Simulazione Euristica Calabria
Home Page

Metodologia Valutazione

I seguenti punti descrivono i criteri sui quali ci siamo basati per assegnare il corretto livello di gravità ai problemi emersi, gravità che è determinata da quanto il problema influisce negativamente nella navigazione del sito e nella frequenza con cui si ripresenta. Tali descrizioni sono state tratte dalle dispense presentateci a lezione dal Professor Giorgio Brajnik.

1. Problema Minore. La presenza del problema viene notata dall'utente considerato, ma ci sono facili modi per aggirarla od evitarla. Esso non incide significativamente sulle capacità dell'utente di raggiungere con successo il termine del compito. Può invece incidere sull'efficienza con cui l'utente svolge il compito e/o sulla sua soddisfazione.
2. Problema importante. La presenza del problema è notata ed incide significativamente sull'efficacia e/o sicurezza. L'utente non riesce ad aggirarlo facilmente, o ad evitarlo. Per uscire dalla situazione problematica l'utente può necessitare di notevole tempo, vari tentativi e ingegno. Il problema rende difficile, faticoso e/o rischioso il proseguimento del compito, ed è facile che l'utente compia degli errori. Il problema incide sicuramente e marcatamente su efficacia e/o sicurezza.
3. Problema catastrofico. si tratta di una barriera che porta molto spesso a rinunciare al raggiungimento dello scopo: gli errori possono essere molti e con gravi conseguenze; vie alternative non esistono. L'impatto negativo su efficacia e sicurezza è elevato.

Mente, per quanto riguarda i valori da assegnare alla frequenza, le possibili alternative sono descritte di seguito:

1. Il problema si manifesta raramente e non sempre durante lo svolgimento del compito; in pochi e marginali casi esso si manifesta. Dunque esso incide in maniera molto limitata sulla produttività e sulla soddisfazione.
2. Il problema si verifica ogni volta che si svolge quel compito. Può incidere significativamente su produttività e su soddisfazione.
3. Il problema si verifica più volte durante lo svolgimento del compito. Sicuramente incide sulla produttività, facendola calare marcatamente; e altrettanto di sicuro incide sulla soddisfazione.


Torna a Inizio Pagina

Tipologia Utenti

Le categorie di utenti da noi considerati sono state le seguenti:

Utenti non vedenti: Utenti di lettori di schermo o di browser parlanti; utenti di barre Braille; tipicamente ciechi, talvolta ipovedenti. Questa categoria potrebbe includere anche utenti vedenti ma costretti ad usare qualche tecnologia disabilitante: browser che non visualizzano immagini, portali vocali.

Utenti ipovedenti: Utenti ipovedenti di ingranditori di schermo; talvolta utenti degli strumenti di accessibilità offerti direttamente dal sistema operativo. Questa categoria potrebbe includere anche utenti disabilitati da tecnologie quali cellulari e PDA con schermi ridotti, con una ridotta possibilità di interagire.

Utenti non udenti: Persone non udenti o con gravi difetti di udito. La categoria potrebbe includere anche utenti costretti ad usare il sito in situazioni in cui l'audio non può essere sentito (ad es. in una sala lettura, durante una conferenza).

Utenti daltonici: Persone daltoniche (che non usano alcuna tecnologia assistiva). La categoria potrebbe includere anche utenti che usano dispositivi dotati di schermi a bassa qualità, o monocromatici.

Utenti disabili motori: Persone con menomazioni fisiche per le quali l'uso del web può essere influenzato dalla mancanza di controllo muscolare o nervoso delle braccia e mani, da tremore o dalla mancanza di agilità delle dita e delle mani. La categoria potrebbe includere persone solo temporaneamente disabili (ad es. con il braccio in gesso), oppure persone che usano il sito in posizioni inusuali (ad es. durante una presentazione in pubblico, sul podio in piedi).

Utenti disabili cognitivi: Persone con abilità limitata di elaborare e ricordare informazioni, prendere decisioni o apprendere; includono disabili nell'apprendere (dislessici o disgrafici), con disturbi nell'attenzione, con disabilità nella crescita (es. autismo, Down) o con disturbi neurologici (es. Alzheimer). Questa categoria potrebbe includere anche persone che usano il sito sotto stress (ad es. con fretta in un ambiente rumoroso e pieno di distrazioni, o durante la guida di un'automobile).Inoltre la categoria può includere anche visitatori del sito di una lingua straniera.

