RAI 3 - Valutazione della conformità

Indice dei contenuti:

  1. Definizione di livello di priorità
  2. Conformità secondo le WCAG
    1. Fornire alternative equivalenti al contenuto audio e visivo
    2. Non fare affidamento sul solo colore
    3. Usare marcatori e fogli di stile
    4. Chiarire l'uso di linguaggi naturali
    5. Creare tabelle che si trasformino in maniera elegante
    6. Assicurarsi che le pagine che danno spazio a nuove tecnologie si trasformino in maniera elegante
    7. Assicurarsi che l'utente possa tenere sotto controllo i cambiamenti di contenuto nel corso del tempo
    8. Assicurare l'accessibilità diretta delle interfacce utente incorporate
    9. Progettare per garantire l'indipendenza da dispositivo
    10. Usare soluzioni provvisorie
    11. Usare le tecnologie e le raccomandazioni del W3C
    12. Fornire informazione per la contestualizzazione e l'orientamento
    13. Fornire chiari meccanismi di navigazione
    14. Assicurarsi che i documenti siano chiari e semplici
  3. Tabella sommario dei problemi divisi per gravità
    1. Gravità 1
    2. Gravità 2
    3. Gravità 3

Definizione di livello di priorità :

  1. PRIORITÀ 1: Lo sviluppatore di contenuti web deve conformarsi al presente punto di controllo. In caso contrario, a una o più categorie di utenti viene precluso l'accesso alle informazioni presenti nel documento. La conformità a questo punto di controllo costituisce un requisito base affinché alcune categorie di utenti siano in grado di utilizzare documentiweb.
  2. PRIORITÀ 2: Lo sviluppatore di contenuti Web dovrebbe conformarsi a questo punto di controllo. In caso contrario per una o più categorie di utenti risulterà difficile accedere alle informazioni nel documento. La conformità a questo punto consente di rimuovere barriere significative per l'accesso a documenti Web .
  3. PRIORITÀ 3: Lo sviluppatore di contenuti Web può tenere in considerazione questo punto di controllo. In caso contrario, una o più categorie di utenti sarà in qualche modo ostacolata nell'accedere alle informazioni presenti nel documento. La conformità a questo punto migliora l'accesso ai documenti Web .

Torna su

Valutazione della conformità:

1. Fornire alternative equivalenti al contenuto audio e visivo

Un problema riscontrato in gran parte delle pagine del sito analizzate è la mancanza di un equivalente testuale per gli elementi non di testo. Quindi la mancanza di attributi come "alt" e "longdesk".

Nella home page sono poche le immagini che presentano l' "alt":

< img src=http://www.raitre.rai.it/scroll_mezzo.gif alt=centro border=0 width=12 height=71>

<img src=http://www.raitre.rai.it/scroll_frecciadown.gif alt=giu border=0 width=12 height=11>

<img src=http://www.raitre.rai.it/scroll_frecciaup.gif alt=su border=0 width=12 height=11>

Queste 3 sono relative al calendario presente nella colonna di destra, scritto in javascript.

<AREA href="http://www.tgr.rai.it" alt="Telegiornali regionali" shape="rect" coords="8,46,122,78">

<AREA href="http://www.tg3.rai.it" alt="Telegiornale Nazionale" shape="rect" coords="8,3,122,45">

Queste 2 sono relative alle 2 immagini sensibili presenti nella colonna di sinistra che permettono di andare alla pagina dei telegiornali, l' alt è anche informativo in questo caso.

<img src="/CmsRai/portale/pub/images/BarraTRaiTreLogo.gif" width="56" height="20" border="0" alt="Vai al portale Rai">

Questo è relativo al logo della rai che permette di andare alla pagina del portale e anche questo risulta significativo.
Nella home page non ci sono altre immagini che presentano un' alternativa testuale e ciò rappresenta un grave problema per gli utenti che usano un lettore di schermo. Gli elementi di tipo applet o input non presentano nessuna alternativa testuale. Nella pagina non sono presenti elementi di tipo video o audio.
Un altro problema riscontrato in tutte le pagine analizzate è che alcuni script non presentano un'alternativa testuale e quindi l'informazione o il contenuto espresso da essi non è fruibile con strumenti che non supportano gli script.

