Salta al contenuto della pagina Progettazione Siti Web
Anno 2005

Simulazione Euristica – Introduzione

  1. Obiettivi
  2. Strumenti
  3. Valutazione

1. Obiettivi

La simulazione euristica è una metodologia di identificazione di barriere. La tecnica consiste nell'analizzare un sito impersonando un utente disabile e valutando le difficoltà che il sito introduce.

Le categorie d'utenza considerate includono:

  • utilizzatori di browser obsoleti o testuali;
  • utenti con handicap visivi (acromia, daltonismo, cecità, utenti di ingranditori di schermo);
  • utenti con handicap auditivi;
  • utenti con handicap motori;
  • utenti con handicap cognitivi;

Nelle sopracitate categorie si includono anche utenti momentaneamente disabili: ossia utenti che utilizzano tecnologie disabilitanti.

Torna all'inizio

2. Strumenti Utilizzati

Al fine di simulare l'utilizzo del sito da parte di un utente disabile, sono stati utilizzati i seguenti strumenti:

  • Mozilla Firefox 1.7 con il plugin Web Developer Toolbar, che permette di osservare la pagina disabilitando (fra le altre cose) gli stili, i javascript, i colori, e le immagini;
  • il browser testuale lynx;
Torna all'inizio

3. Valutazione

Navigando il sito utilizzando tecnologie debilitanti vengono identificate le barriere che rendono difficoltoso o impossibile raggiungere alcuni obiettivi.

Nel valutare la gravità di una barriera si è tenuto conto di due fattori.

  • Impatto: quanto sforzo è richiesto all'utente per aggirare o superare la barriera. Questo parametro può assumere tre valori:
    1. superabile: la barriera è fastidiosa, ma superabile senza difficoltà;
    2. ostica: la barriera è superabile, ma richiede sforzo e risorse da parte dell'utente;
    3. insuperabile: la barriera è un ostacolo critico, i compiti a valle della barriera non sono raggiungibili.
  • Frequenza: quanto spesso la barriera si presenta all'utente durante la navigazione del sito. Anche questo parametro assume tre valori:
    1. rara: la barriera viene incontrata poche volte durante lo svolgimento di normali operazioni, spesso è limitata ad 1 o 2 casi;
    2. frequente: la barriera è risontrabile in molte parti del sito o comunque viene riscontrata in operazioni svolte frequentemente;
    3. onnipresente: la barriera si presenta quasi sempre o è diffusa a tutto il sito.
Torna all'inizio
Erik Burigo