo separatore) ma non è reso evidente il significato di tali raggruppamenti.
Torna all'indice      Torna al Sommario

4.5 Link troppo vicini

Gravità del problema riscontrato: critico (Impatto: 3, Frequenza: 3)
Definizione del problema
Questo aspetto rappresenta forse il maggiore problema di accessibilità ad un sito per il disabile motorio il cui maggiore problema si concentra nella difficoltà nelle operazioni di puntamento; se i controlli sono troppo vicini o troppo piccoli è difficile attivare con precisione quello che interessa, si rischia al contrario il fallimento del compito non riuscendo ad effettuare l´attivazione o peggio ancora, attivando un controllo non voluto che è posizionato troppo vicino.
Problema riscontrato
Questo problema si presenta in più punti della pagina analizzata; i controlli sono tutti piuttosto piccoli e tra loro vicinissimi;
Immagine dei controlli nel form Impostazione della Mappa
Nell´immagine precedente che rappresenta un estratto del form "Impostazioni della mappa", i fattori di scala predefiniti sono realizzati con una serie di controlli molto piccoli, specialmente nell´altezza e molto ravvicinati. La realizzazione è effettuata tramite una tabella nelle cui celle sono inseriti i vari valori, l´attivazione del controllo avviene grazie all´evento onClick sulla cella di tabella; lo spazio di separazione tra i controlli è quindi pari all´ampiezza del bordo della tabella; c´è da dire che utilizzando la funzione di personalizzazione della dimensione dei caratteri messa a disposizione dal browser, poiché la tabella si autodimensiona rispetto al contenuto, si ha un effetto di ingrandimento anche sul controllo, rimane comunque invariata la distanza tra controlli che è sempre insufficiente.
Suggerimenti
In generale è necessario riprogettare nuovamente l´interfaccia rendendo i controlli più grandi e pi distanti l´uno dall´altro.
Torna all'indice      Torna al Sommario

4.6 Nuove finestre

Gravità del problema riscontrato: nessun problema rilevato
Definizione del problema
Anche in questo caso il problema è riconducibile all´operazione di puntamento sempre molto critiche per questa categoria di utenza; l´apertura di nuove finestre costringe l´utente ad una azioni di precisione sul controllo di chiusura della finestra, la maggior parte delle volte è necessario utilizzare il tasto in alto a destra, per poter continuare il compito; qualora sia necessario utilizzare questa tecnica, è sempre meglio chiarire all´utente che si sta aprendo una nuova finestra e presentare nella stessa un adeguato controllo per la chiusura.
Problema riscontrato
L´interazione con l´applicazione avviene in una unica finestra.
Suggerimenti
Torna all'indice      Torna al Sommario

4.7 Form senza LABEL

Gravità del problema riscontrato: critico (Impatto: 3, Frequenza: 2)
Definizione del problema
E´ necessario che all´interno di un form ogni controllo sia associato ad una opportuna struttura label/for che collega il controllo alla propria dicitura; la tecnica è utilissima per il superamento di barriere collegate a disabilità visive, casi in cui si opera attraverso l´utilizzo di browser vocali, che in questo modo riescono ad associare al controllo la sua definizione; è ugualmente utile nel caso di questa categoria di utenti, ed in particolar modo nel caso di controlli che altrimenti avrebbero una superficie di "cliccabilità" ridotta, come radiobutton o checkbox; in questi casi l´utilizzo di questa struttura permette l´estensione dell´area "cliccabile" anche alla dicitura connessa come label al controllo.
Problema riscontrato
La pagina è composta da molti form che contengono controlli; in nessun caso ho riscontrato la presenza di questa struttura; al contrario, ho notato dei casi in cui l´utente visivamente potrebbe essere tratto in inganno dalla presenza della struttura, quando in realtà essa è mancante.
Immagine di una silumazione checkbox
In questo esempio al passaggio del mouse sulla scritta "Quadro unione Comuni" avviene un cambiamento alla forma del cursore del mouse (manina) segnalando in questo modo un controllo attivabile, ma "cliccando" sopra non succede nulla; indagando il codice in realtà ci si accorge che il controllo checkbox è simulato; per chiarezza si espone un estratto del codice
<td nowrap="nowrap">
<a style="position:relative; z-index:1"onclick="selectfoglia(&quot;V12QuadrounioneComuni&quot;)" onmouseover="TooltipHover('TitoloV12QuadrounioneComuni','TitoloToolTipV12QuadrounioneComuni','20001','450000')" onmouseout="TooltipOut(&quot;TitoloV12QuadrounioneComuni&quot;,&quot;TitoloToolTipV12QuadrounioneComuni&quot;)" scalaMin="20001" scalaMax="450000" tipo="modello" class="modello modelloDisabilitato">
<span style="position:relative;display:block" id="TitoloV12QuadrounioneComuni">Quadro unione Comuni</span>
<span style="position:relative;display:none;" id="TitoloToolTipV12QuadrounioneComuni"></span>
</a>
</td>
La riga di scelta è realizzata tramite cella di tabella in cui tutto il contenuto, formato da immagine del quadratino tipo checkbox e testo, è racchiusi in un tag A risultando per questo motivo interamente cliccabile; in realtà per come è scritto il codice dovrebbe funzionare anche l´attivazione tramite click sulla parte testuale, cosa che invece non avviene, ma forse è dovuto ad una scorretta interpretazione dei tag da parte del browser.
Suggerimenti
Affinché la pagina sia resa accessibile anche da tecnologia assistiva e´ necessario rivedere pesantemente le form e realizzarle con tecniche che assicurino ai controlli un accesso standardizzato; in particolare per quanto attiene la categoria di utenti cui si riferisce questa valutazione, è necessario che per lo meno i controlli di tipo checkbox di cui la pagina è ricca, vengano realizzati con l´utilizzo della struttura label/for
Torna all'indice      Torna al Sommario