Lo scenario d'uso che abbiamo deciso di prendere in considerazione lo consideriamo valido per tutte le categorie di utenti e consiste nella navigazione del sito Regione Calabria al fine di reperire alcune informazioni di interesse riguardanti la regione.

Torna a Inizio Pagina

Pagine Analizzate

Per l'analisi della simulazione euristica del sito sono state prese in considerazione le seguenti pagine, scegliendo tra quelle a nostro avviso più significative:

Le pagine si presentano con una struttura analoga e il loro contenuto non presenta errori rilevanti. Per tanto abbiamo ritenuto non necessario fare un' analisi separata di ogni pagina in quanto risulterebbe simile e spesso uguale all'analisi della Home Page. Abbiamo così cercato di inglobare in una unica Simulazione Euristica tutti le barriere presenti nella pagine sopra elencate.

Torna a Inizio Pagina

Simulazione Euristica

Utenti non vedenti

Troppi link

Categoria: Comprensione, Controllo da parte dell'utente

Causa: Troppi link nella pagina, possiamo notarlo guardando su entrambi i lati della Home Page e delle altre pagine del sito.

Tipo di fallimento: Il numero elevato di link costringe l'utente ad un'analisi lunga e faticosa di ciascuno di essi. Gli utenti devono ascoltare tutti i link prima di decidere se continuare e poter scegliere quello più rilevante per loro. Durante questo ascolto devono memorizzare i link sentiti in modo da poterci ritornare con il focus onde attivarli. Soprattutto nel caso di incertezza sulla adeguatezza della pagina rispetto all'obiettivo dell'utente, quest'ultimo è costretto a uno sforzo elevato per navigare nel sito.

Menù presente sul lato sinistro della Home Page presentante la suddetta barriera:

Immagine menù con troppi link

Effetto: Il problema influenza ovviamente la produttività e la soddisfazione; ma anche l'efficacia ne viene compromessa soprattutto se il problema si ripete dato che l'utente si stanca e rischia di confondersi e quindi commette più errori e la sua motivazione nell'usare il sito si riduce.

Rimedio: Occorre riorganizzare i link suddividendoli in sezioni/categorie. Nella stessa pagina introducendo delle liste (UL) o DIV separate, introducendo dei titoli di categoria (con degli H2-H3). Eventualmente aggiungendo dei link intra-pagina (A/@href che punta ad un A/@name), eventualmente nascosti, per poter passare da un gruppo al successivo o al precedente. In pagine diverse rendendo più profondo il sito con delle pagine intermedie. Deve essere possibile per l'utente esaminare sinteticamente un blocco di link e decidere solo dal titolo del blocco se i link che esso contiene sono rilevanti o meno. Inoltre bisogna supportare un layout liquido in modo che l'utente possa ingrandire il testo a piacimento, accorciando le righe di testo (utile per gli utenti di ingranditori di schermo) senza richiedere scrolling orizzontale.

Impatto: 1

Frequenza: 3

Gravità: serio

Pagine senza titoli

Categoria: Comprensione

Causa: La pagina ha come valore per il tag TITLE lo stesso per tutte le pagine.

Tipo di fallimento: Ogni volta che l'utente cambia pagina il titolo (che appare nella barra della finestra del browser) è la prima cosa che viene letta dal lettore di schermo. Il fatto che esso non cambi ha come conseguenza che l'utente potrebbe non capire che la pagina è cambiata.

Effetto: Riduzione della produttività.

Rimedio: Fare in modo che il titolo di ciascuna pagina sia unico (diverso dai titoli delle altre) e informativo.

Impatto: 2

Frequenza: 3

Gravità: critico

Marcatura della lingua

Categoria: Comprensione

Causa: La pagina manca di attributo LANG ogniqualvolta ci sono parole di una lingua diversa da quella della pagina. Specificatamente nella scritta "Home" in alto nella pagina.

