Relazioni Corso di Progettazione di Siti Web - Conformità Regione Liguria

Conformità Regione Liguria

Sommario e dettaglio risultati

[ PRIORITÀ 1 ]

Linea Guida 1.1 .

Fornire un equivalente testuale per ogni elemento non di testo (per esempio, mediante "alt", "longdesc" o contenuto nell’elemento stesso). Questo comprende: immagini, rappresentazioni grafiche di testo (compresi i simboli), zone di immagini sensibili, animazioni (ad es. GiF animate), applet e oggetti programmati, arte ascii frame, script, immagini usate come richiamo per elenchi, spaziatori, bottoni grafici, suoni (azionati con o senza l’intervento dell’utente), file di solo audio, tracce audio di video e video.

Analisi.

Tutte le immagini presenti nel sito presentano un testo alternativo. Abbiamo però riscontrato a volte un uso non opportuno del campo alt="". in particolare ci riferiamo a tre casi. Il primo in cui viene impostato il campo alt con il carattere asterisco, e il secondo in cui vengono inserite delle descrizioni troppo lunghe o non significative e il terzo, (messo in palese rilievo con il browser testuale Lynx) in cui c’è informazione ridondante perchè si inserisce nel campo alt="" di una foto la stessa informazione presente nel link accostato all’immagine.

Caso 1
  • http://www.regione.liguria.it/MenuSezione.asp?Parametri=1_2_1_$1_2_1_$Presidente$0$
    ...img src="img/filetto.gif" alt="*" width="760" height="6"...
    // utilizzo di alt "*" non ottimale. Se l’immagine nn ha significato perchè per esempio è parte di grafica, è più opportuno lasciare vuoto il campo alt="" in modo che agli utenti disabili che utilizano lettori di schermo non arrivino informazioni inutili e sopratutto di disturbo.
  • http://www.regione.liguria.it/MenuSezione.asp?Page=focus/2006/Novembre/f_orientamenti.htm$Menu=1
    ...img src="images/freccia.gif" border="0" width="13" height="10" alt="Freccia"...
    // a precedere i link a sinistra di questa pagina son state inserite le immagini "freccia.gif". Visto che sono state introdotte per un fattore estetico sarebbe ideale privarle del collegamento e settare il campo alt vuoto in modo da facilitare la lettura dei link senza introdurre (ancora una volta) informazioni inutili.
  • http://www.regione.liguria.it
    ... img src="img/bottom.gif" width="760" height="26" alt="Bottom" ...
    // impostare alt con valore bottom è evidente sia inutile e non chiarisca lo scopo del bottone...meglio inserire un testo alternativo più significativo.
> Caso 2
  • http://www.regione.liguria.it
    ...img src="img/menu.gif" alt="mappa" border="0" USEMAP="#top"...
    // il campo alt non veicola l’informazione corretta, era più opportuno impostarlo con un nome come "link utili" oppure "menu secondario".
  • http://www.regione.liguria.it
    ... img src="img/urp.gif" border="0" alt="Benvenuti sul sito ufficiale della Regione Liguria" ...
    // si poteva dare un testo alternativo più corto come "sito ufficiale regione liguria" o eventualmente se proprio nesessario inserire una londesc.
  • http://www.regione.liguria.it
    ... img src="focus/2006/Novembre/f_europa_big.gif" alt="immagine: logo della manifestazione europa in liguria"...
    //stesso ragionamento del precedente
  • http://www.regione.liguria.it
    ...img src="img/logo.gif" border="0" alt="logo della regione liguria"...
    //era più opportuno impostare il campo alt con "home". Resta il fatto che come è stata inserita l’immagine non si capisce affatto che è un link che porta alla home page; è infatti priva di una scritta e non è stata evidenziata in alcun modo. Bisogna osservare però che se l’utente si sposta in pagine interne nel sito è aiutato da un buon sistema di "breadcrumbs".
  • http://www.regione.liguria.it
    ...img src="img/continua2.gif" width="185" height="15" border="0" alt="continua la lettura degli aggiornamenti"...
    ////si fa un uso errato del testo alternativo, "sportello del cittadino" avrebbe comunicato correttamente all’utente il significato del link. Inoltre è utillizzato lo stesso valore del campo "alt" per link diversi (4 immagini posizionate vicine nel layout della home page con: diversi target e stesso valore del campo alt).
Caso 3
  • http://www.regione.liguria.it
    ...img src="img/eventidellavita.gif" border="0" alt="Eventi della vita"...
    // c’è una ripetizione, l’informazione è quindi ridondante dato che si utilizzano due link vicini con lo stesso target. È Da sottolineare che questa ripetitività può recare disturbo. È per questo che sarebbe opportuno eliminare uno dei due link... magari il secondo visto che è inserito più volte nelle pagine come elemento estetico.
  • http://www.regione.liguria.it
    ...img src=’focus/2006/Novembre/f_europa.gif’ alt="L’Europa sotto casa" ... L’EUROPA SOTTO CASA...
    //Si può notare che c’è una ripetizione di informazione (ragionamento ripetuto per le 4 foto presenti nella parte centrale della home page). Questo viene in risalto utilizzando un browser testuale come lynx che nella navigazione della pagina,quando incontra il codice qui sopra riportato, legge in modo seriale il contenuto del campo alt e poi il link, per esempio con questo risultato:

    L’Europa sotto casa L’EUROPA SOTTO CASA

  • http://www.regione.liguria.it

    //Stesso discorso del caso precedente. Abbiamo riportato anche quest’altro esempio per far vedere che l’errore non è presente solo nella home page ma anche in altre pagine all’interno del sito dove ad un immagine si associa come testo alternativo il testo presente nel link di fianco all’immagine con il seguente risultato se andiamo a leggere la pagina con un browser testuale:

    Comunicati Giunta
    Comunicati Giunta

  • http://www.regione.liguria.it
    ...inizio collegamento... img src="img/w3c.gif" border="0" alt="logo w3c" width="54" height="19" ... img src="img/css.gif" width="54" height="19" border="0" alt="logo w3c" ...fine collegamento...
    //in questo esempio si può notare invece che sono state raggruppate in unico collegamento 2 immagini con lo stesso testo alternativo. il testo alternativo non è molto significativo (si poteva mettere "sito w3c" preceduto eventualmente da una descrizione: "pagina accessibile") ed inoltre, c’è una ridondanza di informazione che viene risaltata ancora una volta testando la pagina con un browser di testo. Cio che si presenta ad un utente disabile che usa un lettore di schermo o un browser testuale è una situazione (chiaramente migliorabile) di questo tipo:

    logo w3c logo w3c

Linea Guida 2.1 .

Assicurarsi che tutta l’informazione veicolata dal colore sia disponibile anche senza, per esempio grazie al contesto o ai marcatori.

Analisi.

Dopo aver analizzato le principali pagine del sito su siti come "http://colorfilter.wickline.org/" per mettere in evidenza gli eventuali problemi che potrebbero avere gli utenti con dei deficit visivi possiamo dire che non abbiamo riscontrato gravi problematiche. Abbiamo simulato i casi di utenti daltonici e abbiamo provato a vedere come risulterebbe il sito in una visuale monocromatica. Nonostante in alcuni punti qualche elemento (piccoli testi, link, foto) non risulta essere particolarmente appariscente,riteniamo che il sito supera questo tipo di bariera. Possiamo dire che l’utilizzo di marcatori opportuni ha garantito una discreta indipendenza dai dispositivi di fruizione.

Linea Guida 4.1 .

identificare con chiarezza i cambiamenti nel linguaggio naturale del testo di un documento e in ogni equivalente testuale (per es. nelle didascalie).

Analisi.

Nelle pagine da noi analizzate, i cambianti dal linguaggio naturale non vengono identificati. il motivo di questa scelta risulta essere ovvio: non sono presenti dei testi in un linguaggio differente da quello utilizzato (italiano) , ma solo vocaboli in lingua straniera utilizzati quotidianamente perchè ormai ormai parte della nostra cultura (e-mail per esempio) o perchè utilizzati per indicare "oggetti" che nel lingiaggio tecnico si usa chiamare così. Per comprendere la cosa con più chiarezza basta osservare la mappa presente nella testata superiore della pagina: qui sono presenti i link: carattere,mappa,help,contatti,link,forum,newsletter dove si mescolano vocaboli italiani ed inglesi ormai "italianizzati".
Nel sito non vengono utilizate didascalie perchè non ce n’è la necessità.>
Non si fa uso del TAG abbr per abbreviazioni ed acronimi (Per esempio si poteva utilizzarlo con URP)

Linea Guida 6.1 .