Nella pagina programmi:

<img src="/CmsRai/portale/pub/images/BarraTRaiTreLogo.gif" width="56" height="20" border="0" alt="Vai al portale Rai">

È presente l' alt in questa immagine che è la stessa presente in ogni pagina, che è quella che permette di andare al portale RAI.

<img src="http://www.raitre.rai.it/palinsesto_frecciadx.gif" width="12" height="12" border="0" alt="vai al sito" hspace="0" vspace="0">

Questa immagini è relativa alla freccia vicino al testo "BLOB" che pero' si poteva scrivere vai al sito di blob.
In questa pagina nessun elemento di tipo applet o frame non presenta l' equivalente testuale. La maggior parte delle immagini presenta una descrizione testuale, tranne quelle che sono comuni a tutte le altre pagine come ad esempio il logo di RAI3.

Nella pagina palinsesto:
Non è presente alcun elemento con l'alt.
Priorità 1

Torna su

2. Non fare affidamento sul solo colore

Torna su

3. Usare marcatori e fogli di stile

<style type="text/css">
#divPaliPadre {VISIBILITY: hidden; OVERFLOW: hidden; WIDTH:234px; CLIP: rect(1px 234px 89px 1px); POSITION: absolute; HEIGHT: 89px; z-index:1}
#divPaliFiglio {LEFT: 0px; POSITION: absolute; TOP: 0px}
</style >

Pero' non vengono utilizzati per rappresentare i font con i loro colori e dimensioni, non vengono usati per definire l' allineamento ecc.

Troviamo ad esempio:

<td><table height="100%" width="90%" align=center> <tr> <td> <font face="Verdana, Geneva, Arial, Sans-serif" color=#000000 size=1> Se volete discutere, divertirvi o soltanto curiosare, i <b>forum</b> dei programmi di Rai Tre vi aspettano nella nuova <b>Community</b> di Rai.it: <a href="http://www.community.rai.it/cop_index.php?forid=4"><font color="#0000FF">Un posto al sole</font> </a>, <a href="http://www.community.rai.it/cop_index.php?forid=12"> <font color="#0000FF">la Squadra</font> </a>, <a href="http://www.community.rai.it/cop_index.php?forid=5"> <font color="#0000FF">Primo Piano</font> </a>, <a href="http://www.community.rai.it/cop_index.php?forid=7 "> <font color="#0000FF">Gaia</font/gt;</a>, <a href="http://www.community.rai.it/cop_index.php?forid=29"> <font color="#0000FF">Sfide</font> </a>, <a href="http://www.community.rai.it/cop_index.php?forid=35"> <font color="#0000FF">Alle falde del Kilimangiaro</font> </a>, <a href="http://www.community.rai.it/cop_index.php?forid=38"> <font color="#0000FF">Che tempo che fa</font> </a>. </td >

In questo caso si sarebbero potuti usare i fogli di stile per rappresentare il font e il colore. Comunque in tutte le pagine si possono trovare esempi di questo tipo. Nella pagina relativa ai programmi i fogli di stile vengono utilizzati in modo più ampio ma non comunque per tutti i casi.
Priorità 2

<b> <font face="Verdana, Arial, Helvetica, sans-serif" size="1" color="#FFFF66"> <a href="http://www.melevisione.rai.it/"> <b> <font face="Verdana, Arial, Helvetica, sans-serif" size="1" color="#FFFF66">La Melevisione</font> </b> </a> </font> </b>

Priorità 2

<ul>
<li>TG3</li>
<li>Meteo 3</li>
.......
</ul>

Priorità 2

<b> <i>"Festival Internazionale del Mar Nero ad Albena"</i> </b> <b>(Bulgaria)</b>, conclusosi il 9 giugno, nella categoria <b> <i>Silver Satellite</i></b> dedicata a documentari e programmi di attualita' <b> <i>Report</i> </b>

Priorità 2

Torna su

4. Chiarire l'uso di linguaggi naturali

<span lang="en">movies</span>

Nella home page e nella pagina sui programmi non viene affatto considerato l'attributo lang . Nelle pagine relative al palinsesto e ai personaggi viene definito nel seguente modo:

<html lang="it">

Priorità 1

<html lang="it">

Priorità 1

Torna su

5. Creare tabelle che si trasformino in maniera elegante

<th abbr="lun28">lunedi 28</th>

Priorità 3

Torna su

6. Assicurarsi che le pagine che danno spazio a nuove tecnologie si trasformino in maniera elegante

<noscript> <img src="http://server-it.imrworldwide.com/cgi-bin/count?cid=it_rainet-it_0" width=1 height=1> </noscript>

Quindi in caso di non funzionamento degli script viene fornita un' immagine.
Priorità 1

Torna su

7. Assicurarsi che l'utente possa tenere sotto controllo i cambiamenti di contenuto nel corso del tempo

Torna su

8. Assicurare l'accessibilità diretta delle interfacce utente incorporate

Torna su

9. Progettare per garantire l' indipendenza da dispositivo

Torna su

10. Usare soluzioni provvisorie

Torna su

11. Usare le tecnologie e le raccomandazioni del W3C

Torna su

12. Fornire informazione per la contestualizzazione e l'orientamento

Torna su

13. Fornire chiari meccanismi di navigazione

Torna su

14. Assicurarsi che i documenti siano chiari e semplici

Torna su

Tabella sommario dei problemi divisi per gravità

Gravità 1:

Descrizione
1 Fornire alternative equivalenti al contenuto audio e video Non viene soddisfatta perchè la maggior parte delle immagini non presenta l' attributo alt.
2.1 Assicurarsi che tutta l'informazione veicolata dal colore sia disponibile anche senza, per esempio grazie al contesto o ai marcatori. In tutte le pagine, i link della pulsantiera globale non vengono sottolineati, cambiano colore quando ci si passa sopra quindi non sono chiaramente distinguibili in assenza di colore. Anche sul link di Blob passandoci sopra esso cambia colore. Si dovrebbero sottolineare tutti i link.
4.1 Identificare con chiarezza i cambiamenti nel linguaggio naturale del testo di un documento e in ogni equivalente testuale. In diverse pagine sono presenti parole non italiane come e-mail, movies, shukran ecc. per cui l' attributo lang non è stato specificato.
5.1 Per le tabelle di dati, identificare le intestazioni di righe e colonne. L' unica tabella dati presente è quella relativa alla pagina palinsesto dove sono presentati i programmi in onda su RAI3 per tutta la settimana. Non usano alcun elemento th per definire l' intestazione della tabella, usa soltanto l' elemento td per identificare le celle.
5.2 Per le tabelle di dati che hanno due o più livelli logici di intestazioni di righe o colonne, usare marcatori per associare le celle di dati e le celle di intestazione. -
6.1 Organizzare i documenti in modo che possano essere letti senza i fogli di stile. Senza i fogli di stile le pagine si leggono con notevole difficoltà. Tutte le informazioni non appaiono più nel riquadro dove si trovavano originariamente, i riquadri rimangono delle stesse dimensioni pero' appaiono vuoti.
6.2 Assicurarsi che gli equivalenti del contenuto dinamico vengano aggiornati quando il contenuto dinamico cambia. -