Tipo di fallimento: Il lettore di schermo pronuncierà le parole con i fonemi della lingua preselezionata.

Effetto: Riduzione dell'efficacia.

Rimedio: Aggiungere l'attributo HTML/@LANG con valori come "it", "en", "de", "fr", ecc. Inoltre ogni qualvolta si riscontra la presenza di una parola con una lingua diversa, usare del markup come ad es. "<span lang="en">Check in<span/>".

Impatto: 1

Frequenza: 1

Gravità: minore

Suddivisione sezioni

Categoria: Comprensione, controllo da parte dell'utente

Causa: La pagina non contiene tag tipo H1-H2...-H6 per suddividere in sezioni il suo contenuto.

Tipo di fallimento: Il lettore di schermo permette all'utente di listare tutti i titoli di sezione (da H1 a H6) e di saltare da uno all'altro, in qualsiasi punto della pagina. Ciò permette all'utente di ottenere velocemente una panoramica del contenuto della pagina e di poter scegliere la parte da esaminare con attenzione. Soprattutto in caso di visita di pagine errate, questa caratteristica della pagina risulta molto utile perché permette di risparmiare tempo e fatica. Inoltre anche nel caso di visita di pagine molto simili (ad es. una catena di form in cascata con una parte preliminare delle pagine in comune) l'utente avrebbe modo di saltare direttamente dove serve.

Effetto: Riduzione della produttività e in parte dell'efficacia.

Rimedio: Per ogni tipo di contenuto (ad es. barra globale, briciole di pane, gruppo di link, sequenza di paragrafi) aggiungere un tag H1-H6. Rispettare l'ordine: non mettere un H3 dopo un H1.

Impatto: 2

Frequenza: 3

Gravità: critico

Mancanza di tasti rapidi

Categoria: Controllo da parte dell'utente

Causa: La pagina contiene dei link o pulsanti o controlli di form che sono ricorrenti nelle pagine del sito e che non hanno alcun tasto rapido associato (con @ACCESSKEY). Nel nostro caso l'unica utilità che potrebbero avere i tasti rapidi è un acceso tramite tastiera alla Home Page.

Tipo di fallimento: L'utente, che usa solo la tastiera, non può muoversi velocemente nella pagina da controllo a controllo. Deve sempre usare il tasto TAB e muoversi sequenzialmente. Il problema è ancora più grave se la pagina manca di link per saltare al contenuto e di link per muoversi di sezione in sezione.

Effetto: Riduzione della flessibilità, e quindi della produttività e soddisfazione.

Rimedio: Per i link/pulsanti/controlli che sono ricorrenti nelle pagine del sito (cioè dove valga la pena che l'utente impari e ricordi che ci sono dei tasti rapidi associati) aggiungere l'attributo @ACCESSKEY ad A, INPUT, BUTTON. Ricordarsi di evitare di usare i caratteri che vengono usati nell'elenco dei nomi di menu del browser o le cifre (quest'ultime vengono usate da Firefox per saltare ad una determinata linguetta tra quelle aperte). Ricordarsi di fare in modo che i tasti rapidi vengano descritti in qualche pagina di aiuto e che siano sempre gli stessi per un determinato link/pulsante/controllo.

Impatto: 1

Frequenza: 2

Gravità: minore

Skip links

Categoria: Controllo da parte dell'utente

Causa: La pagina non permette di saltare direttamente al contenuto, evitando il materiale preliminare e ripetuto nelle pagine (logo, briciole di pane).

Tipo di fallimento: L'utente è costretto, nella navigazione all'interno del sito, a sentirsi leggere più e più volte il materiale preliminare, prima di arrivare al nocciolo della pagina. Questo è particolarmente grave nel caso di un'applicazione web, con dei refresh della pagina che la fanno cambiare e che spostano il focus dell'interazione all'inizio.

Effetto: Riduzione anche marcata della produttività.

Rimedio: Aggiungere, subito dopo il logo, un link che permetta di saltare al nocciolo della pagina. Preferire un link visibile a tutti; se ciò non fosse possibile implementare lo skip-links mediante un link nascosto (con display:none o con uno spaziatore trasparente dotato di ALT="salta al contenuto").