Organizzare i documenti in modo che possano essere letti senza i fogli di stile. Per esempio, quando un documento HTML viene reso senza i fogli di stile associati, deve essere sempre possibile leggere il documento.

Analisi.

Documenti organizzati in modo corretto e leggibili in assenza dei fogli di stile.

Osservazione (non rilevante hai fini dell’accessibilità, ma emersa durante l’analisi di questo punto).
http://www.regione.liguria.it/mappa.asp
// pessimo uso delle impostazioni dello stile: sono state scritte veramente molteplici righe quando si poteva generalizzare il tutto con l’uso di "class" in un foglio di stile.

Linea Guida 6.2 .

Assicurarsi che gli equivalenti del contenuto dinamico vengano aggiornati quando il contenuto dinamico cambia.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

Linea Guida 7.1 .

Fino a quando gli interpreti non permetteranno agli utenti di controllare lo sfarfallio, evitare di far sfarfallare lo schermo.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

Linea Guida 14.1 .

Usare il linguaggio più chiaro e semplice possibile che sia adatto al contenuto di un sito.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

Se si utilizzano immagini o mappe immagine

Linea Guida 1.2 .

Fornire ridondanti collegamenti di testo per ogni zona attiva di una immagine sensibile sul lato server.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

Linea Guida 9.1 .

Fornire immagini sensibili sul lato client invece di immagini sensibili sul lato server, con l’eccezione dei casi nei quali le zone non possono essere definite con una forma geometrica valida.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

OsservazioneSi potrebbe obiettare sull’utilizzo delle "COORDS" per definire le aree sensibili della mappa. Sarebbe più opportuno utilizzare le forme geometriche standard. Tuttavia non rappresenta una problematica grave.

Se si utilizzano tabelle

Linea Guida 5.1 .

Per tabelle di dati, identificare le intestazioni di righe e colonne.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

Linea Guida 5.2 .

Per tabelle di dati che hanno due o più livelli logici di intestazioni di righe o colonne, usare marcatori per associare le celle di dati e le celle di intestazione.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

Se si utilizzano utilizzano i frame

Linea Guida 12.1 .

Dare un titolo a ogni frame per facilitare l’identificazione del frame e la navigazione.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

Se si utilizzano applet e script

Linea Guida 6.3 .

Assicurarsi che le pagine siano utilizzabili quando script, applet, o altri oggetti di programmazione sono disabilitati oppure non supportati. Se questo non è possibile, fornire informazione equivalente in una pagina accessibile alternativa.

Analisi.

Gli script non hanno un’incidenza grave se disabilitati in quanto vanno ad agire sui font dei testi sul "video dell’aggiornamento meteo". Una mancanza di funzionalità del sito viene a crearsi invece in quanto la disabilitazione degli scipt non rende possibile effettuare ricerche sul sito. Qunidi il servizio non risulta disponibile sotto quelle condizioni.

Ci sono invece probleminei casi in cui si provano a scaricare alcuni pdf come: http://www.regione.liguria.it/MenuSezione.asp?page=conosc/10_biblio/linux07.pdf

con browser grafico bisogna essere accorti che non sia attivo alcun software che blocchi i popup. È da sottolineare che non ci sono alternative testuali ai file scaricabili, perciò un utente che fa uso di tecnologie assistite non può accedere a quelle informazioni.

Se si utilizzano elementi multimediali

Linea Guida 1.3 .

Fino a quando gli interpreti non potranno leggere automaticamente ad alta voce l’equivalente testuale di un filmato, fornire una descrizione audio delle informazioni essenziali del filmato di una presentazione multimediale.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

Linea Guida 1.4 .

