Simulazione euristica del sito www.regione.fvg.it

Salta direttamente alla relazione
SimFVG SimVDA ConfAss3 UTAss3 ValAss3 Regione Friuli Venezia Giulia Regione Val d'Aosta ASS3 dell'Alto Friuli
Sei qui : Home Page > Simulazione Euristica Friuli Venezia Giulia

Indice pagina

  1. Introduzione
  2. Scenari d'uso ipotizzati
  3. Pagine considerate
  4. Barriere ipotizzate
  5. Descrizione dettagliata
  6. Conclusioni

Simulazione euristica guidata da barriere per la verifica dell'accessibilità

1. Introduzione

La simulazione euristica guidata da barriere è un metodo utilizzato per valutare l'accessibilità di un sito internet. La tecnica prevede di individuare alcuni scenari d'uso e cioè una narrazione di cosa una possibile persona in determinate condizioni vorrebbe ottenere mediante l'uso del sistema,la scelta di una o più categorie di utenti da considerare,l'individuazione di una serie di barriere e per ultima cosa la verifica delle presenza della barriera che può insorgere per l'utente e lo scenario scelto.

Inizialmente abbiamo individuato due tipi di utenti affetti da disabilità visive e motorie definendo così due tipi di scenari d'uso scegliendoli tra i tipi di utenti con varie disabilità. Successivamente abbiamo selezionato le barriere che gli utenti presi in considerazione potevano incontrare e le abbiamo incrociate con tutte le pagine analizzate. Ad ogni barriera incontrata abbiamo associato due valori che rappresentano l'impatto che la barriera ha e la frequenza con cui si presenta. Questi valori possono assumere un numero scelto su una scale che varia da 1 a 3. Ovviamente il valore 3 identifica l'effetto peggiore.

Per quando riguarda l'impatto i valori sono stati assegnati usando i seguenti criteri :
1. la presenza del problema viene notata dall'utente considerato, ma ci sono facili modi per aggirarla od evitarla. Esso non incide significativamente sulle capacità dell'utente di raggiungere con successo il termine del compito. Può invece incidere sull'efficienza con cui l'utente svolge il compito e/o sulla sua soddisfazione.
2. la presenza del problema è notata ed incide significativamente sull'efficacia e/o sicurezza. L'utente non riesce ad aggirarlo facilmente, o ad evitarlo. Per uscire dalla situazione problematica l'utente può necessitare di notevole tempo, vari tentativi e ingegno. Il problema rende difficile, faticoso e/o rischioso il proseguimento del compito, ed è facile che l'utente compia degli errori. Il problema incide sicuramente e marcatamente su efficacia e/o sicurezza.
3. si tratta di una barriera che porta molto spesso a rinunciare al raggiungimento dello scopo: gli errori possono essere molti e con gravi conseguenze; vie alternative non esistono. L'impatto negativo su efficacia e sicurezza è elevato.

Per quanto riguarda la frequanza si possono usare i seguenti criteri :
1. il problema si manifesta raramente e non sempre durante lo svolgimento del compito; in pochi e marginali casi esso si manifesta. Dunque esso incide in maniera molto limitata sulla produttività e sulla soddisfazione.
2. il problema si verifica ogni volta che si svolge quel compito. Può incidere significativamente su produttività e su soddisfazione.
3. il problema si verifica più volte durante lo svolgimento del compito. Sicuramente incide sulla produttività, facendola calare marcatamente; e altrettanto di sicuro, incide sulla soddisfazione.

In base a queste due valori si può costruire la seguente tabella che descrive la gravità della presenza della barriera:
impatto frequenza gravità
11minore
12minore
13serio
21serio
22serio
23critico
31critico
32critico
33critico

La simulazione è stata svolta utilizzando un pc portatile con sistema operativo Windows xp home edition e browser grafico Mozilla Firefox 1.5. Di conseguenza assumiamo che anche gli utenti scelti per svolgere la simulazione utilizzino gli stessi strumeti.
Siccome il nostro gruppo è composto da 3 persone (valutatori) abbiamo utilizzato il seguente metodo :
-ci siamo accordati sui scenari e le pagine da valutare
-ogni valutatore ha dedicato 1 ora a navigare sul sito per familializzare
-ogni valutatore incrocia le pagine con le barriere assegnando i livelli di gravità
-ci siamo ritrovati e abbiamo fuso le liste

top^

2. Scenari d'uso ipotizzati

Per lo svolgimento della prova sono stati scelti due utenti che appartengono alla categoria degli utenti ipovedenti e disabili motori. In questa sezione sono descritti i tipi di disabilità che gli utenti considerati hanno e lo scenario in cui operano.

Utente Ipovedente :

Antonio è un ragazzo di 31 anni. A causa di un problema agli occhi ha cominciato a perdere la vista dell'età di 10 anni e oggi ha dei seri problemi di vista che condizionano la sua vita normale e perciò anche la lettura sul computer. Per risolvere questo problema Antonio utilizza un ingranditore di schermo che lo aiuta a leggre sullo schermo del pc e perciò può utilizzare il comuputer come una persona non disabile.
Antonio lavora nell'ufficio comunale di Tramonti di Sotto e utilizza il computer per lavoro. Molto spesso gli capita di utilizzare il sito della regione FVG per reperire qualsiasi informazione che gli viene chiesta.In particolare gli vengono chieste o necessita di informazioni relative alla montagna, alle notizie della giunta e sui giovani.
Antonio al lavoro utilizza un desktop con sistema operativo Windows XP Home edition e il lettore di schermo/ingranditore Zoom Text.

