Valutazione euristica di www.ass3.sanita.fvg.it

Salta direttamente alla relazione
SimFVG SimVDA ConfAss3 UTAss3 ValAss3 Regione Friuli Venezia Giulia Regione Val d'Aosta ASS3 dell'Alto Friuli
Sei qui : Home Page > Indice Valutazione Euristica Ass3

Indice

  1. Introduzione
  2. Livelli di gravità
  3. Descrizione dei dieci punti

1 - Introduzione

La valutazione euristica è un metodo per analizzare i problemi di usabilità di un sito internet. Per effettuare la valutazione sono state usate le 10 euristiche di Jakob Nielsen riviste e aggiornate da Giorgio Brajnik.
Durante lo svolgimento della valutazione prima di tutto si è dovuto "inventare" uno scenario, in cui un utente con delle conoscenze informatiche medie sta usando il sito dell'Ass3 dell'Alto Friuli per trovare delle informazioni su un tipo di esame clinico che deve effettuare. Egli sta usando un personal computer con Microsoft Windows XP SP2, e come browser usa Mozilla Firefox. Lo schermo è un monitor LCD da 17" e una risoluzione di 1024x768 pixels con 24bit per pixel (ovvero 16 milioni di colori).

^top

2 - Livelli di gravità

La seguente tabella mostra un metodo per calcolare la gravità di un difetto che si basa sull'impatto che ha il difetto sull'utente e sulla frequenza con cui si verifica il difetto.

Impatto Frequenza Gravità
1 1 minore
1 2 minore
1 3 serio
2 1 serio
2 2 serio
2 3 grave
3 1 grave
3 2 grave
3 3 grave
^top

3 - Descrizione dei dieci punti

Visibilità dello stato del sistema

Il sistema deve costantemente informare l'utente su ciò che sta succedendo, fornendo un appropriato feedback in tempi ragionevoli.

Allineamento tra il mondo del sistema e quello reale

Il sistema dovrebbe usare lo stesso linguaggio dell'utente, con parole, frasi e concetti familiari all'utente, puttosto di termini che sono orientati al sistema. Seguire le convenzioni del mondo reale, facendo sí che le informazioni appaiano in ordine naturale e logico.

Controllo da parte dell'utente e la sua libertà

Gli utenti spesso invocano delle funzioni del sistema per errore e abbisognano delle uscite di emergenza chiaramente indicate in modo da abbandonare degli stati del sistema indesiderati senza dover passare attraverso un lungo dialogo. Si supportino azioni di undo/redo.

Corerenza e standard

Gli utenti non devono chiedersi se parole, situazioni o azioni diverse fanno riferimento alle stesse cose. Si seguano le convenzioni determinate dagli standard ufficiali o di fatto.

Prevenzione degli errori

Ancora meglio che dei buoni messaggi di errore è un attento progetto che previene gli errori.

Riconoscimento piuttosto che memorizzazione

Rendere visibili gli oggetti, le azioni e le opzioni. L'utente non dovrebbe dover ricordarsi le informazioni relative ad una parte del dialogo nelle successive. Le istruzioni su come usare il sistema dovrebbero essere visibili o reperibili con facilità ogni volta che è appropriato.

Flessibilità ed efficienza d'uso

Gli acceleratori da tastiera - non visibili da utenti principianti - spesso possono velocizzare l'interazione per utenti esperti, facendo sí che il sistema sia allo stesso tempo adatto agli uni e agli altri. Si permetta agli utenti di personalizzare le azioni più frequenti.

Design estetico e minimalista

I dialoghi non dovrebbero contenere informazioni che sono irrilevanti o raramente usate. Ogni componente informativo in un dialogo compete con gli altri, e diminuisce la loro visibilità relativa.

Riconoscere, valutare e rimediare agli errori

I messaggi di errore devono essere espressi in un linguaggio semplice (non codici di errore), devono indicare con precisione l'errore, e suggerire in maniera costruttiva una soluzione.

Aiuto e documentazione

Anche se è meglio se il sistema può venir usato senza documentazione, può essere necessario fornire degli aiuti e documentazione di riferimento. Questo tipo di informazione deve essere semplice da ricercare, focalizzata sui compiti degli utenti, elencare i passi concreti da eseguire, e non essere troppo grande come dimensione.

^top
Ultima modifica:03/04/2006
Contatti: M. Cattelan, D. Menegon, M. Montagner