6.3 Assicurarsi che le pagine siano utilizzabili quando script, applet o altri oggetti di programmazione sono disabilitati oppure non supportati. Se questo non è possibile, fornire informazione equivalente accessibile alternativa. In quasi tutte le pagine sono presenti script e applet. Javascript nella maggior parte dei casi viene usato per migliorare la resa visiva di pulsanti, ecc. quindi non comporta grandi limitazione alla navigazione di chiunque utilizzi un browser che non supporta questo linguaggio. Alcuni servizi offerti dal sito non sono disponibili quando sono disabilitati i javascript. Comunque vengono forniti sempre i noscript.
7.1 Fino a quando gli interpreti non permetteranno agli utenti di controllare lo sfarfallio, evitare di far sfarfallare lo schermo. Nella home page ci sono parecchi banner pubblicitari in movimento e non c'è nessun meccanismo all'interno di uno script che permetta di disabilitarne il movimento o tenere sotto controllo gli effetti. Sempre nella home page sono presenti informazioni scorrevoli che non si possono fermare.
8.1 Fare in modo che elementi di programmi come script e applet siano direttamente accessibili o compatibili con le tecnologie assistive. La progettazione delle interfacce utente non sempre segue i principi dell'accessibilità. Nel nostro caso il sito analizzato è navigabile da tastiera perchè l'utente riesce a percepire dove si trova e come spostarsi nel sito. La posizione del cursore nel sito è evidenziata, anche se non troppo. Non sono disponibili accesskey. Non è possibile accedere a tutte le funzionalità indipendentemente da dispositivo.
9.1 Fornire immagini sensibili sul lato client invece di immagini sensibili sul lato server, con l'eccezione dei casi nei quali le zone non possono essere definite con una forma geometrica valida. Le immagini sensibili presenti sono quasi tutte prive di alt e quindi difficili da utilizzare con browser vocali.
11.4 Se, nonostante ogni sforzo non si può creare una pagina accessibile, fornire un collegamento a una pagina alternativa che usi le tecnologie W3C, sia accessibile, contenga informazioni (o funzionalità) equivalenti, e sia aggiornata con la stessa frequenza della pagina (originale) inaccessibile. Il contenuto delle pagine risulta quasi tutto accessibile anche se con molte difficoltà. Per quei link che non risultano accessibili non viene fornito nessun collegamento ad una pagina alternativa che usi la tecnologia del W3C.
12.1 Dare un titolo a ogni frame per facilitare l'identificazione del frame e la navigazione. Nelle pagine sono solo presenti elementi del tipo </IFRAME> che non risultano essere aperti da nessuna parte. Questi elementi comunque non presentano l' attributo title per la definizione del titolo.
14.1 Usare il linguaggio più chiaro e semplice possibile che sia adatto al contenuto di un sito. Considerando che gli utenti del sito saranno persone che usualmente guardano RAI3, il sito parla un linguaggio chiaro, non tecnico e usa nomi di programmi e nomi di conduttori conosciuti ad un pubblico che guarda tale programma. Il linguaggio è semplice e comprensibile da tutti. Non sono usati acronimi, tranne lun, mar ecc. per indicare i giorni della settimana ma che non sono di difficile comprensione. L' unico problema si riscontra con i colori che molto spesso vengono usati per segnalare cose che poi' non sono tanti importanti.

