Verifica di Conformità del sito della Provincia di Trieste

Introduzione

La Legge Stanca, pur mostrando alcuni limiti, ha avuto il grande merito di sensibilizzare la Pubblica Amministrazione relativamente al tema dell'accessibilità. L'esito positivo delle verifica tecnica non è condizione necessaria né sufficiente per garantire l'accessibilità ma, poiché i requisiti definiscono in maniera sistematica alcune proprietà interne del sito, il rispetto dei requisiti tecnici permette di evitare errori macroscopici nella progettazione delle pagine.

La verifica è stata svolta nel periodo compreso tra il 15 agosto 2006 e il 15 settembre 2006. E' fornita, per eventuale riscontro, una copia locale del sito della Provincia di Trieste [163 MB].

Torna su [Accesso rapido: t]

Attività preliminari

La prima attività svolta è stata la navigazione all'interno del sito, effettuata con diversi browser, al fine di prendere confidenza con le varie pagine e di rilevare eventuali errori macroscopici nella progettazione. Durante questa fase, sono anche state scelte le particolari pagine che saranno poi prese in esame.

Torna su [Accesso rapido: t]

Criteri di scelta delle pagine da analizzare

L'intero sito è stato sviluppato secondo un'architettura informativa che risulta in linea di massima coerente tra le varie sezioni del sito. Alla luce della conoscenza dei requisiti tecnici si è quindi scelto di analizzare la home page del sito insieme ad alcune pagine contenenti alcune varianti che presentano elementi critici nella valutazione:

Tabella riassuntiva delle pagine che sono state prese in esame e del corrispondente indirizzo internet.
Pagina URL
Home page http://www.provincia.trieste.it/default2.asp?tabella_padre=sezioni&ids=1&tipo=blocchi_sezioni_1&pagina=-
Comuni http://www.provincia.trieste.it/default.asp?tabella_padre=sezioni&ids=14&tipo=blocchi_sezioni_14&pagina=-
Albo Pretorio http://www.provincia.trieste.it/default.asp?tabella_padre=sezioni&ids=4&tipo=-&pagina=/interno/albo%20pretorio/listC.asp
Comunicati stampa http://www.provincia.trieste.it/default.asp?tabella_padre=sezioni&ids=30&tipo=-&pagina=cstampa.asp
Consiglio http://www.provincia.trieste.it/default.asp?tabella_padre=sezioni&ids=3&tipo=-&pagina=consiglio.asp

Torna su [Accesso rapido: t]

Strumenti utilizzati per l'analisi

L'analisi delle pagine è stata effettuata sui sistemi operativi Microsoft Windows XP e Debian Linux. Sono stati inoltre utilizzati i seguenti strumenti.

Browser

Internet Explorer 6: browser prodotto da Microsoft (Windows).

Firefox 1.5.0.6: browser open source prodotto da Mozilla Corporation (Windows e Linux).

Opera 9.01: browser gratuito prodotto da Opera Software (Windows e Linux).

Lynx 2.8.5: browser testuale. (Linux).

Elinks 0.10.4: browser testuale avanzato con supporto per tabelle e frame (Linux).

Strumenti di valutazione automatica o semiautomatica

HTML Validator: estensione per Firefox che permette di verifica in tempo reale la conformità delle pagine alle specifiche del W3C.

Web Developer Toolbar: estensione per Firefox che permette di evidenziare/nascondere diverse caratteristiche della pagina analizzata.

Fangs: estensione per Firefox che emula un lettore di schermo.

Cynthia Says™: strumento di valutazione automatica degli errori relativamente alle WCAG e Section 508.

Colour Contrast Analyser: strumento di valutazione automatica delle differenze di contrasto.

Adobe Acrobat 7 Professional, Trial Version: verifica dell'accessibilità dei PDF.

Torna su [Accesso rapido: t]

Risultato dell'analisi

Come anticipato dell'introduzione, la verifica dei requisiti tecnici previsti dalla Legge Stanca è stata preceduta da una navigazione preliminare all'interno delle pagine che ha portato alla luce alcuni elementi. Il carattere predefinito utilizzato per visualizzare i contenuti delle pagine risulta di lettura piuttosto faticosa anche per un utente con condizioni di vista normali, alla luce del fatto che alcune scelte di colore sembrano già a prima vista piuttosto poco contrastate. Sarà senz'altro necessario, durante la valutazione dei requisiti tecnici, prestare particolare attenzione che sia garantita la possibilità di ridimensionare a piacimento il carattere delle pagine senza perdere contenuto informativo. L'architettura informativa del sito presenta un'organizzazione a due livelli che rappresentano due diverse granularità nella navigazione: la barra laterale sulla sinistra, che permette di spostarsi tra le varie macrosezioni e la barra in alto che permette di muoversi tra le sottosezioni all'interno della stessa macrosezione.

Schermata che mette in evidenza le varie componenti del sistema di navigazione

Non è tuttavia presente un sistema di breadcrumbs, che permetta all'utente di identificare immediatamente la propria posizione all'interno del sito. Per capire dove ci si trova è necessario visualizzare l'elemento evidenziato nel menu a sinistra e quindi il titolo della sottosezione corrispondente al menu in alto (la cui denominazione è spesso diversa a quella della sottosezione oppure varia nello stile tra le diverse sottosezioni. Reperire lo stato corrente può risultare difficoltoso per un utente che non possa visualizzare lo schermo nella sua interezza ma che si debba spostare tramite un ingranditore di schermo. Manca inoltre completamente una mappa del sito.

