Analisi del sito della regione Calabria: simulazione euristica

  Pagina Principale > Regione Calabria > Simulazione euristica



Indice

  1. Introduzione
  2. Conclusioni
  3. Analisi delle pagine specifiche

Analisi delle pagine

Vai alla prima pagina

Introduzione

Il metodo utilizzato è quello illustrato a lezione: i principi adottati per stabilire se una pagina è accessibile vengono sostituiti da una serie di barriere di accessibilità (ovvero delle condizioni che rendono difficoltoso o addirittura impossibile lo svolgimento di un compito da parte di un disabile o di una persona disabilitata che utilizza il sito tramite tecnologia assistiva) sulla cui base si è proceduto all'analisi sistematica di ogni singola pagina presa in esame.
Per ogni barriera emersa si è cercato di stabilire la gravità della situazione tramite l'impatto osservato su efficacia e sicurezza all'interno di un ipotetico compito da svolgere e tramite la frequenza nell'esecuzione del compito secondo le modalità discusse a lezione.

Viene presentata una relazione per ogni pagina analizzata riportando le barriere riscontrate divise per tipologia a cui si associano i valori relativi all'impatto e alla frequenza nell'esecuzione di un compito e il valore risultante di gravità.

Torna all'inizio

Conclusioni

Le pagine analizzate presentano barriere molto gravi, in grado di incidere significativamente sulla sicurezza, sull'efficacia e sulla sicurezza di un utente.
Si riportano qui di seguito una lista di barriere riscontrate nella maggior parte delle pagine con relativa soluzione. Si riporta il livello di gravità più frequente nel sito, in quanto il valore a volte cambia perchè dipendente dalle singole situazioni (per esempio per un imagine funzionale manchevole di alt, la gravità cambia a seconda che vi siano o meno collegamenti testuali equivalenti.

Barriere nell'utilizzazione

Presenza di immagini funzionali senza elemento alt.

Molto spesso le immagini che fungono da collegamenti testuali all'interno della pagina sono sprovviste di attributo alt: un cieco dotato di un lettore di schermo qualunque si sentirà leggere il collegamento testuale, spesso non molto significativo per capire la destinazione del link, al posto di una descrizione.

Impatto: 3
Frequenza: 3
Gravità: critica

Anche una persona che naviga all'interno del sito con un browser testuale, o con le immagini disabilitate si troverà dinanzi ad una serie di link senza nome e dovrà andare a tentativi per cercare ciò che gli serve, se è incluso in quei collegamenti. Ricordiamo infatti che per molte immagini di questo tipo non son previsti collegamenti alternativi o testo per spiegare dove trovare l'informazione o una spiegazione testuale della sezione a cui si sta per accedere.

Impatto: 3
Frequenza: 3
Gravità: critica

Il problema è stato considerato di gravità leggermente inferiore qualora esistessero collegamenti testuali che fornissero la stessa funzionalità.

Creazione di nuove finestre pop-up.

La generazione di nuove finestre, molto frequente nel sito, avviene solo quando si attiva un collegamento testuale (ovvero molto spesso i collegamenti vengono aperti in una nuova pagina). Essendo l'utente preparato ad un cambio di contesto non si considera quest'evento grave quanto la comparsa, ad esempio, di una serie di finestre pop-up pubblicitarie che si attivano all'apertura di una determinata pagina. Finestre di questo tipo non esistono all'interno di questo sito.
L'unico problema che può insorgere con questo tipo di situazioni è che l'utente non abbia realizzato che si è aperta una nuova pagina e che quindi, per esempio,cerchi di tornare indietro utilizzando il tasto "back" del browser. La gravità considerata in maniera estesa solo in questa sede si rivolge principalmente a quest'ultima considerazione.

Impatto: 1
Frequenza: 1
Gravità: minore

Creazione di finestre sovrapposte.

Se un utente ipovedente che utilizza un ingranditore di schermo è utilizza un forte livello di ingrandimento, si ha il rischio che non sia chiara la differenza tra la pagina in sfondo e quella in primo piano.

Impatto: 2
Frequenza: 3
Gravità: critica

Presenza di finestre pop-up che rallentano l'utente.