Per ogni presentazione multimediale temporizzata (per es. un film o una animazione), sincronizzare alternative equivalenti (per es. didascalie o descrizioni parlate del filmato) con la presentazione.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

Se tutto il resto fallisce

Linea Guida 11.4 .

Se, nonostante ogni sforzo, non si può creare una pagina accessibile, fornire un collegamento a una pagina alternativa che usi le tecnologie W3C, sia accessibile, contenga informazioni (o funzionalità) equivalenti, e sia aggiornata con la stessa frequenza della pagina (originale) inaccessibile.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

[ PRIORITÀ 2 ]

In generale

Linea Guida 2.2 .

Assicurarsi che le combinazioni fra colori dello sfondo e del primo piano forniscano un sufficiente contrasto se visti da qualcuno con deficit percettivi sul colore o se visti su uno schermo in Bianco e Nero. [Priorità 2 per le immagini, Priorità 3 per il testo].

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema consistente. Unica puntualizzazione da fare è quella fatta nel punto 2.1 per la priorità 1.

Linea Guida 3.1 .

Quando esiste un linguaggio di marcatori adatto, per veicolare informazione usare un marcatore piuttosto che le immagini.

Analisi.

Per questo punto abbiamo riscontrato diversi casi in cui i realizzatori del sito hanno preferito adottare immagine dove potevano essere benissimo sostituite da testo con opportuni marcatori, o in altri casi da poche istruzioni in più nel foglio di stile (sopratutto per creare effetti grafici di secondo piano).

Esempi
  • ...img src="img/eventidellavita.gif" border="0" alt="Eventi della vita" width="185" height="15"...
    // era molto più pulito e opportuno creare l’effetto del bordino arancione in css ed inserire un testo con un link.
  • //il menù principale che si trova nella testata della home page, quello che si presenta con: istruzione, economia, istruzione e lavoro, salute e sociale, ambiente e territorio, turismo e cultura porta a delle pagine con relativi link arricchite in modo esagerato di immagini. Secondo noi, ciò crea un pò di confusione e non è di molta utilità.
  • ...img src=’img/testo/Maiuscole/S.gif’ border=’0’ style=’margin-right:0px;’...
    ...img src=’img/testo/Minuscole/t.gif’ border=’0’ style=’margin-right:0px;’...
    ...img src=’img/testo/Minuscole/a.gif’ border=’0’ style=’margin-right:0px;’...
    ...img src=’img/testo/Minuscole/t.gif’ border=’0’ style=’margin-right:0px;’...
    ...img src=’img/testo/Minuscole/u.gif’ border=’0’ style=’margin-right:0px;’...
    ...img src=’img/testo/Minuscole/t.gif’ border=’0’ style=’margin-right:0px;’...
    ...img src=’img/testo/Minuscole/o.gif’ border=’0’ style=’margin-right:0px;’...
    //Nella pagina relativa allo statuto c’è un pessimo utilizzo di immagini. in questo caso l’autore del sito utilizza ben 7 micro-immagini per visualizzare la parola statuto. È evidente che non è la soluzione migliore! Era meglio utilizzare un testo e decorarlo con i marcatori e il foglio di stile. Poi, se proprio necessari dal punto di vista estetico era più opportuno formare un’unica immagine "statuto".

Linea Guida 3.2 .

Creare documenti che siano validi rispetto alle grammatiche formali pubblicate.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

Linea Guida 3.3 .

Usare fogli di stile per controllare l’impaginazione e la presentazione.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

Linea Guida 3.4 .

Usare unità relative e non assolute nei valori degli attributi del linguaggio di marcatura e nei valori della proprietà del foglio di stile.

Analisi.

Solo in qualche caso vengono utilizzate unità di misura relative. Ma solo in pochi casi e che non sembrano creare particolari complicazioni ad utenti disabili.

Linea Guida 3.5 .

Usare elementi di intestazione per veicolare la struttura del documento e usarli in modo conforme alle specifiche.

Analisi.

Non vengono utilizzati elementi di intestazione per veicolare la struttura del documento. Si utilizzano altre vie come le liste e le tabelle.

Linea Guida 3.6 .

