Relazione corso PSW

Simulazione Euristica Sito Regione Lombardia

Sei in: Indice relazioni > Simulazione Euristica Sito Regione Lombardia - Introduzione (1/3)

Introduzione

Indice:

Il sito

Il sito della simulazione euristica guidata da barriere è principalmente un sito di tipo informativo, che però offre alcuni servizi interattivi soliti di un sito operativo. I servizi resi disponibili dal portale sembrano essere rivolti solamente agli utenti registrati e agli operatori. I servizi interattivi di base che vengono proposti sono:

Il contenuto offerto è molto ampio: spazia dalle informazioni di carattere generale della Regione Lombardia alle informazioni più dettagliate sui vari servizi. I servizi telematici che vengono offerti sono una moltitudine e sembrano essere accuratamente suddivisi in base alla loro funzione e al traget d'utenza. Le informazini fornite sono suddivise in articoli e documenti. Inoltre il sito viene costantemente aggioranto con le notizie più recenti.
Per quanto riguarda l'accessibilitá il sito dichiara di essere conforme alle linee guida WCAG livello A. Nessun rifermiento viene fatto rigurado la legge 4 del 9/1/2004 (legge Stanca) che il sito deve obbligatoriamente rispettare.

[T] Inizio Pagina

Metodologia

La simulazione euristica guidata da barriere permette di valutare l'accessibilitá del sito. Il metodo deriva dalla simulazione euristica dove i principi adottati vengono sostituiti da un elenco di barriere di accessibilitá. Sulla loro base i valutatori esaminano le singole pagine e cercano di identificare tutte quelle barriere che la pagina potrebbe erigere nei confronti dell'attivitá dell'utente disabile. In questo modo è possibile contestualizzare le violazioni in scenari d'uso e quindi di assegnare una scala di importanza ai problemi rilevati.
La modalità che abbiamo deciso di seguire è la seguente:

  1. Sono state scelte tre categorie di utenti di utenti disabli.

  2. Sulla base delle categorie di utenti considerate, è stato selezionato un elenco delle possibili barriere da valutare.

  3. Dopo aver deciso quali scenari d'uso del sito considerare (nel caso di un'applicazione web è conveniente esaminare i "casi d'uso", o use case, previsti per il sistema, mentre per un sito informativo occorre scegliere a campione alcuni esempi di esigenze informative) sono state scelte le pagine da esaminare.

  4. Ogni valutatore, autonomamente e in maniera sistematica, pagina per pagina, cerca di capire se sono presenti determinate barriere. In tal caso, in base al contenuto e ruolo della pagina, il valutatore avrá modo di giudicare qual è l'impatto e la frequenza della barriera sui compiti dell'utente, e quindi infine produrre il livello di gravitá della barriera.

  5. Alla fine tutti i valutatori confrontano tra loro le singole liste di barriere ottenute e su comune accordo stilano una lista piú generale. Si procede alla rimozione di alcune segnalazioni di problemi solo se entrmbi i valutatori sono d'accordo. Altrimenti in caso di mancato accordo, ad esempio sulla gravitá di un problema, si deciderá di produrre un valore medio.

I problemi riscontrati vengono sudivisi per gravità, in base a due fattori: l'impatto sull'utente e la frequenza con cui si manifesta. Per determinare i livelli di gravità abbiamo utilizzato la seguente griglia:

Tabella per calcolare la gravità di un difetto
impatto frequenza gravità
0 0 nessuno
1 1 minore
1 2 minore
1 3 serio
2 1 serio
2 2 serio
2 3 critico
3 1 critico
3 2 critico
3 3 critico

Riportiamo di seguito una classificazione dei livelli di gravità:

[T] Inizio Pagina

Categorie di utenti e Scenari considerati

Nello svolgere la simulazione sono stati presi in considerazione le seguenti tipologie di utenti disabili, con lo scenario d'uso di seguito descritto:

[T] Inizio Pagina

Strumenti utilizzati

Per lo svolgimento della verifica di conformità, oltre ai browser tradizionali, sono stati utilizzati i seguenti strumenti:

[T] Inizio Pagina

L'elenco delle pagine analizzate

Riportiamo di seguito le pagine scelte per la valutazione. Abbiamo cercato di scegliere delle pagine che rappresentassero al meglio tutte le caratteristiche del portale regione Lombardia. Le pagine sono state analizzate (in data 31/5/06):

  1. Homepage della Regione Lombardia
  2. Indice per la navigazione tematica
  3. Indice servizi offerti
  4. Sezione Disabili
  5. Informazioni per agevolazioni per disabili
  6. Indice delle News
  7. Testo completo di una news
  8. Sezione diritto allo studio
  9. Informazioni sui buoni scuola 2006
  10. Modulo per contattare il personale

Nota: per alcune pagine viene fornito solo l'indirizzo non cliccabile perchè l'indirizzo contiene dei caratteri che causavano la non validitá della pagina.

[T] Inizio Pagina

Conclusioni

Il sito in questione presenta agli utenti disabili analizzati molte barrire di varia natura, che possono talvolta essere dei veri e propri muri insormontabili. Tutte queste barriere, la maggior parte delle quali sono gravi, rendono il sito inaccessibile. Le barriere piú gravi riguardano: lo stile di navigazione adottato dal sito (ad esempio l'uso di troppi link, di link troppo vicini, l'uso di frame, l'apertura di nuove pagine che si sovrappongono e la mancanza di scorciatoie come skip link o tasti rapidi); e la presentazione del contenuto (ad esempio l'uso di pagine e frame senza titoli, la mancata suddivisione in sezioni dei blocchi di testo mediante lutilizzo dei tag h1, h2, ..., h6, l'uso di immagini prive di testo alternativo e opportune descrizioni).
La maggior parte delle barriere gravi sono comuni a tutti i tipi di disabili considerati e agiscono pesantemente sul controllo da parte dell'utente, sulla comprensione, sulla percezione e sull'utilizzo. La barriera più grave riscontrata riguarda l'utilizzo combinato dei frame e dell'apertura di nuove finestre per l'apertura dei link situati in sottodomini del sito, crea gravi ostacoli a tutti i tipi di disabili considerati.

I disabili non vedenti e ipovedenti sono molto svantaggiati da questa situazione, infatti talvolta la maggior parte di queste barriere risultano essere degli ostacoli che non permettono nessun tipo di alternativa. In particolare i disabili non vedenti hanno, in alcuni casi, dei problemi molto grandi rispetto agli altri disabili: nella comprensione e nel reperimento delle informazioni che vengono presentate dal sito, perchè le informazini sono o strutturate male nella pagina o sono contenute in immagini prive di descrizioni testuali alternative e quindi non raggiugibili da un lettore di schermo.

I disabili ipovedenti, che solitamente utilizzano degli ingranditori di schermo, trovano difficile la navigazione del sito per via della rappresentazione adottata per alcune informazioni e della struttura di navigazione implementata, ad esempio vengono utilizzate delle immagini per i titoli e non vengono messe a disposizione delle funzioni per accellerare la navigazione.

I disabili motori hanno a grandi linee gli stessi problemi degli ipovedenti, soprattutto per quanto riguarda la disposizine delle infromazioni nelle pagine e la struttura di navigazione.

Il resto delle barriere, a cui abbiamo asseganto un livello di gravitá serio o minore, confermano la nostra tesi: i disabili che vengono maggiormente colpiti è da queste barriere sono i non vedenti e gli ipovedenti. Tali barriere non influenzano pesantemente l'attivitá del disabile, ma creano comunque dei disagi e dei disturbi.

[T] Inizio Pagina

Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS ©2006 Mirko Cappena, Mauro Santarossa