Indice > Relazione 4 (pagina 5 di 5)

Valutazione dell'accessibilità

Per valutare il grado di accessibilità del sito è stato considerato sia l'impatto di una data barriera sullo svolgimento dei compiti dell'utente, sia la frequenza con cui tale barriera si presenta. La gravità della barriera è stata valutata applicando il seguente criterio:

Impatto Frequenza Gravità
3 3 3
3 2 3
3 1 2
2 3 2
2 2 2
2 1 1
1 3 1
1 2 1
1 1 1

La tabella seguente riassume i risultati ottenuti:

Barriera Impatto Frequenza Gravità
A8 Le pagine sono visualizzate in nuove finestre di pop-up. 2 2 2
A9 Le form non utilizzano gli attributi legend e for 2 1 1
A10 Pagine prive di titolo, con titolo non informativo o con titoli uguali 2 3 2
A12 Assenza di skip-links nascosti 2 3 2
C2 Immagini decorative senza particolare contenuto informativo che utilizzano l'attributo alt 2 2 2
C3 Contenuto espresso in una lingua diversa da quella specificata per il documento e privo di attributi che ne specifichino la lingua e for 1 1 1
C5 Informazioni veicolate per mezzo di oggetti che utilizzino tecnologie non definite da grammatiche formali pubblicate (file PDF, Excel,…) 3 1 2

Conclusioni

Tutte le pagine analizzate sono caratterizzate da un limitato uso di elementi grafici (esclusivamente a scopo decorativo) per cui la totalità delle informazioni è veicolata attraverso il testo.

Questo approccio rende sicuramente più facile ottenere un sito più accessibile per gli utenti non-vedenti in quanto non è necessario impiegare risorse per creare alternative testuali per tutti quegli elementi non di testo che fanno parte del contenuto.

Ciononostante rimangono ancora alcune barriere che, sebbene di media gravità, comportano pesanti disagi per la categoria di utenti considerata in questa analisi.
Le barriere che creano maggiori difficoltà all'utente non-vedente sono:

La prima barriera costringe l'utente che ha selezionato un certo link ad ascoltare nuovamente tutte le voci del menù di navigazione ed eventuali altri elementi posizionati prima del contenuto principale perchè non esiste una scorciatoia che porti direttamente il focus (e quindi la lettura dello screen reader) al contenuto principale.

La seconda barriera costituisce un fastidioso elemento di distrazione per l'utente, che si trova ad ascoltare porzioni di testo prive di alcun contenuto informativo.
Nella figura seguente, per esempio, si vede come il contenuto dell'attributo alt sia uguale al titolo del link che accompagna l'immagine: il risultato è che l'utente sente il lettore di schermo leggere il titolo del link due volte.

Per quanto riguarda i documenti in formato PDF, la versione 5.x di Acrobat mette a disposizione dello sviluppatore delle features per garantire una maggiore accessibilità dei documenti. Queste caratteristiche sono però supportate solo dai più recenti screen readers (Jaws 3.71 e successivi, Window Eyes 4.2 e successivi), tant'è che la stessa Acrobat nella versione 5.05 del suo Reader ha fatto un parziale passo indietro reintroducendo la possibilità di esportare il testo.

< Indietro