Utente Disabile motorio :

Giada è una ragazza di 25 anni. A causa di un incidente in motorino ha subito una frattura al braccio sinistro e siccome è una ragazza mancina, e perciò utilizza il mouse con la mano sinistra , è costretta ad usare il mouse o la tastiera solamente con la mano destra. Ovviamente questa situazione le crea grandi difficoltà.
Giada è una studentessa dell'Università di Udine e utilizza il sito per ottenere informazioni sull'Università regionali e la ricerca, sugli eventi giornalieri, sul meteo e aiuta i genitori, poco esperti nell'utilizzo del pc, a reperire informazioni sull'agricoltura e sul lavoro dato che la famiglia possiede un'azienda agricola. Sia a casa che all'università Giada utilizza un pc portatile con sistema operativo Windows XP Home Edition e non utilizza nessuna tecnologia assistiva.

top^

3.Pagine considerate

Le pagine considerate sono diverse per i due tipi di utenti presi in considerazione. La diversità delle pagine e dovuta al fatto che sono stati presi in considerazioni scenari diversi.I due utenti utilizzano il sito per raggiungere obiettivi diversi e per svolgere compiti diversi e perciò le pagine visualizzate non possono essere le stesse.E' ovvio perciò che a obiettivi diversi corrispondono pagine diverse.
Per l'utente ipovedente le pagine considerate sono le seguenti:

Per l'utente disabile motorio invece sono state analizzate le seguenti pagine :

top^

4. Barriere considerate

Le barriere utilizzate per lo svolgimento della prova sono quelle proposte dal prof. Brajnik e sono già suddivise per tipo di disabilità.

Le barriere prese in considerazione per un utente ipovedente sono le seguenti :

Le barriere prese in considerazione per un utente disabile motorio sono le seguenti :

top^

5. Descrizione dettagliata

Seguendo i link seguenti è possibile visualizzare una descrizione dettagliata delle barriere che un utente ipovedente o disabile motorio possono incontrare nella fruizione del sito :

top^

6. Conclusioni

Dai risultati ottenuti dell'analisi svolta possiamo affermare che il sito presenta molti problemi/barriere sia per un utente ipovedente sia per un utente disabile motorio.

Per quanto riguarda un utente ipovedente le barriere che creano i maggiori problemi sono il materiale in movimento,le immagini funzionali prive di testo alternativo,troppi link, immagini come titoli, testo e layout non ridimensionabili e gli skip link.
Tutte queste barriere comportano problemi più o meno gravi che alcune volte possono portare l'utente alla drastica decisione di rinunciare a utilizzare il sito. Il materiale in movimento è una barriera che non permette all'utente ipovedente , che utilizza un ingranditore di schermo e perciò ha un campo visivo ridotto, di notare i cambiamenti e di conseguenza perde una parte del contenuto. Molto grave è anche la barriere che non permette al testo di essere ridimensionabile. In questo caso il testo è ridimensionabile ma le immagini che vengono usate come titolo di sezione(altra barriera riscontrata) non lo sono e perciò alcune parti risultano ridimensionabili e altre no creando enormi problemi all'utente preso in considerazione. Coloro che hanno progettato e implementato questo sito probabilmente non sono a conoscenza dell'esistenza dell'attributo alt e della sua funzione dato che in tutte le immagini informative è assente. Ovviamente questo fatto comporta seri problemi all'utente. Altro problema preso serio è il contrasto visivo insufficiente che si riscontra in varie parti del sito è che non permette ad un utente ipovedente che ha quelche tipo di disabilità all'apparato visivo di fruire in maniera ottimale del sito.
Pertanto si consiglia di :

Per quanto riguarda un utente disabile motorio le barriere che creano maggiori problemi sono la mancanza di link interni,troppi link,link troppo vicini,nuove finestre e form senza label. La mancanza di link interni costringe l'utente a fare continuamente uno scroll per saltare da sezione a sezione. Inserendo tali link questo non avviene e non può che portare vantaggi. Non è un problema molto grave anche perchè il contenuto delle pagine spesso è presente in una sola videata e non è necessario effettuare uno scroll. Troppi link costringono l'utente a ricordarsi tante informazioni e a fare tanti sopostamenti per poi scegliere quello giusto mentre i link troppo vicini creano difficoltà a "colpire" il bersaglio.Serio è anche il problema dell'apertura di nuove pagine che si sovrappongono a quella di "origine" e che costringono l'utente a uno sforzo enorme per colpire il tasto di chiusura finestra che si trova nell'angolo in alto a destra. Tutti i form presenti non hanno associato l'attributo Label per ogni elemento presente e ciò causa difficoltà a selezionare l'elemento voluto sopratutto se si tratta di checkbox o radiobutton.
Si consiglia perciò di :

Un problema che si presenta in ambedue le tipologie di utenti considerati e quello della mancanza di tasti rapidi. Gli accesskey sono molto importanti e bisogna associarli a ogni funzione, link, immagine funzionale che si ripresenta spesso in modo che sia conveniente ricordare la sequenza di tasti. In quasi tutte le pagine analizzate in alto a destra compare la stessa pulsantiera alla quale non è stata associato nessun accesskey. Si consiglia pertanto di inserire un accesskey tutti i link di tale pulsantiera.

top^

Ultima modifica:03/04/2006
Contatti: M. Cattelan, D. Menegon, M. Montagner