Torna su

Gravità 2:

Descrizione
2.2 Assicurarsi che le combinazioni fra colori dello sfondo e del primo piano forniscano un sufficiente contrasto se visti da qualcuno con deficit percettivi sul colore o se visti su uno schermo in bianco e nero. Per quanto riguarda le combinazioni fra i colori dello sfondo e del primo piano nelle pagine analizzate c'è un buon contrasto. Le immagini sono abbastanza ben contrastate e anche il testo lo è.
3.1 Quando esiste un linguaggio di marcatori adatto, per veicolare informazione usare un marcatore piuttosto che le immagini. In quasi tutte la pagine vengono utilizzate immagini per rappresentare un testo invece di usare testo e fogli di stile. Ad esempio in tutte le pagine vengono utilizzate immagini per rappresentare i link della pulsantiera globale. Nella home page vengono utilizzate immagini per rappresentare i giorni della settimana, vengono utilizzate immagini per la stringa motore di ricerca ecc.
3.2 Creare documenti che facciano riferimento a grammatiche formali pubblicate. Non vengono fatti riferimenti a grammatiche formali. All' inizio di ogni documento si dovrebbe includere la dichiarazione sul tipo di documento che rimandi ad una DTD pubblicata.
3.3 Usare i fogli di stile per controllare l'impaginazione e la presentazione. In gran parte delle pagine analizzate l'uso dei css è in parte corretto e in parte no dal momento che non sempre vengono usati i fogli di stile per controllare l'impaginazione e la presentazione.I fogli di stile vengono utilizzati ma soltanto per controllare alcuni elementi.
3.4 Usare unità relative e non assolute nei valori degli attributi del linguaggio dei marcatori e i valori della proprietà del foglio di stile. Vengono utilizzate unità assolute nella definizione della grandezza dei font, infatti utilizza i px. Al posto dei px si sarebbero potute utilizzare misure come em oppure percentuali. Per la definizione delle tabelle pero' vengono utilizzate misure di percentuale e quindi misure relative.
3.5 Usare elementi di intestazione per veicolare la struttura del documento e usarli in modo conforme alle specifiche. In nessuna delle pagine esaminate è stato utilizzato alcun elemento di intestazione, come h1, h2..., preferendo combinazioni di elementi font e b per ottenere lo stile grafico desiderato o addirittura usando immagini al loro posto.
3.6 Marcare le liste ed elencare le voci della lista in modo appropriato. Non sono presenti liste. Si poteva pero' pensare di mettere alcuni elementi che si trovano in tabelle in liste.
3.7 Marcare le citazioni. Non usare marcatura che definisca le citazioni per ottenere effetti di formattazione come il rientro. Non sono state marcate le citazioni.
5.3 Non usare tabelle per l'impaginazione a meno che la tabella non sia comprensibile se letta in modo linearizzato. Altrimenti, se la tabella non risulta leggibile, fornire una alternativa equivalente. Tutte le pagine del sito sono impaginate attraverso l' utilizzo di tabelle, se letta in modo linearizzato non risulta comprensibile. L'impaginazione delle pagine è sempre gestita tramite tabelle. Bisognerebbe cercare di non utilizzare tabelle per l' impaginazione e usare al loro posto ad esempio i fogli di stile.
5.4 Se per l'impaginazione viene usata una tabella non usare nessun marcatore di struttura per la formattazione della resa visiva. Non vengono usati marcatori di struttura per la formattazione della resa visiva delle tabelle usate per l' impaginazione, infatti non vengono utilizzati elementi del tipo TH.
6.4 Per quanto riguarda script e applet, assicurarsi che i gestori di eventi siano indipendenti dai dispositivi di input. -
6.5 Assicurarsi che il contenuto dinamico sia accessibile oppure fornire una presentazione o pagina alternativa. -
7.2 Fino a quando gli interpreti non permetteranno agli utenti di controllare il lampeggiamento, evitare di far lampeggiare il contenuto (cioè di cambiare la presentazione ad intervalli regolari, come se si accendesse o spegnesse). -
7.3 Fino a quando gli interpreti non permetteranno agli utenti di bloccare il contenuto in movimento, evitare il movimento nelle pagine. Sono presenti nella maggior parte delle pagine oggetti scorrevoli che ci permettono di leggere delle informazioni posizionandoci su delle frecce, non sono in continuio movimento e quindi non danno fastidio. Purtroppo sono presenti banner che non si possono fermare e per questi si dovrebbero prevedere degli eventi quali OnMouseOver.
7.4 Fino a quando gli interpreti non forniranno la possibilità di bloccare l'autoaggiornamento, non creare pagine che si autoaggiornino periodicamente. -
7.5 Fino a quando gli interpreti non forniranno la capacità di bloccare l'auto-reindirizzamento,non usare marcatura per reindirizzare le pagine automaticamente. Piuttosto configurare il server in modo che esegua i reindirizzamenti. -
