Relazione di Progettazione Siti Web

sul sito di Rai Tre

Zompicchiatti Luca


Simulazione Euristica

Indice della relazione




Indice del Contenuto

Simulazione Euristica

Primo utente

Secondo utente





Simulazione Euristica





Introduzione

La simulazione euristica è un metodo di valutazione dell’accessibilità che permette di contestualizzare le violazioni in scenari d’uso e quindi permette di assegnare una scala di importanza ai problemi e di determinare il livello di efficacia, produttività, soddisfazione e sicurezza del sito per gli utenti e utilizzi considerati.
Ora procederemo con un analisi condotta a “passi” che ci permetteranno di eseguire in maniera formale la simulazione individuando anche una tipologia di potenziali utenti del sito.

Menù


4 Passi della Simulazione Euristica

1. scegliere le possibili categorie di utenti
2. scegliere le possibili barriere di accessibilità
3. analizzare ogni pagina per vedere se manifesta una qualche barriera
4. assegnare una gravità ad ogni barriera riscontrata

Menù


Categorie d’uttente

Le persone che accedono al sito si presume siano utenti generici che guardano Rai–Tre o che semplicemente vogliono avere informazioni sulle notizie del giorno presenti nel sito.
Si presume che tra gli utenti sopra citati, ne esistano con handicap visivi (sia cechi che ipovedenti).

Menù


Barriere d’accessibilità

Breve descrizione (del prof. Brajnik):
Una qualsiasi condizione che rende difficile o impossibile il progredire verso l’ottenimento di un obiettivo da parte di una persona disabile (o disabilitata) che usa il sito mediante un qualche tipo di tecnologia (assistiva o altro).

Menù




Primo utente





Caratteristiche del primo utente

- Utente :
Mario Rossi

- Situazione Operativa :
L’utente visualizza il sito da casa su un portatile, con lettore di schermo “jawls” e una barra brail.

- Attori e loro caratteristiche fisico mentali :
L’utente ha handicap visivo congenito (campo visivo praticamente nullo).

- Scopi :
Vedere se l’utente Rossi riesce a navigare sul sito, e se questo risulta leggibile da parte di un lettore di schermo con l’ausilio di barra brail.

- Piani di azione :
L’utente digita l’indirizzo del sito interessato, ne verifica la correttezza tramite barra brail ed attende il caricamento della pagina. Attende che il lettore di schermo comunichi il contenuto della pagina informandolo dei link, immagini, testo etc.

- Interpretazioni :
L’utente cerca il menù della pagina del sito ma il lettore di schermo comunica solamente del testo ed una sequela di collegamenti privi di descrizione. Capisce che la parte iniziale della pagina è un menù, quindi cerca di andare su “mappa del sito” la quale risulta del tutto scardinata, con relativi problemi di barriera d’accesso (i quali verranno spiegati successivamente).

- Azioni osservabili :
Forte disagio, l’utente cerca di usare anche la barra brail come ausilio al lettore di schermo, cercando di trovare la mappa del sito,( sempre che riesca a comprendere che la prima sequenza di link è il menù principale) cerca di comprendere la struttura ma inutilmente data la presenza di java–script ed action-script che non permette la visualizzazione i vari link. Conseguenza rinuncia della visione del sito.

Menù



Barriere d’accessibilità primo utente

- Barrire nella Percezione :

◊ Qualsiasi immagini è sprovvista di ALT, longdesec, D-link.


- Barriere nell’ utilizzazione :

◊ Presenza di java–script, e la non presenza di “ALT” sui link importanti, non permette la visualizzazione corretta della pagina occultando il nome del collegamento.

◊ Non compare la descrizione delle immagini con l’utilizzo del tag “D–LINK”,“LONGDESK”, “ALT” che permette ad un utente cieco di conoscere la destinazione e l’argomento trattato sulle pagine puntate dal collegamento.

◊ Presenza di finestre pop–up che ne occulta il contenuto informativo per utenti con lettore di schermo o lettore tesutale.

◊ Nelle piccole form non esiste “LABEL FOR” che permette di associare una casella di testo alla rispettiva label associata ( e quindi non permette di far capire all’utente come comportarsi cosa inserire).


- Barriera della comprensione :

◊ Nella maggior parte delle pagine il titolo non corrisponde al contenuto, quindi c’è un problema di disorientamento.

◊ Il sito è privo dell’attributo “lang” che specifica la lingua con cui il testo è stato scritto.


- Barriera al controllo da parte dell’utente :

◊ Mancanza di tasti rapidi

◊ Mancanza di skip links nascosti

◊ Mancanza di “Briciole di pane” che permettono di conoscere il percorso realizzato e la posizione della pagina all’interno del sito.