4.8 Temporizzazioni troppo brevi

Gravità del problema riscontrato: serio (Impatto: 2, Frequenza: 2)
Definizione del problema
Il completamento dei compiti assegnati ma anche la sola navigazione all´interno della pagina, per questa categoria di utenti, nella generalità dei casi e per cause connesse alla disabilità stessa, avviene in tempi più lunghi del previsto; potrebbe succedere, ed in particolar modo nei siti operativi, che a causa di temporizzazioni troppo brevi impostate a livello di server, scadano i termini previsti per il completamento dell´azione o per la validità della sessione di lavoro causando anche la reimpostazione dei contenuti della pagina; ciò costringe l´utente a trovarsi nella condizione di non riuscire a portare a completamento il compito previsto.
Problema riscontrato
Sono state impostate delle temporizzazioni per l´accesso alla pagina; allo scadere del tempo prefissato non avvengono però mutazioni in alcun aspetto della pagina, rimane quindi comunque accessibile nei contenuti visualizzati per un tempo indefinito; l´utente si accorge dell´avvenuta scadenza della sessione di lavoro quando vuole ricominciare un nuovo compito che in qualche modo altera i contenuti della pagina stessa; a questo punto il sistema accorgendosi della situazione avverte l´utente con un messaggio dell´avvenuta scadenza dei tempi di sessione e costringe l´utente a ricaricare nuovamente la pagina; non c´è modo di ripristinare la situazione precedente alla scadenza della sessione in quanto la pagina ricaricata è quella iniziale.
Suggerimenti
E´ necessario almeno all´ingresso nel sito dare all´utente informazione esplicita dell´esistenza di temporizzazioni e di quali siano i vincoli temporali stabiliti dal sistema; inoltre sarebbe opportuno anche dare all´utente la possibilità di ripristinare il lavoro svolto fino al punto precedente alla scadenza della sessione, dando la possibilità di ricaricare la pagina con i contenuti aggiornati a quel momento.
Torna all'indice      Torna al Sommario

4.9 Mancanza di tasti rapidi

Gravità del problema riscontrato: serio (Impatto: 1, Frequenza: 3)
Definizione del problema
Come detto in precedenza il disabile motorio predilige l´utilizzo della tastiera ed i tasti rapidi danno la possibilità di posizionamento immediato in punti precisi della pagina.
Problema riscontrato
Nella pagina analizzata si nota la completa assenza di questa funzionalità che tanto sarebbe utile per lo meno per il posizionamento nei vari frame nel caso di utilizzo per la navigazione della sola tastiera.
Suggerimenti
Sarebbe bene che almeno per il posizionamento al livello più alto dei raggruppamenti dei controlli, fosse presente una funzionalità di questo tipo; potrebbe essere realizzata in affiancamento a link interni (si veda il suggerito proposto alla sezione "Mancanza di link interni") per il posizionamento all´interno dei frames o tra i raggruppamenti di controlli.
Torna all'indice      Torna al Sommario

4.10 Controlli del browser disabilitati

Gravità del problema riscontrato: serio (Impatto: 2, Frequenza: 1)
Definizione del problema
Quando i controlli di navigazione del browser sono disabilitati, sono impossibili le operazioni da essi fornite, ad esempio il ritorno alla pagina precedente; quando essi sono disabilitati, in genere, l´autore li fornisce in modalità diversa costringendo perciò l´utente ad una più approfondita scansione della pagina per ritrovare le stesse funzionalità fornite sotto forma di controlli.
Problema riscontrato
I controlli di navigazione del browser non sono disabilitati nell´unica finestra dalla quale avviene l´interazione utente con l´applicazione; l´utente potrebbe avere però necessità, sia a livello di pagina che di frame, di ripristinare i dati precedenti all´ultima modifica, azione che in genere si fa con il controllo back del browser; in questa applicazione il tasto back non fruisce gli effetti voluti, anzi, in alcuni casi, provoca problemi ancora più critici, ad esempio nei frames il cui contenuto si rinfresca con la segnalazione di pagine non trovate; questa situazione provoca mancata confidenza dell´utente nel sistema e sicuramente mancanza di libertà nelle azioni.
Suggerimenti
Rendere in qualche modo accessibili delle funzionalità che permettano al browser, all´attivazione del tasto back, di ripristinare la situazione precedente all´ultima operazione dell´utente; in presenza di vincoli al funzionamento del controllo back, causati dalle scelte applicative operate dall´autore, sarebbe necessario fornire almeno per i form, dei controlli alternativi come "annulla" o "indietro".
Torna all'indice      Torna al Sommario