Elenco dei requisiti di accessibilità per i siti Internet

Per ciascun requisito analizzato è fornita una griglia con le relativa pagine valutate. Ciascuna cella contiene l'esito della valutazione e può appartenere a uno dei seguenti stati:

In caso di fallimento è fornita una spiegazione dettagliata dell'errore riscontrato con i relativi riferimenti ed eventuali consigli per ovviare ai problemi riscontrati. Poiché il rapporto di conformità dovrebbe essere comprensibile anche a un pubblico non strettamente tecnico, si è scelto di inserire delle brevi note riguardanti l'impatto degli errori più gravi su alcune categorie di utenti diversamente abili.

Requisito n. 1

Enunciato: Realizzare le pagine e gli oggetti al loro interno utilizzando tecnologie definite da grammatiche formali pubblicate nelle versioni più recenti disponibili quando sono supportate dai programmi utente. Utilizzare elementi ed attributi in modo conforme alle specifiche, rispettandone l’aspetto semantico. In particolare, per i linguaggi a marcatori HTML e XHTML:

  1. per tutti i siti di nuova realizzazione utilizzare almeno la versione 4.01 dell’HTML o preferibilmente la versione 1.0 dell’XHTML, in ogni caso con DTD di tipo Strict.
  2. per i siti esistenti, in sede di prima applicazione, nel caso in cui non sia possibile ottemperare al punto a) è consentito utilizzare la versione dei linguaggi sopra indicati con DTD Transitional, ma con le seguenti avvertenze:
    1. evitare di utilizzare, all’interno del linguaggio a marcatori con il quale la pagina è realizzata, elementi ed attributi per definirne le caratteristiche di presentazione della pagina (per esempio, caratteristiche dei caratteri del testo, colori del testo stesso e dello sfondo, ecc.), ricorrendo invece ai Fogli di Stile CSS per ottenere lo stesso effetto grafico;
    2. evitare la generazione di nuove finestre; ove ciò non fosse possibile, avvisare esplicitamente l’utente del cambiamento del focus;
    3. pianificare la transizione dell’intero sito alla versione con DTD Strict del linguaggio utilizzato, dandone comunicazione alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per l’innovazione e le tecnologie e al Centro nazionale per l’informatica nella pubblica amministrazione.

Riferimenti: WCAG 1.0: 3.1, 3.2, 3.5, 3.6, 3.7, 11.1, 11.2

Riferimenti Section 508: Non presente

Tabella riassuntiva delle pagine che sono state prese in esame relativamente al requisito n. 1
Pagina Home Page Comuni Albo Pretorio Comunicati stampa Consiglio
Esito Fallito Fallito Fallito Fallito Fallito

Note: Tutte le pagine sono realizzate con la versione 4.01 dell’HTML utilizzando il DTD Transitional. Sono utilizzati sistematicamente elementi ed attributi per definire le caratteristiche di presentazione della pagina. Viene ad esempio utilizzato in modo ricorrente l'elemento <FONT> per dare ad alcune sezioni del testo una diversa formattazione locale dei caratteri:

<p style="margin-left: 6px; margin-right: 6px"> <b>< font color="#FFFFFF" size="1" face="Verdana"> Trieste, Martedì 29 Agosto 2006</font></b>

Il problema potrebbe essere risolto localmente applicando uno stile locale:

<p style="margin-left: 6px; margin-right: 6px; color:#FFFFFF; font-size:xx-small; font-family: "Verdana";"> <b> Trieste, Sabato 9 Settembre 2006</b>

Data la natura del sito e la notevole quantità di contenuti informativi disponibili, la sistematica presenza del problema lascerebbe supporre che la formattazione basata su attributi e valori possa essere stata generata da un sistema di pubblicazione automatica di notizie (tipo CMS). L'utilizzo di stili locali (sia basati su elementi e attributi che su fogli di stile) è comunque sconsigliato, poiché non separa in modo chiaro il contenuto dalla presentazione (rendendo assai difficile mantenere coerente lo stile tra le varie pagine, in caso si decida di variare parzialmente o totalmente lo stile dell'intero sito) e causa un certo aumento della dimensione delle pagine (caratteristica che può risultare problematica per utenti che dispongano di una connessione particolarmente lenta). Una soluzione più robusta potrebbe consistere nell'utilizzo di un foglio di stile esterno.

Simili considerazioni valgono per l'utilizzo dell'attributo BGCOLOR all'interno degli elementi <BODY>, <TD>, <TR> per specificare il colore di sfondo:

<body bgcolor= "#FFFFFF" link="#FF0000" vlink="#FF0000">

Anche in questo caso una soluzione potrebbe essere la definizione di una regola di stile per gestire il colore di sfondo:

body {background-color: #FFFFFF;}

Per visitare alcuni collegamenti viene inoltre utilizzata una funzione JavaScript che genera una nuova finestra.

