Simulazione Euristica

Introduzione

La simulazione euristica (o heuristic walkthrough) è una variante della valutazione euristica.
La simulazione euristica può essere adottata sia come metodo di valutazione dell'usabilità che come metodo di valutazione dell'accessibilità. Entrambe le valutazioni sono di tipo analitico cioè si basano sull'osservazione del sistema e delle sue componenti, in cui i valutatori usano una lista di principi generali di usabilità (euristiche) nella prima valutazione o un elenco di barriere di accessibilità nella seconda, per individuare eventuali violazioni delle stesse presenti nel sistema. Nella simulazione euristica per la verifica dell'accessibilità i valutatori esaminano le singole pagine e cercano tutte le barriere che ogni pagina potrebbe erigere nei confronti dell'attività di un utente disabile o disabilitato dalla tecnologia usata.
Per barriera di accessibilità si intende una qualsiasi condizione che rende difficile o impossibile il progredire verso l'ottenimento di un obiettivo da parte di una persona disabile o disabilitata che usa il sito mediante un qualche tipo di tecnologia (assistiva e non). Una barriera viene descritta in termini di:

Questa tecnica richiede il lavoro di 2 o più valutatori, non coinvolti nello sviluppo del sistema, che in una prima fase decidono:

Successivamente, sulla base di un elenco prefissato di barriere, ogni valutatore, individualmente, valuta se qualche barriera può emergere dalla pagina sotto osservazione, rendendosi conto dell'impatto della barriera sull'utente e sui suoi possibili compiti ed associando un livello di gravità della barriera stessa. Infine i valutatori si riuniscono e discutono dei difetti riscontrati nel sistema, producendone una lista alla quale seguirà un rapporto di usabilità.

[S] Torna su

Categorie di utenti e scenari d'uso

Lo scenario d'uso è la narrazione di cosa un'ipotetica persona in un'ipotetica situazione vorrebbe ottenere mediante l'uso di un sistema. Esso può includere:


[S] Torna su

Le categorie di utenti considerate per la valutazione sono:

Utente non vedente
Studente di 22 anni che ama viaggiare da solo ed in compagnia. Ha una buona conoscienza informatica ed utilizza Microsoft Windows XP e Internet Explorer 6 in accoppiata con il lettore di schermo JAWS 6.

Utente disabile congnitivo
Disoccupato di 55 anni mantenuto dalla famiglia, il quale da 2 anni è affetto da una malattia che debilita le sue capacità cognitivetudente. Non ha una buona conoscienza informatica ed utilizza Microsoft Windows Me e Internet Explorer 5.
Capita sul sito di AlpiEagles per provare ad aiutare il figlio a trovare un volo che lo porti dalla ragazza che vive lontano.


[S] Torna su

Pagine Analizzate:

http://www.alpieagles.com/
http://www.alpieagles.com/orari.aspx?lang=it
http://www.alpieagles.com/registra_agenzie.aspx?lang=it


[S] Torna su

Livelli di gravità

  1. Problema minore: l'utente nota la presenza del problema, ma ci sono facili modi per aggirarlo od evitarlo se lo riconosce o lo ricorda. Può incidere sulla efficienza e sulla soddisfazione; non incide sul raggiungimento del compito con successo (efficacia) né sulla sicurezza.
  2. Problema importante: il problema viene notato ed ha una grossa influenza nel modo in cui l'utente proseguirà il suo compito. Esso incide pesantemente sull'efficacia e sulla sicurezza, rendendo difficile, faticoso e/o rischioso il proseguimento del compito. Spesso non è facile trovare vie alternative per ottenere lo scopo ed è facile che l'utente compia degli errori.
  3. Problema catastrofico: si tratta di un problema che porta molti utenti a rinunciare al raggiungimento dello scopo: gli errori possono essere molti e con gravi conseguenze, non esistono vie alternative. L'impatto negativo su efficacia e sicurezza è elevato; e ancora di più sulla produttività e sulla soddisfazione.

[S] Torna su

Immagini ricche senza testo alternativo

In tutte le pagine del sito sono presenti immagini con prive di testo alternativo. Per documentarle tutte bisognerebbe fare screenshots di tutte le pagine del sito e commentare tutti i tag img.
Un esempio particolarmente significativo è il seguente:

screenshot di un numero di telefono informativo rappresentato tramite immagine senza testo alternativo.