Impatto: 2

Frequenza: 2

Gravità: serio

Torna a inizio pagina

Utenti ipovedenti

Immagini funzionali prive di testo

Categoria: Utilizzazione

Causa: La pagina contiene un' immagine funzionale prive di testo alternativo. Si tratta di "Cerca nel sito". Vediamo l'immagine sul browser a dimensioni normali:

Immagine Cerca nel Sito normale

Tipo di fallimento: L'utente non potrà ingrandire le immagini (nel caso in cui non usi l'ingranditore di schermo) e quindi potrebbe non essere in grado di leggerne o distinguerne il contenuto. Analogamente, nel caso debba cambiare i colori della pagina con il proprio foglio di stile, non potrà modificare nulla dell'immagine. Vediamo come si visualizza l'immagine ingrandendo i caratteri con il browser:

Immagine Cerca nel Sito piccolo

Rimedio: Includere nelle immagini l'attributo ALT (IMG/@ALT, AREA/@ALT) o un contenuto anche testuale per OBJECT. Fare in modo che il testo sia informativo e che quindi permetta di capire l'effetto dell'attivazione del link.

Impatto: 1

Frequenza: 2

Gravità: minore

Troppi link

Categoria: Comprensione, Controllo da parte dell'utente

Causa: Troppi link nella pagina, talvolta non bene organizzati in gruppi li possiamo notare nei menu ai lati della pagina.

Tipo di fallimento: Il numero elevato di link costringe l'utente ad un'analisi lunga e faticosa di ciascuno di essi. Gli utenti devono far scorrere il loro ristretto campo visivo su tutti i link, nelle varie zone della pagina, memorizzandoseli, prima di poter decidere se continuare la navigazione e quindi quale attivare. L'esame della pagina procede una sezione alla volta, con il rischio di dimenticarsi alcuni link visti in precedenza o la loro posizione. Il problema è acuito se la pagina richiede scrolling verticale od orizzontale.

Effetto: Il problema influenza ovviamente la produttività e la soddisfazione; ma anche l'efficacia ne viene compromessa soprattutto se il problema si ripete dato che l'utente si stanca e rischia di confondersi e quindi commette più errori e la sua motivazione nell'usare il sito si riduce.

Rimedio: Occorre riorganizzare i link suddividendoli in sezioni/categorie. Nella stessa pagina introducendo delle liste (UL) o DIV separate, introducendo dei titoli di categoria (con degli H2-H3). Eventualmente aggiungendo dei link intra-pagina (A/@href che punta ad un A/@name), eventualmente nascosti, per poter passare da un gruppo al successivo o al precedente. In pagine diverse rendendo più profondo il sito con delle pagine intermedie. Deve essere possibile per l'utente esaminare sinteticamente un blocco di link e decidere solo dal titolo del blocco se i link che esso contiene sono rilevanti o meno.

Impatto: 1

Frequenza: 3

Gravità: serio

Mancanza di tasti rapidi

Categoria: Controllo da parte dell'utente

Causa: La pagina contiene dei link o pulsanti o controlli di form che sono ricorrenti nelle pagine del sito e che non hanno alcun tasto rapido associato (con @ACCESSKEY). Nel nostro caso l'unica utilità che potrebbero avere i tasti rapidi è un acceso tramite tastiera alla Home Page.

Tipo di fallimento: L'utente, che usa solo la tastiera, non può muoversi velocemente nella pagina da controllo a controllo. Deve sempre usare il tasto TAB e muoversi sequenzialmente. Il problema è ancora più grave se la pagina manca di link per saltare al contenuto e di link per muoversi di sezione in sezione.

Effetto: Riduzione della flessibilità, e quindi della produttività e soddisfazione.

Rimedio: Per i link/pulsanti/controlli che sono ricorrenti nelle pagine del sito (cioè dove valga la pena che l'utente impari e ricordi che ci sono dei tasti rapidi associati) aggiungere l'attributo @ACCESSKEY ad A, INPUT, BUTTON. Ricordarsi di evitare di usare i caratteri che vengono usati nell'elenco dei nomi di menu del browser o le cifre (quest'ultime vengono usate da Firefox per saltare ad una determinata linguetta tra quelle aperte). Ricordarsi di fare in modo che i tasti rapidi vengano descritti in qualche pagina di aiuto e che siano sempre gli stessi per un determinato link/pulsante/controllo.