<body onload="popup('popup2.htm','400','460')" bgcolor= "#FFFFFF" link="#FF0000" vlink="#FF0000">

Come previsto dal requisito, si consiglia inoltre di pianificare quanto prima la pianificazione al DTD Strict del linguaggio utilizzato.

Requisito n. 2

Enunciato: Non è consentito l’uso dei frame nella realizzazione di nuovi siti. In sede di prima applicazione, per i siti Web esistenti già realizzati con frame è consentito l’uso di HTML 4.01 o XHTML 1.0 con DTD frameset, ma con le seguenti avvertenze:

  1. evitare di utilizzare, all’interno del linguaggio a marcatori con il quale la pagina è realizzata, elementi ed attributi per definirne le caratteristiche di presentazione della pagina (per esempio, caratteristiche dei caratteri del testo, colori del testo stesso e dello sfondo, ecc.), ricorrendo invece ai Fogli di Stile CSS per ottenere lo stesso effetto grafico;
  2. fare in modo che ogni frame abbia un titolo significativo per facilitarne l’identificazione e la navigazione; se necessario, descrivere anche lo scopo dei frame e la loro relazione;
  3. pianificare la transizione a XHTML almeno nella versione 1.0 con DTD Strict dell’intero sito dandone comunicazione alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per l’innovazione e le tecnologie e al Centro nazionale per l’informatica nella pubblica amministrazione.

Riferimenti: WCAG 1.0: 12.1, 12.2

Riferimenti Section 508: 1194.22 (i)

Tabella riassuntiva delle pagine che sono state prese in esame relativamente al requisito n. 2
Pagina Home Page Comuni Albo Pretorio Comunicati stampa Consiglio
Esito Superato Superato Superato Superato Superato

Note: Non sono presenti frame.

Requisito n. 3

Enunciato: Fornire una alternativa testuale equivalente per ogni oggetto non di testo presente in una pagina e garantire che quando il contenuto non testuale di un oggetto cambia dinamicamente vengano aggiornati anche i relativi contenuti equivalenti predisposti; l’alternativa testuale equivalente di un oggetto non testuale deve essere commisurata alla funzione esercitata dall’oggetto originale nello specifico contesto.

Riferimenti: WCAG 1.0: 1.1, 6.2

Riferimenti Section 508: 1194.22 (a)

Tabella riassuntiva delle pagine che sono state prese in esame relativamente al requisito n. 3
Pagina Home Page Comuni Albo Pretorio Comunicati stampa Consiglio
Esito Fallito Fallito Fallito Fallito Fallito

Note: Non tutte le immagini presentano un'alternativa testuale e in molte di esse l'alternativa fornita non è commisurata alla funzione esercitata dall'oggetto nello specifico contesto. Nella sezione dell'Albo Pretorio, i due pulsanti che permettono di visualizzare e cercare tra le delibere del Consiglio Provinciale, sono costituiti da due immagini le quali non presentano alcun testo alternativo.

<input type="image" src="img/visualizzaC.gif" NAME="I2">

<input type="image" src="img/cerca_albo.gif" NAME="I1">

Un utente che utilizzi un lettore di schermo non sarà in alcun modo in grado di distinguere la funzione di questi pulsanti. Si tratta di un problema grave e una possibile soluzione è data dall'inserimento di un'adeguata alternativa testuale o dalla riprogettazione del pulsante in modo che non utilizzi un'immagine. Nella pagina del consiglio manca completamente il testo alternativo per la visita multimediale e per l'immagine del plugin Apple Quicktime. Nella pagina dei comunicati, manca il testo alternativo per la casella di input della ricerca. In tutte le pagine, inoltre, per creare un effetto di spaziatura tra i vari elementi della pagina, sono state utilizzate delle immagini GIF trasparenti, della dimensione di 10x10 pixel. Ciascuna di queste immagini è accompagnata dall'alternativa testuale "distanziatore":

<img src="img/spacer.gif" alt="distanziatore" border="0" height="3" width="3">

L'utilizzo di questo tipo di alternativa testuale in questo contesto può rendere difficoltosa la fruizione dei contenuti della pagina da parte di utenti che utilizzino un lettore di schermo. Questo tipo di tecnologia assistiva legge il testo alternativo degli elementi di separazione, i quali tuttavia non forniscono alcun tipo di contenuto informativo. Il problema è ulteriormente aggravato dalla molteplice presenza di questo tipo di elementi nella pagina.

Schermata che riporta l'interfaccia di lynx e mette in evidenza come la mancanza del testo alternativo per i pulsanti graficirenda difficile la navigazione

Una possibile soluzione consiste nel lasciare vuoto il testo alternativo per questo tipo di elementi, in modo da rendere più fluida la lettura. Una soluzione più robusta, ma che richiede un maggiore sforzo realizzativo, è data dall'utilizzo dei fogli di stile CSS per controllare il posizionamento e la spaziatura degli elementi. Nell'area dell'intestazione, le tre immagini che contengono l'insegna araldica e il logo della provincia di Trieste, presentano il testo alternativo "www.provincia.trieste.it":

<img src="img/araldo.gif" alt="www.provincia.trieste.it" border="0">

<img src="img/tophome.gif" alt="www.provincia.trieste.it" align="right" border="0">

Pur non essendo un problema grave, sarebbe forse opportuno utilizzare alternative testuali più significative, quali ad esempio "Araldo della provincia di Trieste" e "Logo della provincia di Trieste". Medesimo discorso vale per il banner che riporta il logo "L'estate a Trieste".