9.2 Assicurarsi che ogni elemento che possiede una sua specifica interfaccia possa essere gestito in una modalità indipendente da dispositivo. -
9.3 Negli script, specificare gestori di evento logici piuttosto che gestori di eventi dipendenti da dispositivo. In tutte le pagine del sito sono previsti metodi come onMouseOver e onMouseOut che non permette di navigare molto bene da tastiera ma piuttosto con il mouse.
10.1 Fino a quando gli interpreti non permetteranno agli utenti di bloccare la generazione di nuove finestre, non fare apparire finestre a cascata o di altro tipo e non cambiare la finestra attiva senza informare l'utente. L' utente di questo sito non viene mai informato di quando viene aperta una nuova finestra. Ad esempio cliccando sul link blob della home page compare una nuova finestra, distinta da quella principale. Non c' è modo se no in manualmente ,agendo sui comandi di chiusura della finestra, di chiudere la nuova finestra. Anche nelle altre pagine si verificano problemi di questo tipo.
10.2 Fino a quando gli interpreti non supporteranno esplicite associazioni fra etichette e controlli dei moduli, assicurare, per tutti i controlli dei moduli che hanno etichette associate implicitamente, che l'etichetta sia posizionata correttamente. -
11.1 Usare le tecnologie del W3C quando sono disponibili e sono appropriate per un certo compito e usare le versioni più recenti quando sono supportate. Non usa i fogli di stile per definire l' impaginazione delle pagine. Andando a validare la pagina con il validatore del W3C sono stati identificati 99 errori.
11.2 Evitare le caratteristiche delle teconologie W3C che sono disapprovate. Tutte le pagine analizzate contengono degli elementi font, align, color, ecc. che dovrebbero essere inseriti nei fogli di stile e non all' interno dell' html. Nella linea 2017 è stato trovato un tag </commento> che non è mai stato aperto. Altri errori ripetuti spesso sono <font color=000033......> in cui manca l' # davanti al numero, <TD>nbps;</TD> in cui manca l' & davanti ad nbps; e ancora altri errori banali.
12.2 Descrivere lo scopo dei frame e il modo in cui essi interagiscono se non è evidente dai titoli dei frame da soli. Negli elementi </IFRAME> non vengono specificati nessun tipo di attributo longdesk per evidenziare lo scopo dei frame.
12.3 Dividere i blocchi di informazione in gruppi più maneggevoli quando è naturale ed appropriato. Non sono presenti liste troppo lunghe. Tranne nella home page dov' è presente il palinsesto della settimana che è rappresentato da una lunga lista pero' occupa poco posto siccome usa lo scorrimento, comunque non è una buona soluzione. Si poteva dividere a seconda delle fascie orarie. La stessa cosa succede nella pagina programmi nella sezione dicono di noi, la quale poteva essere divisa in una lista più corta.
12.4 Associare esplicitamente le etichette ai loro controlli. Gli elementi form non hanno l' elemento label con l'attributo for in nessuna pagina per associare le etichette ai controlli.
13.1 Identificare con chiarezza l'obiettivo di ogni collegamento. Molte etichette dei link come ad esempio personaggi presente nella pulsantiera globale non è molto significativo, sarebbe stato meglio chiamarlo conduttori in quanto presenta tutti i conduttori di RAI3. Inoltre non ha alcun titolo che lo descriva. Un problema più grosso si presenta con l' etichetta del link e-mail in cui si da la possibilità di inviare e-mail ma al suo interno contiene pure le FAQ. Gli utenti non si aspettano di trovarle all' interno di questo link. Il link teche relativo alla rai.it è significativo ma non tutti conoscono il suo significato.
13.2 Fornire metadata per aggiungere informazioni di tipo semantico a pagine e ai siti. Non vengono fornite informazioni riguardo l'autore del documento mediante RDF. Non vengono usati nemmeno gli attributi rel negli elementi link per determinare il link successivo .
13.3 Fornire informazione sulla configurazione generale di un sito (mappa, indice, ecc). La barra del menu principale identifica le aree in cui il sito è diviso cioè definisce le pagine più importanti del sito e quindi permette un rapido accesso ad esse. Non è disponibile nessuna mappa del sito, tranne che quella nella barra subito in alto alla pagina che pero' è relativa al sito della RAI e non al sito di RAI3.
13.4 Usare meccanismi di navigazione in modo coerente. Non tutti i link presenti sono di colore blu e sottolineati, tranne quelli presenti nella home page per andare ai programmi di RAI3. Alcuni link si capisce che sono tali solo passandoci sopra con il mouse. La pulsantiera globale comunque è presente in tutte le pagine del sito. Non si capisce quali sono i link attivi.