Impatto: 1

Frequenza: 2

Gravità: minore

Skip links

Categoria: Controllo da parte dell'utente

Causa: La pagina non permette di saltare direttamente al contenuto, evitando il materiale preliminare e ripetuto nelle pagine (logo, briciole di pane).

Tipo di fallimento: L'utente è costretto, nella navigazione all'interno del sito, a sentirsi leggere più e più volte il materiale preliminare, prima di arrivare al nocciolo della pagina. Questo è particolarmente grave nel caso di un'applicazione web, con dei refresh della pagina che la fanno cambiare e che spostano il focus dell'interazione all'inizio.

Effetto: Riduzione anche marcata della produttività.

Rimedio: Aggiungere, subito dopo il logo, un link che permetta di saltare al nocciolo della pagina. Preferire un link visibile a tutti; se ciò non fosse possibile implementare lo skip-links mediante un link nascosto (con display:none o con uno spaziatore trasparente dotato di ALT="salta al contenuto").

Impatto: 2

Frequenza: 2

Gravità: serio


Utenti daltonici

Il sito non prenta alcuna barriera di accessibilità ostacolante questo genere di utenza.

Torna a inizio pagina

Utenti disabili motori

Mancanza di link interni

Categoria: Utilizzazione, controllo da parte dell'utente

Causa: La pagina, relativamente complessa e ricca di contenuto che spesso non viene tutto visualizzato insieme, manca di link interni alla pagina che permettano all'utente di saltare di sezione in sezione, o di ritornare in testa alla pagina. Nel caso delle pagine da noi analizzate possiamo riscontrare questo problema solamente nella pagine della Composizione della Giunta anche se presente in maniera non grave non essendo una pagina contenente molta informazione; costringe l'utente allo scroll solo per una breve parte di pagina.

Tipo di fallimento: L'utente è costretto a continuamente muovere il puntatore dalla pagina alla barra di scorrimento e viceversa. Anche nel caso di utilizzo della tastiera (se ovviamente è possibile usarla), la mancanza di tali link richiede all'utente un uso più frequente dei tasti.

Effetto: Aumenta il tempo necessario per completare il compito; aumentano gli errori (nell'uso della barra di scorrimento ad esempio). E quindi cala l'efficacia e la produttività.

Rimedio: Alla fine di ciascuna sezione della pagina includere dei link per poter saltare alla fine della successiva sezione, all'inizio della sezione appena vista, in testa o alla fine della pagina.

Impatto: 1

Frequenza: 2

Gravità: minore

Troppi link

Categoria: Comprensione, Controllo da parte dell'utente

Causa: Troppi link nella pagina, talvolta non bene organizzati in gruppi. Faccio riferimento ai menù contenenti molti link menzionati nelle barriere precedenti per altri generi di utenza.

Tipo di fallimento: Il numero elevato di link costringe l'utente ad un'analisi lunga e faticosa di ciascuno di essi. Il gran numero di link, se disposti in maniera da richiedere dello scrolling verticale od orizzontale, forza l'utente a delle azioni con il mouse o con la tastiera che sono difficili da compiere con accuratezza (il pulsante di scroll è piccolo, il cursore della barra di scorrimento è piccola).

Effetto: Il problema influenza ovviamente la produttività e la soddisfazione; ma anche l'efficacia ne viene compromessa soprattutto se il problema si ripete dato che l'utente si stanca e rischia di confondersi e quindi commette più errori e la sua motivazione nell'usare il sito si riduce.

Rimedio: Occorre riorganizzare i link suddividendoli in sezioni/categorie. Nella stessa pagina introducendo delle liste (UL) o DIV separate, introducendo dei titoli di categoria (con degli H2-H3). Eventualmente aggiungendo dei link intra-pagina (A/@href che punta ad un A/@name), eventualmente nascosti, per poter passare da un gruppo al successivo o al precedente. In pagine diverse rendendo più profondo il sito con delle pagine intermedie. Deve essere possibile per l'utente esaminare sinteticamente un blocco di link e decidere solo dal titolo del blocco se i link che esso contiene sono rilevanti o meno.