<img alt="banner" src="http://www.provincia.trieste.it/admin/Immagini_up/html/20060717144223.jpg" align="middle" border="0" hspace="0">

Sarebbe opportuno utilizzare un testo alternativo più significativo, quale "Banner Estate a Trieste". A causa di una probabile dimenticanza, manca infine il testo alternativo per l'immagine recante il collegamento ai nuovi sportelli della provincia.

<img alt="" src="http://www.provincia.trieste.it/admin/Immagini_up/html/20050812120216.gif" align="middle" border="0" hspace="0">

Anche in questo caso si consiglia di inserire un testo alternativo adeguato, quale "Nuovi sportelli della provincia".

Requisito n. 4

Enunciato: Garantire che tutti gli elementi informativi e tutte le funzionalità siano disponibili anche in assenza del particolare colore utilizzato per presentarli nella pagina.

Riferimenti: WCAG 1.0: 2.1

Riferimenti Section 508: 1194.22 (c)

Tabella riassuntiva delle pagine che sono state prese in esame relativamente al requisito n. 4
Pagina Home Page Comuni Albo Pretorio Comunicati stampa Consiglio
Esito Superato Superato Superato Superato Superato

Note: Nessuna informazione è stata veicolata all'utente utilizzando come unico messo trasmissivo il colore

Requisito n. 5

Enunciato: Evitare oggetti e scritte lampeggianti o in movimento le cui frequenze di intermittenza possano provocare disturbi da epilessia fotosensibile o disturbi della concentrazione, ovvero possano causare il malfunzionamento delle tecnologie assistive utilizzate; qualora esigenze informative richiedano comunque il loro utilizzo, avvertire l’utente del possibile rischio prima di presentarli e predisporre metodi che consentano di evitare tali elementi.

Riferimenti: WCAG 1.0: 7.1, 7.2, 7.3

Riferimenti Section 508: 1194.22 (j)

Tabella riassuntiva delle pagine che sono state prese in esame relativamente al requisito n. 5
Pagina Home Page Comuni Albo Pretorio Comunicati stampa Consiglio
Esito Superato Superato Superato Superato Superato

Note: Non sono presenti oggetti lampeggianti.

Requisito n. 6

Enunciato: Garantire che siano sempre distinguibili il contenuto informativo (foreground) e lo sfondo (background), ricorrendo a un sufficiente contrasto (nel caso del testo) o a differenti livelli sonori (in caso di parlato con sottofondo musicale); evitare di presentare testi in forma di immagini; ove non sia possibile, ricorrere agli stessi criteri di distinguibilità indicati in precedenza.

Riferimenti: WCAG 1.0: 2.2

Riferimenti Section 508: non presente

Tabella riassuntiva delle pagine che sono state prese in esame relativamente al requisito n. 6
Pagina Home Page Comuni Albo Pretorio Comunicati stampa Consiglio
Esito Fallito Fallito Fallito Fallito Fallito

Note: La normativa corrente prevede la verifica delle differenze di luminosità e di colore tra il testo e lo sfondo secondo i seguenti algoritmi:

  1. differenza di luminosità: calcolo della luminosità dei colori di testo e di sfondo con la formula: ((Rosso X 299) + (Verde X 587) + (Blu X 114)) / 1000, in cui Rosso, Verde e Blu sono i valori decimali dei colori; il risultato deve essere non inferiore a 125.
  2. differenza di colore: calcolo della differenza di colore con la formula [Max(Rosso1, Rosso2) - Min (Rosso1, Rosso2)] + [Max (Verde1, Verde2) - Min (Verde1, Verde2)] + [Max (Blu1, Blu2) — Min (Blu1, Blu2)], in cui Rosso, Verde e Blu sono i valori decimali dei colori e Max e Min il valore massimo e minimo tra i due presi in considerazione; il risultato deve essere non inferiore a 500;

Vi sono numerose aree all'interno delle pagine in cui questi livelli minimi non sono rispettati. Si forniscono a titolo esemplificativo alcuni dei casi più evidenti.

Schermata che riporta un primo esempio di basso contrasto dei caratteri

Differenza di luminosità: 87
Differenza di colore: 250

Schermata che riporta un secondo esempio di basso contrasto dei caratteri

Differenza di luminosità: 90
Differenza di colore: 372

Schermata che riporta un terzo esempio di basso contrasto dei caratteri

Differenza di luminosità: 73
Differenza di colore: 185

Un utente che soffra di daltonismo o che utilizzi uno schermo monocromatico, faticherà molto a leggere e comprendere il testo presente in queste aree. Si consiglia di rivedere i colori utilizzati utilizzare dei colori che presentino maggiori differenze si contrasto.

Requisito n. 7

Enunciato: Utilizzare mappe immagine sensibili di tipo lato client piuttosto che lato server, salvo il caso in cui le zone sensibili non possano essere definite con una delle forme geometriche predefinite indicate nella DTD adottata.