Torna su

Gravità 3:

Descrizione
4.2 Specificare lo scioglimento di ogni abbreviazione o acronimo nel documento laddove compare per la prima volta. Non vengono date spiegazioni su acronimi, l'utente è costretto ad impararne il significato attraverso la navigazione all'interno del sito. Non sono presenti molti acronimi, magari nella home page si poteva prevedere di usare l' attributo "abbr" per i giorni della settimana che risultano scritti come lun, mar, mer ecc. anche se è facile capire di quale parola sono l'abbreviazione.
4.3 Identificare il linguaggio naturale principale di un documento. Nella home page e nella pagina sui programmi non viene affatto considerato l'attributo lang. Nelle pagine relative al palinsesto e ai personaggi viene definito.
5.5 Per le tabelle, fornire i sommari. Non sono previsti attributi summary all' interno delle tabelle. Nella maggior parte dei casi non è necessario, lo si poteva prevedere all' interno della pagina relativa al palinsesto.
5.6 Fornire abbreviazioni per le etichette di intestazione. Non vengono fornite abbreviazioni per le etichette di intestazione.
9.4 Creare un ordine logico di tabulazione fra i collegamenti, i controlli dei moduli, e gli oggetti. Non è presente alcun attributo tabindex per specificare l' ordine di tabulazione in nessuna pagina del sito. Comunque la disposizione logica della pagina è abbastanza buona.
9.5 Fornire scorciatoie da tastiera per i collegamenti importanti, per i controlli dei moduli e per i gruppi di controlli dei moduli. Non sono presenti scorciatoie da tastiera fornite tramite l' attributo accesskey in nessuna pagina del sito.
10.3 Fino a quando gli interpreti non renderanno in modo corretto il testo affiancato, fornire un testo lineare alternativo per tutte le tabelle che dispongono testo su colonne parallele e andando a capo. Non è presente una versione lineare del testo alternativo impaginato attraverso l'uso delle tabelle.
10.4 Fino a quando gli interpreti non gestiranno in maniera corretta controlli vuoti, inserire i caratteri predefiniti come segnaposto nelle caselle per l'immissione di testo a una riga oppure a più righe. Non tutti gli input e textarea hanno inseriti caratteri di default. Non tutte le caselle vuote hanno il segnaposto per l'immissione del testo.
10.5 Fino a quando gli interpreti non renderenno in modo distinto collegamenti adiacenti, inserire caratteri stampabili, non facenti parte dei collegamenti, per separare i collegamenti adiacenti. Non tutti i collegamenti adiacenti sono separati da caratteri stampabili non facenti parte dei collegamenti. Ad esempio ciò avviene per i menu.
11.3 Fornire agli utenti l'informazione necessaria perchè possano ricevere i documenti in maniera che si adattino alle loro preferenze. Il sito non è disponibile in più lingue e quindi non si adatta alle preferneze degli utenti.
13.5 Fornire barre di navigazione per evidenziare e dare accesso ai meccanismi di navigazione. La barra di navigazione è presente in tutte le pagine del sito.
13.6 Raggruppare i collegamenti correlati, identificare i gruppi e, fino a quando gli interpreti non lo fanno, fornire un modo per saltare il gruppo. In tutte le pagine del sito i collegamenti correlati sono raggruppatti abbastanza bene.
13.7 Se sono fornite funzionalità di ricerca, rendere possibili diversi tipi di ricerca per differenziare livelli di abilità e per preferenze diverse. Meccanismi di ricerca sono forniti in quasi tutte le pagine pero' non permettono di usare diversi tipi di ricerca cioè non si puo personalizzare la ricerca. L' unica pagina in cui è possibile personalizzare la ricerca è nella pagina dei programmi in cui si puo' effettuare la ricerca scegliendo tra un insieme di categorie predeterminate come cinema, cultura,ecc.
13.8 Posizionare l'informazione più significativa all'inizio delle intestazioni, dei paragrafi, delle liste, ecc. In tutte le pagine l' informazione più significativa e posizionata all' inizio di tutti i paragrafi e poi' vengono inseriti i dettagli. Nella maggior parte delle pagine i dettagli sono presenti in pagine secondarie.
13.9 Fornire informazioni sulle raccolte di documenti. Non sono presenti attributi del tipo rel e rev negli elementi link per andare alle pagine successive di un documento, anche perchè non sono presenti raccolte di documenti.
13.10 Fornire un mezzo per saltare arte ASCII multilinea. Non sono presenti arte ASCII.
14.2 Integrare il testo con presentazioni grafiche o uditive nei casi in cui esse possano facilitare la comprensione della pagina. Il testo è molto spesso accompagnato da immagini per far capire di cosa si tratta, non sono presenti grafici ne presentazioni uditive. Soprattutto nella home page ogni programma descritto è accompagnato da un' immagine relativa al programma.
14.3 Creare uno stile di presentazioni coerente fra le pagine. Tutte le pagine presenti hanno lo stesso stile quindi si ottiene coerenza tra le pagine del sito.

Torna su