Impatto: 1

Frequenza: 3

Gravità: serio

Link troppo vicini

Categoria: Utilizzazione

Causa: La pagina contiene delle sequenze di link molto vicini tra loro o molto piccoli.

Tipo di fallimento: L'utente farà molta fatica a posizionare il mouse su dei link molto piccoli; in certi casi rischierà di colpire il link sbagliato, se posto vicino a quello desiderato.

Effetto: Riduzione dell'efficacia.

Rimedio: Distanziare i link tra loro, ed assicurarsi che l'etichetta di ciascuno dei link sia sufficientemente grande.

Impatto: 2

Frequenza: 3

Gravità: critico

Mancanza di tasti rapidi

Categoria: Controllo da parte dell'utente

Causa: La pagina contiene dei link o pulsanti o controlli di form che sono ricorrenti nelle pagine del sito e che non hanno alcun tasto rapido associato (con @ACCESSKEY). Nel nostro caso l'unica utilità che potrebbero avere i tasti rapidi è un acceso tramite tastiera alla Home Page.

Tipo di fallimento: L'uso della tastiera è spesso preferito; pertanto la presenza dei tasti rapidi migliora di molto l'usabilità del sito.

Effetto: Riduzione della flessibilità, e quindi della produttività e soddisfazione. Riduzione anche marcata della produttività.

Rimedio: Per i link/pulsanti/controlli che sono ricorrenti nelle pagine del sito (cioè dove valga la pena che l'utente impari e ricordi che ci sono dei tasti rapidi associati) aggiungere l'attributo @ACCESSKEY ad A, INPUT, BUTTON. Ricordarsi di evitare di usare i caratteri che vengono usati nell'elenco dei nomi di menu del browser o le cifre (quest'ultime vengono usate da Firefox per saltare ad una determinata linguetta tra quelle aperte). Ricordarsi di fare in modo che i tasti rapidi vengano descritti in qualche pagina di aiuto e che siano sempre gli stessi per un determinato link/pulsante/controllo.

Impatto: 1

Frequenza: 2

Gravità: minore


Utenti non udenti

Le pagine analizzate non presentano file multimediali per tanto non si presentano barriere di accessibilità ad ostacolare utenti non udenti.

Torna a inizio pagina

Utenti disabili cognitivi

Mancanza di link interni

Categoria: Utilizzazione, controllo da parte dell'utente

Causa: La pagina, relativamente complessa e ricca di contenuto che spesso non viene tutto visualizzato insieme, manca di link interni alla pagina che permettano all'utente di saltare di sezione in sezione, o di ritornare in testa alla pagina. Nel caso delle pagine da noi analizzate possiamo riscontrare questo problema solamente nella pagine della Composizione della Giunta anche se presente in maniera non grave non essendo una pagina contenente molta informazione; costringe l'utente allo scroll solo per una breve parte di pagina.

Tipo di fallimento: L'utente farà fatica a comprendere la struttura del documento, e a ricordare quale sezione contiene quale informazione. Farà anche fatica a scorrere il documento e a riconoscere l'inizio o la fine di una sezione.

Effetto: Riduzione dell'efficacia.

Rimedio: Alla fine di ciascuna sezione della pagina includere dei link per poter saltare alla fine della successiva sezione, all'inizio della sezione appena vista, in testa o alla fine della pagina.

Impatto: 1

Frequenza: 2

Gravità: minore

Testo complesso

Categoria: Comprensione

Causa: Alcune pagine del sito contiengono del testo che è complesso da leggere per via della struttura delle frasi, per via dei termini difficili usati, per via delle frequenti abbreviazioni ed acronimi. Il problema lo possiamo riscontrare nella pagina composizione la quale presenta in alto la descrizione del Presidente con del testo complesso.

Tipo di fallimento: L'utente avrà molta difficoltà nel comprendere il materiale proposto e di navigarci.

Effetto: Riduzione, anche totale, dell'efficacia. Riduzione drastica della produttività.