Riferimenti: WCAG 1.0: 9.1

Riferimenti Section 508: 1194.22 (f)

Tabella riassuntiva delle pagine che sono state prese in esame relativamente al requisito n. 7
Pagina Home Page Comuni Albo Pretorio Comunicati stampa Consiglio
Esito Non valutato Superato Non valutato Non valutato Non valutato

Note: La mappa immagine lato client è ottimamente realizzata: sono utilizzate le forme geometriche indicate dalla Document Type Definition per definire le aree dell'immagine e sono presenti delle alternative testuali che indicano in modo chiaro la destinazione delle varie aree.

Requisito n. 8

Enunciato: In caso di utilizzo di mappe immagine lato server, fornire i collegamenti di testo alternativi necessari per ottenere tutte le informazioni o i servizi raggiungibili interagendo direttamente con la mappa.

Riferimenti: WCAG 1.0: 1.2

Riferimenti Section 508: 1194.22 (e)

Tabella riassuntiva delle pagine che sono state prese in esame relativamente al requisito n. 8
Pagina Home Page Comuni Albo Pretorio Comunicati stampa Consiglio
Esito Non valutato Non valutato Non valutato Non valutato Non valutato

Note: Non sono presenti mappe immagine lato server.

Requisito n. 9

Enunciato: Per le tabelle dati usare gli elementi (marcatori) e gli attributi previsti dalla DTD adottata per descrivere i contenuti e identificare le intestazioni di righe e colonne.

Riferimenti: WCAG 1.0: 5.1, 5.5, 5.6

Riferimenti Section 508: 1194.22 (g)

Tabella riassuntiva delle pagine che sono state prese in esame relativamente al requisito n. 9
Pagina Home Page Comuni Albo Pretorio Comunicati stampa Consiglio
Esito Non valutato Non valutato Non valutato Non valutato Non valutato

Note: Non sono presenti tabelle dati.

Requisito n. 10

Enunciato: Per le tabelle dati usare gli elementi (marcatori) e gli attributi previsti nella DTD adottata per associare le celle di dati e le celle di intestazione che hanno due o più livelli logici di intestazione di righe o colonne.

Riferimenti: WCAG 1.0: 5.2

Riferimenti Section 508: 1194.22 (h)

Tabella riassuntiva delle pagine che sono state prese in esame relativamente al requisito n. 10
Pagina Home Page Comuni Albo Pretorio Comunicati stampa Consiglio
Esito Non valutato Non valutato Non valutato Non valutato Non valutato

Note: Non sono presenti tabelle dati.

Requisito n. 11

Enunciato: Usare i fogli di stile per controllare la presentazione dei contenuti e organizzare le pagine in modo che possano essere lette anche quando i fogli di stile siano disabilitati o non supportati.

Riferimenti: WCAG 1.0: 3.3, 6.1

Riferimenti Section 508: 1194.22 (d)

Tabella riassuntiva delle pagine che sono state prese in esame relativamente al requisito n. 11
Pagina Home Page Comuni Albo Pretorio Comunicati stampa Consiglio
Esito Superato Superato Superato Superato Superato

Note: La pagina appare comprensibile anche disabilitando di fogli di stile. Poiché sono state utilizzate delle tabelle di layout, anche la disposizione dei contenuti risulta pressochè invariata.

Requisito n. 12

Enunciato: La presentazione e i contenuti testuali di una pagina devono potersi adattare alle dimensioni della finestra del browser utilizzata dall’utente senza sovrapposizione degli oggetti presenti o perdita di informazioni tali da rendere incomprensibile il contenuto, anche in caso di ridimensionamento, ingrandimento o riduzione dell’area di visualizzazione o dei caratteri rispetto ai valori predefiniti di tali parametri.

Riferimenti: WCAG 1.0: 3.4

Riferimenti Section 508: non presente

Tabella riassuntiva delle pagine che sono state prese in esame relativamente al requisito n. 12
Pagina Home Page Comuni Albo Pretorio Comunicati stampa Consiglio
Esito Fallito Fallito Fallito Fallito Fallito

Note: Se i layout a larghezza fissa siano o meno conformi alla legge Stanca è argomento di dibattito tra i progettisti di pagine web. Secondo l'autorevole parere di Michele Diodati:

L'enunciato inizia dicendo che "La presentazione e i contenuti testuali di una pagina devono potersi adattare alle dimensioni della finestra del browser". Un'impaginazione bloccata su dimensioni fisse *non* si adatta alla dimensione della finestra del browser in nessun caso, indipendentemente da eventuali sovrapposizioni dei contenuti. Dunque bloccare le dimensioni mi sembra una violazione del requisito.

Secondo questa definizione, nessuna delle pagine del sito è conforme. Per gestire la presentazione della pagina sono state utilizzate delle tabelle di impaginazione, utilizzando per la definizione della larghezza della pagina delle unità di misura assolute:

<table border="0" cellpadding="0" cellspacing="0" width="770">

La pagina è stata probabilmente ottimizzata per una risoluzione pari a 800x600 pixel, ma, poiché il layout non è liquido, un utente che ridimensioni il proprio browser a una dimensione inferiore si troverà a dover effettuare uno scorrimento verso destra per fruire dell'intero contenuto della linea di testo. Il problema è aggravato dal fatto che il menu di navigazione che identifica lo stato della pagina si trova posizionato sul lato sinistro della e un utente impegnato nella lettura dell'estremità destra della linea di testo non sarà in grado di determinare lo stato corrente della navigazione a meno di non eseguire uno scorrimento verso sinistra.