Codice:

<img id="TopBanner_logoalpi01" border="0" src="images/it/logoalpi01.jpg" alt="" border="0" style="height:113px;width:649px;" />


Causa:
E' evidente che non è stato usato alcun testo alternativo in nessuna delle immagini del sito.

Soluzione:
Suddividere il logo in più immagini, ciascuna con il proprio testo alternativo come ad esempio "Logo AlpiEagles" e "Numero call center: 899 500058".
In particolar modo per la parte del call center aggiungere longdesc e un link alla descrizione o utilizzando in modo appropriato il tag OBJECT.

Gravità: problema importante


[S] Torna su

Colore essenziale

Generalmente non viene utilizzato il colore come unico metodo per fornire una data informazione ma in questo caso il colore è l'unica cosa che avvisa l'utente dell'importanza del testo colorato di rosso.:

" Per accedere all'area riservata agli agenti di viaggio occorre inserire User-ID e password nella apposita sezione "LOGIN AGENZIE" situata nella home page." colorato di rosso.


Causa:
L'utente non vedente non può vedere i colori e quindi perde l'avviso che il colore rosso è solito fornire.

Soluzione:
Modificare il testo e scrivere "ATTENZIONE:" prima di esso.

Gravità: problema minore


[S] Torna su

Immagini funzionali prive di testo

Il sito è pieno di immagini funzionali prive di testo alternativo o supplementare.
Un esempio particolarmente significativo è il seguente:

Immagine cliccabile con il testo "Registra la tua Agenzia" priva di alternativa testuale



Codice:

<a href='registra_adv.aspx?lang=it'><img border='0' src='images/it/bott_registrazioneadv.gif' ></a>


Causa:
Il testo renderizzato sull'immagine non è fruibile per l'utente di un lettore di schermo non essendoci testo alternativo.

Soluzione:
Inserire il testo alternativo che riporti il testo dell'immagine.

Gravità: problema importante


[S] Torna su

Troppi link

L'utente disabile cognitivo e lo stesso non vedente hanno entrambi problemi con lunghe liste di link. Nella pangina: http://www.alpieagles.com/destinazioni.aspx?lang=it Troviamo liste molto lunghe di links. Causa:
Troppi link creano confusione nell'utente disabile cognitivo e rendono difficile la lettura a chi utilizza un lettore di schermo.

Soluzione:
Spezzare le liste in gruppi meno numerosi.

Gravità: problema minore


[S] Torna su

Nuove finestre

L'utente disabile cognitivo e lo stesso non vedente hanno entrambi problemi anche con link che aprono nuove finestre. Nella pangina http://www.alpieagles.com/destinazioni.aspx?lang=it troviamo link che aprono pagine esterne in nuove finestre.

Causa:
Aprendo nuove finestre si va a cambiare ambiente troppo rapidamente e si perdono le funzionalità per tornare indietro.

Soluzione:
Non utilizzare l'attributo target del tag a.

Gravità: problema importante


[S] Torna su

Form senza LABEL

L'utente non vedente trova difficoltoso l'utilizzare le form del sito poiché sono tutte prive di label.

Causa:
La mancanza di label fa si che non si riesca ad associare il titolo del controllo al controllo stesso.

Soluzione:
Inserimento delle label anzichè testo semplice.

Gravità: problema importante


[S] Torna su

Tabelle di impaginazione

L'intero sito è realizzato tramite layout a tabelle. Ciò comporta che la navigazione risulti difficoltosa a chi utilizza un lettore di schermo.

Causa:
In alcuni casi l'utente non trova continuità nel testo a causa del layout a tabelle.

Soluzione:
Riscrittura completa del layout utilizzando i tag DIV e i fogli di stile per il posizionamento.

Gravità: problema minore


[S] Torna su

Immagini come titoli

Lo stesso banner dell'azienda è un'immagine utilizzata come titolo e priva di testo alternativo.

Causa:
Utilizzando immagini come titoli l'utente non riesce a capire cosa stà leggendo e dove si trova.

Soluzione:
Aggiungere testo alternativo o meglio ancora, evitare immagini come titoli.

Gravità: problema minore


[S] Torna su