Simulazione Euristica Treviso

Home Page

Metodologia Valutazione

I seguenti punti descrivono i criteri sui quali ci siamo basati per assegnare il corretto livello di gravità ai problemi emersi, gravità che è determinata da quanto il problema influisce negativamente nella navigazione del sito e nella frequenza con cui si ripresenta. Tali descrizioni sono state tratte dalle dispense presentateci a lezione dal Professor Giorgio Brajnik.

1. Problema Minore. La presenza del problema viene notata dall'utente considerato, ma ci sono facili modi per aggirarla od evitarla. Esso non incide significativamente sulle capacità dell'utente di raggiungere con successo il termine del compito. Può invece incidere sull'efficienza con cui l'utente svolge il compito e/o sulla sua soddisfazione.

2. Problema importante. La presenza del problema è notata ed incide significativamente sull'efficacia e/o sicurezza. L'utente non riesce ad aggirarlo facilmente, o ad evitarlo. Per uscire dalla situazione problematica l'utente può necessitare di notevole tempo, vari tentativi e ingegno. Il problema rende difficile, faticoso e/o rischioso il proseguimento del compito, ed è facile che l'utente compia degli errori. Il problema incide sicuramente e marcatamente su efficacia e/o sicurezza.

3. Problema catastrofico. si tratta di una barriera che porta molto spesso a rinunciare al raggiungimento dello scopo: gli errori possono essere molti e con gravi conseguenze; vie alternative non esistono. L'impatto negativo su efficacia e sicurezza è elevato.

Mente, per quanto riguarda i valori da assegnare alla frequenza, le possibili alternative sono descritte di seguito:

1. Il problema si manifesta raramente e non sempre durante lo svolgimento del compito; in pochi e marginali casi esso si manifesta. Dunque esso incide in maniera molto limitata sulla produttività e sulla soddisfazione.

2. Il problema si verifica ogni volta che si svolge quel compito. Può incidere significativamente su produttività e su soddisfazione.

3. Il problema si verifica più volte durante lo svolgimento del compito. Sicuramente incide sulla produttività, facendola calare marcatamente; e altrettanto di sicuro incide sulla soddisfazione.

Tipologia Utenti

Le categorie di utenti da noi considerati sono state le seguenti: Utenti non vedenti: Utenti di lettori di schermo o di browser parlanti; utenti di barre Braille; tipicamente ciechi, talvolta ipovedenti. Questa categoria potrebbe includere anche utenti vedenti ma costretti ad usare qualche tecnologia disabilitante: browser che non visualizzano immagini, portali vocali. ibilità offerti direttamente dal sistema operativo. Questa categoria potrebbe includere anche utenti disabilitati da tecnologie quali cellulari e PDA con schermi ridotti, con una ridotta poss Utenti ipovedenti: Utenti ipovedenti di ingranditori di schermo; talvolta utenti degli strumenti di accessibilità di interagire.

Pagine Analizzate

Per l’analisi della simulazione euristica del sito sono state prese in considerazione le seguenti pagine, scegliendo tra quelle a nostro avviso più significative:

Conclusioni

Dopo aver effettuato la Simulazione Euristica sul sito della provincia di Treviso si può concludere che il sito è accuratamente progettato. Tuttavia per renderlo piu accessibile si potrebbero applicare delle piccole migliorie, come ad esempio:

- non utilizzare immagini come titoli che non sono visibili dai lettori di schermo.

- aumentare il contrasto scegliendo colori più adeguati rendendo cosi le informazioni facilmente accessibili anche ad utenti con disabilità visive.

- modificare il menu dinamico attivabile passando sopra con il cursore, sostituendolo con uno accessibile anche da tastiera.

Torna a inizio pagina

Home Page
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid XHTML 1.0 Transitional
Created by: Degano Fabio ; Busolini Nicola
Ultima modifica 27/11/2007