Rimedio: Semplificare quanto possibile la struttura delle frasi e la terminologia adottata (evitando il gergo specialistico). Verificare la correttezza ortografica. Fornire una narrazione audio del testo, con una voce naturale.Ricordarsi di includere (mediante ABBR/@TITLE) lo scioglimento di tutte le sigle utilizzate. Appropriato sarebbe anche il fornire un glossario con la definizione (semplice) dei termini non comuni utilizzati.

Impatto: 1

Frequenza: 1

Gravità: minore

Troppi link

Categoria: Comprensione, Controllo da parte dell'utente

Causa: Troppi link nella pagina, talvolta non bene organizzati in gruppi. Faccio riferimento ai menù contenenti molti link menzionati nelle barriere precedenti per altri generi di utenza.

Tipo di fallimento: Il numero elevato di link costringe l'utente ad un'analisi lunga e faticosa di ciascuno di essi. Gli utenti sono costretti ad uno sforzo di lettura e memorizzazione dei vari link prima di poter decidere e scegliere il più rilevante. Il problema è acuito dall'assenza di uso di icone e colori appropriati, e dall'uso di terminologia e parole di difficile lettura o comprensione.

Effetto: Il problema influenza ovviamente la produttività e la soddisfazione; ma anche l'efficacia ne viene compromessa soprattutto se il problema si ripete dato che l'utente si stanca e rischia di confondersi e quindi commette più errori e la sua motivazione nell'usare il sito si riduce.

Rimedio:Occorre riorganizzare i link suddividendoli in sezioni/categorie. Nella stessa pagina introducendo delle liste (UL) o DIV separate, introducendo dei titoli di categoria (con degli H2-H3). Eventualmente aggiungendo dei link intra-pagina (A/@href che punta ad un A/@name), eventualmente nascosti, per poter passare da un gruppo al successivo o al precedente. In pagine diverse rendendo più profondo il sito con delle pagine intermedie. Deve essere possibile per l'utente esaminare sinteticamente un blocco di link e decidere solo dal titolo del blocco se i link che esso contiene sono rilevanti o meno. Inoltre bisogna supportare un layout liquido in modo che l'utente possa ingrandire il testo a piacimento, accorciando le righe di testo (utile per gli utenti di ingranditori di schermo) senza richiedere scrolling orizzontale.

Impatto: 1

Frequenza: 3

Gravità: serio

Suddivisione in sezioni

Categoria: Comprensione, controllo da parte dell'utente

Causa: La pagina non contiene tag tipo H1-H2...-H6 per suddividere in sezioni il suo contenuto.

Tipo di fallimento: la presenza di titoli ben marcati per distinguere tra loro varie parti della pagina aiuterebbe l'utente nel decidere a cosa porre l'attenzione e come proseguire l'interazione.

Effetto: Riduzione della produttività.

Rimedio: Per ogni tipo di contenuto (ad es. barra globale, briciole di pane, gruppo di link, sequenza di paragrafi) aggiungere un tag H1-H6. Rispettare l'ordine: non mettere un H3 dopo un H1.

Impatto: 2

Frequenza: 3

Gravità: critico

Conclusioni

Dopo lo svolgimento della simulazione euristica possiamo concludere che l' applicazione presa in esame si presenta generalmente in buone condizione di accessibilità rispetto alle barriere considerate. Ovviamente però il sito non risulta privo di errori, citando quelli più "grossolani" dovremmo inanzitutti segnalare che tutte le pagine del sito si presentano con lo stesso titolo "Regione Calabria" il chè incide molto sulla comprensione dello stato del sistema per un utente non vedente, inoltre la presenza di molti link alla Home Page può portare confusione e spesso a percorsi sbagliati per raggiungere i propri obbiettivi. Va segnalata poi la mancanza dei tag h1, h2 ecc i quali possono velocizzare la navigazione all'utente.
Concludendo ci sentiamo di dire che a parte questi errori il sito risulta ben progettato e realizzato, e quindi accessibile ad una vasta gamma di utenza.

Torna a inizio pagina

Home Page
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid XHTML 1.0 Transitional
Created by: Degano Fabio ; Busolini Nicola
Ultima modifica 27/11/2007