Schermata che mostra le difficoltà di navigazione utilizzando un layout fisso alla risoluzione di 640 per 480 pixel

L'unica soluzione per risolvere il problema in questo caso consiste nel riprogettare le pagine utilizzando i CSS, che tra le loro caratteristiche prevedono la possibilità di ottenere un layout liquido, che si adatta al ridimensionamento del browser. La scelta di progettare la pagina con un layout fisso ha tuttavia anche degli aspetti positivi: impostare un limite massimo inferiore agli 80 caratteri per la lunghezza di una riga facilita infatti la fruizione del contenuto da parte di utenti con problemi di vista i quali, in caso di linee eccessivamente lunghe si troverebbero in difficoltà nel seguire il fluire del testo tra le righe successive.

Requisito n. 13

Enunciato: In caso di utilizzo di tabelle a scopo di impaginazione, garantire che il contenuto della tabella sia comprensibile anche quando questa viene letta in modo linearizzato e utilizzare gli elementi e gli attributi di una tabella rispettandone il valore semantico definito nella specifica del linguaggio a marcatori utilizzato.

Riferimenti: WCAG 1.0: 5.3, 5.4

Riferimenti Section 508: non presente

Tabella riassuntiva delle pagine che sono state prese in esame relativamente al requisito n. 13
Pagina Home Page Comuni Albo Pretorio Comunicati stampa Consiglio
Esito Superato Superato Superato Superato Superato

Note: La pagina viene correttamente visualizzata in modo linearizzato. Nelle tabelle di impaginazione non sono stati usati (in questo caso correttamente) elementi ed attributi che descrivono semanticamente il contenuto delle tabelle dati.

Requisito n. 14

Enunciato: Nei moduli (form), associare in maniera esplicita le etichette ai rispettivi controlli, posizionandole in modo che sia agevolata la compilazione dei campi da parte di chi utilizza le tecnologie assistive.

Riferimenti: WCAG 1.0: 10.2, 12.4

Riferimenti Section 508: 1194.22 (n)

Tabella riassuntiva delle pagine che sono state prese in esame relativamente al requisito n. 14
Pagina Home Page Comuni Albo Pretorio Comunicati stampa Consiglio
Esito Non valutato Non valutato Fallito Fallito Non valutato

Note: Nessuno degli elementi di input presenta l'elemento <LABEL>:

<input name="testo" size="20" style="border: 2px solid rgb(219, 36, 0); background-color: rgb(249, 249, 249);" type="text">

Un utente che utilizzi un lettore di schermo potrebbe trovarsi in difficoltà, non essendo in grado di capire quale sia il testo riferito al form. E' consigliabile collegare un elemento <LABEL> a tutti gli elementi <INPUT>.

<label for="ricerca"> Inserire il titolo o il testo della delibera </label>
<input name="testo" id="ricerca" size="20" style="border: 2px solid rgb(219, 36, 0); background-color: rgb(249, 249, 249);" type="text">

L'utilizzo dell'elemento <LABEL> facilita l'interazione per tutti gli utenti, poiché il testo dell'etichetta diventa sensibile e attiva l'elemento <INPUT> corrispondente.

Requisito n. 15

Enunciato: Garantire che le pagine siano utilizzabili quando script, applet, o altri oggetti di programmazione sono disabilitati oppure non supportati; ove ciò non sia possibile fornire una spiegazione testuale della funzionalità svolta e garantire una alternativa testuale equivalente, in modo analogo a quanto indicato nel requisito n. 3.

Riferimenti: WCAG 1.0: 6.3

Riferimenti Section 508: 1194.22 (l),1194.22 (m)

Tabella riassuntiva delle pagine che sono state prese in esame relativamente al requisito n. 15
Pagina Home Page Comuni Albo Pretorio Comunicati stampa Consiglio
Esito Fallito Fallito Fallito Fallito Fallito

Note: Tutte le pagine analizzate presentano degli script che, se disabilitati, non permettono di fruire di alcune funzioni del sito. Nella Home Page è utilizzata una funzione che apre una finestra secondaria per utilizzata per visualizzare notizie di vario genere:

<body onload="popup('popup2.htm','400','460')" bgcolor= "#FFFFFF" link="#FF0000" vlink="#FF0000">

Oltre a essere una scelta di progettazione non accessibile, poiché sposta il focus dell'interazione su una finestra secondaria (disorientando gli utenti che utilizzano un lettore di schermo) sembra anche essere poco utile. Sulla Home Page stessa è infatti presente una sezione dedicata alle ultime notizie e sarebbe sufficiente spostare lì le informazioni veicolate attraverso la finestra secondaria.