Marcare le liste ed elencare le voci della lista in modo appropriato.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

Linea Guida 3.7 .

Marcare le citazioni. Non usare marcatura che definisca citazioni per ottenere effetti di formattazione come il rientro.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

Linea Guida 6.5 .

Assicurarsi che il contenuto dinamico sia accessibile oppure fornire una presentazione o pagina alternativa.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

OsservazionePotevano sorgere dei dubbi nell’oggetto in Flash delle previsioni meteo ma Lynx ha dimostrato che si riesce ad accedere alle informazioni di interesse.

Linea Guida 7.2 .

Fino a quando i programmi utente non permetteranno agli utenti di controllare il lampeggiamento, evitare di far lampeggiare il contenuto (cioè di cambiare la presentazione a intervalli regolari, come se si accendesse e spegnesse).

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

Linea Guida 7.4 .

Fino a quando i programmi utente non forniranno la possibilità di bloccare l’autoaggiornamento, non creare pagine che si autoaggiornano periodicamente.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

Linea Guida 7.5 .

Fino a quando i programmi utente non forniranno la capacità di bloccare l’auto-reindirizzamento, non usare marcatura per reindirizzare le pagine automaticamente. Piuttosto, configurare il server in modo che esegua i reindirizzamenti.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

Linea Guida 10.1 .

Fino a quando i programmi utente non permetterano agli utenti di bloccare la generazione di nuove finestre, non fare apparire finestre a cascata o di altro tipo e non cambiare la finestra attiva senza informare l’utente.

Analisi.

In questo sito capita spesso che dei link facciano apparire altre finestre senza informare l’utente (es. file da scaricare,link al sito W3C, ecc.). Questo è un problema che si pone per i Browser più limitati e meno moderni (come quelli testuali) in quanto per gli altri è possibile regolare e limitare questo tipo di comportamento.

Linea Guida 11.1 .

Usare le tecnologie W3C quando sono disponibili e sono appropriate per un certo compito e usare le versioni più recenti quando sono supportate.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

Linea Guida 11.2 .

Evitare le caratteristiche delle tecnologie W3C che sono disapprovate.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

Linea Guida 12.3 .

Dividere grandi blocchi di informazione in gruppi più maneggevoli quando è naturale ed appropriato.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

OsservazioneCome già detto in precedenza, invece di inserire un quantitativo esagerato di immagini nelle pagine target del menù principale, era meglio organizzare il tutto in gruppi più maneggevoli.

Linea Guida 13.1 .

Identificare con chiarezza l’obiettivo di ogni collegamento.

Analisi.

Sono stati già rilevati precedentemente problemi riguardante la scelta e l’utilizzo dei collegamenti e dei loro relativi testi alternativi (vedi il punto 1.1 ).

Linea Guida 13.2 .

Fornire metadata per aggiungere informazione di tipo semantico alle pagine e ai siti.

Analisi.

I Meta-tag sono dei tag Html volti a fornire informazioni aggiuntive (meta-informazioni) su un documento ipertestuale. Nel sito da noi analizzato sono presenti i seguenti meta-tag:

...meta http-equiv="content-type" content="text/html;charset=iSO-8859-1"...
...meta name="author" content="Centro Media - Datasiel"...
...meta name="generator" content="Blocco Note"...

Linea Guida 13.3 .

Fornire informazione sulla configurazione generale di un sito (per es., una mappa oppure un indice del sito).

Analisi.

Sono presenti: in primo luogo una mappa (il cui nome del link ha creato qualche ambiguità con il browser testuale) e poi una pagina di help.

Linea Guida 13.4 .

Usare meccanismi di navigazione in modo coerente.

Analisi.

Troviamo efficiente e intelligente il meccanismo di navigazione. Quando l’utente naviga nelle pagine del sito, nella parte superiore della pagina, sotto alla testata, può vedere dove si trova con "il tuo percorso:" che gli mostra come si è mosso nel sito. Ad ogni pagina cliccata, il percorso viene aggiornato, e in ogni momento è cliccabile permettendo così all’utente di ritornare in una pagina precedente. Questo moderno meccanismo di navigazione è chiamato "breadcrumbs"

Se si utilizzano le tabelle

Linea Guida 5.3 .

