Salta al contenuto della pagina Progettazione Siti Web
Anno 2005

Simulazione Euristica – Risultati

  1. Sunto
  2. Conclusioni

1. Sunto

Le barriere che il sito pone sulla strada di utenti disabili sono molte, e molte sono ostiche o catastrofiche.

Nella seguente tabella sono state raccolte le barriere più frequenti e di gravità maggiore.

Tabella riassuntiva dell'analisi delle barriere.
Barriera Gravità Frequenza
Immagini senza testo alternativo Catastrofica Onnipresente
Pagine con frame Catastrofica Frequente
Rollover javascript Catastrofica Frequente
Elementi dinamici Catastrofica Frequente
Popolazione automatica dei form Catastrofica Frequente
Tasti rapidi Ostica Onnipresente
Eccesso di collegamenti Ostica Onnipresente
Salto al contenuto Ostica Onnipresente
Testo ridimensionabile Ostica Onnipresente
Linguaggio delle pagine Ostica Onnipresente
Collegamenti ambigui Ostica Frequente
Etichette dei controlli Ostica Frequente
Collegamenti che aprono nuove finestre Ostica Frequente
Titoli dei frame Ostica Frequente
Tabelle di contenuto Ostica Frequente
Cambiamenti di linguaggio Ostica Rara
Ridimensionamento della finestra Superabile Onnipresente
Titoli delle pagine Superabile Onnipresente
Validazione dei controlli Superabile Rara
Aggiornamenti e focus Superabile Rara
Collegamenti non descrittivi Superabile Rara
Torna all'inizio

2. Conclusioni

Diversi utenti disabili (per handicap o utilizzo di tecnologie debilitanti) riscontrano numerose barriere sulla strada che li conduce agli obiettivi che il sito mette loro a disposizione.

5 di tali barriere sono di natura catastrofica e si presentano frequentemente, precludendo la possibilità di raggiungere gli obiettivi posti a valle della barriera.

Inoltre, un vasto gruppo di barriere, per quanto non compromettenti, induce l'utente disabile a impiegare un grande sforzo e molto tempo solo per aggirare la barriera.

In definitiva la simulazione euristica applicata al sito in esame ha catturato un giudizio non sufficiente. Il sito andrebbe ristrutturato quasi totalmente, imponendosi di seguire delle linee guida (ad es.: quelle della W3C).

Torna all'inizio
Erik Burigo