Schermata che mostra l'apertura di una finestra secondaria al caricamento della home page

Nella sezione della giunta, per contattare i revisori dei conti, è utilizzato uno script che apre una finestra secondaria con una semplice interfaccia che permette di inviare un e-mail:

<A href="javascript:email('../../../e-mail/scrivi_a.asp?email=lorenzo.felician@provincia.trieste.it')">

Anche in questo caso disabilitando l'esecuzione degli script sarà impossibile accedere all'interfaccia e sarà necessario utilizzare il proprio client di posta riportando l'indirizzo del destinatario segnalato vicino al nominativo che si desidera contattare. Nella pagina dei comuni è infine utilizzata una finestra secondaria per visualizzare le mappe ad alta risoluzione dei comuni:

<a href="javascript:finestrella ('mappa_duino.htm')">

Come nota non direttamente legata all'accessibilità, si può peraltro notare che l'immagine della mappa presenta un indirizzo scorretto: http://www.provincia.trieste.it/new/interno/comuni/img/mappe/duino.gif L'indirizzo corretto dovrebbe essere: http://www.provincia.trieste.it/interno/comuni/img/mappe/duino.gif Questo fa presupporre che la versione corrente del sito sia stata sviluppata all'interno della directory new e al momento del passaggio in produzione del nuovo sito i collegamenti non siano stati aggiornati.

Requisito n. 16

Enunciato: Garantire che i gestori di eventi che attivano script, applet o altri oggetti di programmazione o che possiedono una propria specifica interfaccia, siano indipendenti da uno specifico dispositivo di input.

Riferimenti: WCAG 1.0: 6.4, 9.2, 9.3

Riferimenti Section 508: 1194.22 (l),1194.22 (m)

Tabella riassuntiva delle pagine che sono state prese in esame relativamente al requisito n. 16
Pagina Home Page Comuni Albo Pretorio Comunicati stampa Consiglio
Esito Non valutato Non valutato Non valutato Non valutato Non valutato

Note: Non sono presenti gestori di eventi.

Requisito n. 17

Enunciato: Garantire che le funzionalità e le informazioni veicolate per mezzo di oggetti di programmazione, oggetti che utilizzano tecnologie non definite da grammatiche formali pubblicate, script e applet siano direttamente accessibili.

Riferimenti: WCAG 1.0: 8.1

Riferimenti Section 508: 1194.22 (l),1194.22 (m)

Tabella riassuntiva delle pagine che sono state prese in esame relativamente al requisito n. 17
Pagina Home Page Comuni Albo Pretorio Comunicati stampa Consiglio
Esito Fallito Fallito Fallito Fallito Fallito

Note: Tutte le pagine analizzate presentano delle funzionalità che non sono fruibili disabilitando l'esecuzione degli script. Si veda la discussione del Requisito n. 15 per ulteriori dettagli. Pur non essendo condizione necessaria per la soddisfazione del requisito, si è inoltre scelto di analizzare qualche esempio di accessibilità dei PDF.: si tratta dei documenti relativi ai servizi di consegna delle tessere di trasporto agevolato e delle nuove tariffe del trasporto pubblico. Nessuno dei documenti analizzati specifica una lingua predefinita per la lettura né è organizzato utilizzando correttamente gli attributi (causando una possibile lettura errata dell'ordine secondo cui è stato distribuito il testo). In più uno dei documenti analizzati presenta un testo proposto come immagine: in questo caso un lettore di schermo non riuscirà assolutamente a distinguere il contenuto. Nei documenti che contengono immagini manca inoltre il testo alternativo. In questo caso l'unica soluzione è aggiungere gli attributi sin dall'applicazione di partenza (ad esempio OpenOffice prevede questa possibilità) in modo che i documenti PDF generati risultino accessibili.

Requisito n. 18

Enunciato: Nel caso in cui un filmato o una presentazione multimediale siano indispensabili per la completezza dell’informazione fornita o del servizio erogato, predisporre una alternativa testuale equivalente, sincronizzata in forma di sottotitolazione o di descrizione vocale, oppure fornire un riassunto o una semplice etichetta per ciascun elemento video o multimediale tenendo conto del livello di importanza e delle difficoltà di realizzazione nel caso di trasmissioni in tempo reale.

Riferimenti: WCAG 1.0: 1.3, 1.4

Riferimenti Section 508: 1194.22 (b)

Tabella riassuntiva delle pagine che sono state prese in esame relativamente al requisito n. 18
Pagina Home Page Comuni Albo Pretorio Comunicati stampa Consiglio
Esito Non valutato Non valutato Non valutato Non valutato Fallito

Note: E' presente un video Apple Quicktime che propone una visione a 360 gradi della sala del consiglio. Pur non essendo un'informazione fondamentale per il visitatore, si suggerisce comunque di fornire una descrizione testuale, attraverso gli attributi <ALT> o <LONGDESC>

Requisito n. 19

Enunciato: Rendere chiara la destinazione di ciascun collegamento ipertestuale (link) con testi significativi anche se letti indipendentemente dal proprio contesto oppure associare ai collegamenti testi alternativi che possiedano analoghe caratteristiche esplicative, nonché prevedere meccanismi che consentano di evitare la lettura ripetitiva di sequenze di collegamenti comuni a più pagine.