Menù



Livelli di gravità primo utente

- Problema catastrofico :

I problemi sopra caratterizzati possono venir inglobati in questa categoria visto che l’utente non riesce a comprendere bene il contenuto della pagina, non riuscendo a navigare. Come conseguenza ciò porta un notevole disagio per l'utente.



Menù





Secondo utente





Caratteristiche del secondo utente

- Utente :
Giancarlo Verdi

- Situazione Operativa :
L’utente visualizza il sito da casa su un pc da tavolo con windows 2000 service pack 4 . Dispone di un ingranditore di schermo.

- Attori e loro caratteristiche fisico mentali :
L’utente è ipovedente.

- Scopi :
Vedere se l’utente Verdi riesce a navigare sul sito, e se questo risulta leggibile da parte di un ingranditore di schermo.

- Piani di azione :
L’utente digita l’indirizzo del sito interessato ed attende il caricamento della pagina.
Con l’aiuto dell’ingranditore di schermo trova il menù, visiona velocemente il resto della pagina e procede osservando il “palinsesto della settimana”.

- Interpretazioni :
L’utente visiona il palinsesto in modo efficace ma con efficienza ridotta dato l’uso dei colori inappropriato.

- Azioni osservabili :
L’utente fatica a comprendere la differenza tra immagini–link e immagini “normali”, faticando a capire la posizione dei vari contenuti.

Menù



Barriere d’accessibilità secondo utente

- Barrire nella Percezione :

◊ Cattivo posizionamento delle immagini, che rende dispersiva la visualizzazione delle immagini e rende estremamente repentini i movimenti di mouse, causando confusione e incomprensione.

◊ Problemi durante la lettura del testo con font chiaro e minuto, su sfondo chiaro, ha come conseguenza la diminuzione dell’acutezza visiva, causando un rallentamento della lettura.

- Barriere nell’ utilizzazione :

◊ Alcune pagine che contengono finestre pop–up.
L’utente non riconosce la differenza fra scroll bar e sfondo della finestra sottostante.

◊ Presenza di java–script, e la non presenza di “ALT” sui link importanti, non permette la visualizzazione corretta della pagina occultando il nome del collegamento.

◊ Difficoltà nell’uso delle scroll–bar sulla sezione riguardante il palinsesto: l’utente non riesce a vedere contemporaneamente il testo che scorre e la freccia della barra di scorrimento.

- Barriera della comprensione :

◊ Nella maggior parte delle pagine il titolo non corrisponde al contenuto, quindi c’è un problema di disorientamento.

- Barriera al controllo da parte dell’utente :

◊ Mancanza di tasti rapidi.

◊ Mancanza di skip links nascosti.

◊ Mancanza di “Briciole di pane” che permettono di conoscere il percorso realizzato e la posizione della pagina all’interno del sito.

◊ Impossibilità di ingrandire il carattere della pagina per conformarlo alla dimensione di ingrandimento dell’ingranditore di schermo, che spesso sfuoca il carattere e lo rende poco leggibile.

Menù



Livelli di gravità secondo utente

- Problema catastrofico :

I problemi sopra caratterizzati possono venir inglobati in questa categoria visto che l’utente non sempre riesce a visualizzare i link e a distinguere questi dal restante testo, molte volte non riesce a capire come continuare la navigazione. Come conseguenza ciò porta un notevole disagio e un analisi dettagliata tramite ingranditore di schermo di tutte le parole, per notare eventuali cambiamenti tipo la sottolineatura al passaggio del mouse. Se il testo da leggere è abbastanza lungo l’utente abbandona completamente il compito. Una soluzione adottabile sarebbe quella di utilizzare un lettore di schermo che ne evidenzia i link durante la lettura. L’ideale sarebbe contrassegnare con un colore diverso i link rispetto al restante testo non-link.

- Problema importante :

Infine la barriera riscontrata nella visualizzazione di immagini al di fuori del campo visivo del visualizzatore di schermo, può riguardare questo ambito di problema dato che molte volte l'utente non riesce ad interpretare bene il contenuto della stessa, rendendo difficile e faticoso il proseguimento del compito, soprattutto quando si tratta di immagini in movimento o filmati. In alcuni casi l'utente salva l’immagine su disco per poi visualizzarla a tutto schermo con dimensione visualizzabile per intero.

- Problema minore :

Per quanto riguarda la barriera dovuta al non ridimensionamento del testo si può includere in questa categoria visto che in ogni caso l’utente dispone di un ingranditore di schermo che già ridimensiona il testo, ovvio che la formattazione del testo dovuta ad un ridimensionamento via pagina web è sicuramente migliore rispetto a quello tramite ingranditore di schermo.



Menù