Non usare tabelle per impaginazioni a meno che la tabella non sia comprensibile se letta in modo linearizzato. Altrimenti, se la tabella non risulta leggibile, fornire una alternativa equivalente (che può essere una versione linearizzata).

Analisi.

Nel sito da noi analizzato vengono utilizzate tabelle per l’impaginazione per strutturare le pagine. E’ da sottolineare che gli autori del sito non hanno inserito una alternativa equivalente. infatti, come precedentemente evidenziato (es. punto 1.1) se andiamo a leggere alcune pagine con un browser seriale come quello testuale emergono vari problemi: ripetizione dei link, link con target differenti ma con testo alternativo uguale, ecc. Questa strutturazione può creare delle difficoltà ad un utente disabile.

Linea Guida 5.4 .

Se per l’impaginazione viene usata una tabella non usare nessun marcatore di struttura per la formattazione della resa visiva.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

Se si utilizzano i frame

Linea Guida 12.2 .

Non usare tabelle per impaginazioni a meno che la tabella non sia comprensibile se letta in modo linearizzato. Altrimenti, se la tabella non risulta leggibile, fornire una alternativa equivalente (che può essere una versione linearizzata).

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema.

Se si utilizzano i moduli

Linea Guida 10.2 .

Fino a quando i programmi utente non supporteranno esplicite associazioni fra etichette e controlli dei moduli, assicurare, per tutti i controlli dei moduli che hanno etichette associate implicitamente, che l’etichetta sia posizionata correttamente.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema (etichette non presenti).

Linea Guida 12.4 .

Associare esplicitamente le etichette ai loro controlli.

Analisi.

Non è stato rilevato alcun problema (etichette non presenti).

Se si utilizzano applet e script

Linea Guida 6.4 .

Per quanto riguarda script e applet, assicurarsi che i gestori di eventi siano indipendenti dai dispositivi di input.

Analisi.

Analizzando le pagine di questo sito web si nota che gli eventi sono dipendenti dal dispositivo di input. in alcuni casi come per il gestore dell’evento che "effettua" la ricerca non ci sono problemi ma nel caso di eventi legati per esempio al mouse si capisce subito che si presenta un problema di usabilità per gli utenti disabili che non utilizzano questo dispositivo:
...AREA SHAPE="rect" ALT="caratteri grandi" COORDS="134,7,151,34" HREF="#" onclick="javascript:changeFontSize(15);"...

Linea Guida 7.3 .

Fino a quando i programmi utente non permetteranno agli utenti di bloccare il contenuto in movimento, evitare il movimento nelle pagine.

Analisi.

Sono presenti due testi animati: quello che porta alla traduzione del sito (una gif) e quello che scorre sotto la testata. il secondo non crea alcun problema ma il primo non si può bloccare. Gli utenti che non usano un browser visuale non si accorgono di niente ma un utente normale può essere "disturbato" dalla continua animazione che non può bloccare. Non è un problema di grave entità ma va tenuto presente.

Linea Guida 8.1 .

Fare in modo che elementi di programmi come script e applet siano direttamente accessibili o compatibili con le tecnologie assistive [Priorità 1 se la funzionalità è importante e non presentata altrove, altrimenti Priorità 2].

Analisi.

Con gli strumenti da noi utilizzati non siamo riusciti ad analizzare in modo approfondito questo punto. Nonostante ciò possiamo dire che gli script non sono accessibili con le tecnologie assistite. Viene però garantito un testo alternativo che garantisce una corretta fruizione del sito.

Linea Guida 9.2 .

Assicurarsi che ogni elemento che possiede una sua specifica interfaccia possa essere gestito in una modalità indipendente da dispositivo.

Analisi.

Problema già rilevato per gli script che utilizzano il gestore "onclick". Non è gestito da dispositivi privi di browser grafico.

Linea Guida 9.3 .

Negli script, specificare gestori di evento logici piuttosto che gestori di evento dipendenti da dispositivo.

Analisi.

Problema già rilevato per gli script che utilizzano il gestore "onclick".

Ghin Paolo, Meneghin Stefano.