Riferimenti: WCAG 1.0: 13.1, 13.6

Riferimenti Section 508: 1194.22 (o)

Tabella riassuntiva delle pagine che sono state prese in esame relativamente al requisito n. 19
Pagina Home Page Comuni Albo Pretorio Comunicati stampa Consiglio
Esito Fallito Fallito Fallito Fallito Fallito

Note: Non è presente alcun meccanismo di skip links. Un utente che utilizzi un lettore di schermo o un qualsiasi browser che supporti solo una visione linearizzata della pagina sarà costretto ogni volta a scorrere prima l'intero menu di navigazione delle sezioni.

Requisito n. 20

Enunciato: Nel caso che per la fruizione del servizio erogato in una pagina è previsto un intervallo di tempo predefinito entro il quale eseguire determinate azioni, è necessario avvisare esplicitamente l’utente, indicando il tempo massimo consentito e le alternative per fruire del servizio stesso.

Riferimenti: WCAG 1.0: 7.4, 7.5

Riferimenti Section 508: 1194.22 (p)

Tabella riassuntiva delle pagine che sono state prese in esame relativamente al requisito n. 20
Pagina Home Page Comuni Albo Pretorio Comunicati stampa Consiglio
Esito Superato Superato Superato Superato Superato

Note: Nessuna pagina viene automaticamente ricaricata secondo delle temporizzazioni predefinite.

Requisito n. 21

Enunciato: Rendere selezionabili e attivabili tramite comandi da tastiere o tecnologie in emulazione di tastiera o tramite sistemi di puntamento diversi dal mouse i collegamenti presenti in una pagina; per facilitare la selezione e l’attivazione dei collegamenti presenti in una pagina è necessario garantire che la distanza verticale di liste di link e la spaziatura orizzontale tra link consecutivi sia di almeno 0,5 em, le distanze orizzontale e verticale tra i pulsanti di un modulo sia di almeno 0,5 em e che le dimensioni dei pulsanti in un modulo siano tali da rendere chiaramente leggibile l’etichetta in essi contenuta.

Riferimenti: WCAG 1.0: non presente

Riferimenti Section 508: non presente

Tabella riassuntiva delle pagine che sono state prese in esame relativamente al requisito n. 21
Pagina Home Page Comuni Albo Pretorio Comunicati stampa Consiglio
Esito Fallito Fallito Fallito Fallito Fallito

Note: La distanza verticale dei link del menu di navigazione è praticamente nulla. A peggiorare la situazione si aggiunge il fatto che il carattere predefinito della pagina è piuttosto piccolo. Un utente che soffra di tremolio alle mani non sarà assolutamente in grado di puntare in modo preciso e sarà costretto almeno ad ingrandire la dimensione del carattere per ottenere condizioni di navigazioni accettabili. Inoltre non è fornito alcun tasto di accesso rapido.

Requisito n. 22

Enunciato: Per le pagine di siti esistenti che non possano rispettare i suelencati requisiti (pagine non accessibili), in sede di prima applicazione, fornire il collegamento a una pagina conforme a tali requisiti, recante informazioni e funzionalità equivalenti a quelle della pagina non accessibile ed aggiornata con la stessa frequenza, evitando la creazione di pagine di solo testo; il collegamento alla pagina conforme deve essere proposto in modo evidente all’inizio della pagina non accessibile.

Riferimenti: WCAG 1.0: 11.4

Riferimenti Section 508: 1194.22 (k)

Tabella riassuntiva delle pagine che sono state prese in esame relativamente al requisito n. 22
Pagina Home Page Comuni Albo Pretorio Comunicati stampa Consiglio
Esito Fallito Fallito Fallito Fallito Fallito

Note: Non è fornita alcuna pagina testuale equivalente. Come si può evincere dai loghi dei conformità del W3C presenti sulla pagina, il progettista del sito non ha probabilmente preso in considerazione la possibilità di fornire un'alternativa testuale, probabilmente convinto di aver già realizzato una versione accessibile.

Torna su [Accesso rapido: t]

Conclusioni

Il sito si fregia dei loghi di conformità del W3C sia per quel che riguarda la conformità del linguaggio a marcatori utilizzato (HTML 4.01), sia per quel che riguarda l'accessibilità (WCAG 1.0). Lo scenario che emerge dalla verifica tecnica è invece assai diverso: non solo le pagine non sono conformi al linguaggio a marcatori, ma non lo sono neanche a molte delle linee guida per l'accessibilità proposte dal W3C: è infatti a molte di questo ultime che la Legge Stanca fa riferimento per definire molti dei suoi requisiti tecnici. Subito dopo in ordine di importanza, vi è la necessità di intervenire sulle alternative testuali per gli elementi non di testo: inserire le etichette mancanti agli elementi che non le possiedono, siano essi immagini, moduli per l'inserimento dati o presentazioni multimediali e la rimozione del testo alternativo per gli elementi decorativi. Sarebbe buona cosa inserire anche una funzione di skip links per rendere più agevole la navigazione, nonché fornire dei tasti di accesso rapido. Infine, anche se con priorità inferiore, sarebbe opportuno iniziare a pensare un nuovo layout liquido del sito basato sui CSS.

Torna su [Accesso rapido: t]

Autori: Davide Chiavone, Andrea Ermetici

Ultima modifica: 17/09/06

Valid XHTML 1.0 Strict

Valid CSS!