Un utente ipovedente che utilizza un ingranditore di schermo potrebbe essere rallentato nello svolgimento del suo compito dalla presenza di finestre pop-up negli spostamenti da una pagina all'altra o anche nella visualizzazione dei contenuti, così come nella loro chiusura, anche se non si ritiene incida significativamente sull'efficienza dello svolgimento del compito o sulla soddisfazione.

Impatto: 1
Frequenza: 3
Gravità: serio

Un utente con disabilità motorie, invece, potrebbe essere fortemente inibito nell'esecuzione del compito qualora si rendesse conto che il link aperto non è quello desiderato e volesse chiudere la pagina.

Impatto: 2
Frequenza: 3
Gravità: critica

Torna all'inizio

Barriere alla comprensione

Pagina priva di titolo o con titolo non informativo.

Alcune pagine hanno un titolo poco significativo ed altre addirittura assente. Un utente cieco dovrà capire la sua posizione solo tramite l'indirizzo della pagina e i contenuti che il suo lettore di schermo gli andrà leggere.

Impatto: 2
Frequenza: 3
Gravità: serio

La lingua principale del documento e i cambiamenti di lingua non vengono identificati.

In nessuna delle pagine viene dichiarato in che linguaggio naturale sia stata scritta; senza una dichiarazione di questo tipo un lettore di schermo non è in grado di capire in che lingua sia scritto il documento, e quindi di leggere le parole nella loro lingua di appartenenza. Un utente il cui lettore di schermo sia impostato per la lingua italiana non noterà il problema non essendoci parole straniere nella pagina o essendocene poche.
Nelle pagine restanti si assumerà che il problema non venga notato poichè nelle pagine non comparivano parole straniere. Per completezza ipotizziamo una situazione generica in cui all'interno di una pagina compaiono alcune parole straniere, o ancor peggio una frase intera (per esempio un modo di dire). La presenza del problema verrebbe certamente notata, e un utente con conoscenze mediocri di lingue straniere potrebbe comunque riuscire a capirne il significato magari riascoltando la parte interessata.

Impatto: 1
Frequenza: 1
Gravità: minore

Un utente senza alcuna conoscenza di lingua straniera non avrà modo di superare facilmente l'ostacolo. La gravità dipende esclusivamente dal ruolo che gioca la parola o frase all'interno del documento: se è, ad esempio, un'etichetta di un pulsante potrebbe incidere significativamente sulla riuscita degli obbiettivi dell'utente, se facente parte del testo potrebbe anche venir tralasciata senza gravi danni.

Nella nostra analisi non vengono considerati gli utenti stranieri poiché dovrebbero conoscere l'italiano (e solo a questo punto si porrebbe il problema dovendo selezionare manualmente la lingua italiana sul proprio lettore) mancando una versione alternativa della pagina in altra lingua. Siccome il problema è riguarda l'usabilità del sito prima che l'accessibilità utenti di questo tipo non sono stati qui considerati.

Torna all'inizio

Barriere al controllo da parte dell'utente

Mancanza di tasti rapidi (access key).

Non vi sono tasti rapidi in nessuna pagina del sito. La gravità derivante dalla loro assenza varia in base al contenuto della pagina e alla modalità con cui son stati realizzati i collegamenti testuali. Il loro uso si potrebbe restringere alle sole zone in cui ci potrebbero essere problemi per utenti con disabilità motorie che potrebbero non riuscire ad attivare i collegamenti in modo rapido e sicuro.

Non viene fornita la possibilità di ridimensionare il testo.

Un utente ipovedente che vorrebbe poter ridimensionare i caratteri della pagina invece di utilizzare un ingranditore non troverà all'interno dell'intero sito una funzione che modifichi le dimensioni del testo e, al limite, potrà utilizzare gli strumenti messi a disposizione dal proprio browser. In ogni caso la visualizzazione risulterà comunque difficoltosa poiché:

  1. non tutti gli interpreti forniscono opzioni per il ridimensionamento dei caratteri: Internet Explorer, ad esempio, ridimensiona solo il testo ma non i collegamenti testuali della pagina; Opera invece non supporta la funzione a priori;
  2. spesso la presenza delle immagini si accompagna in malo modo all'ingrandimento del testo disallineandosi e rendendo incomprensibile l'impaginazione originaria.

Mancanza di skip links nascosti.

Non è stata notata la presenza di skip links nascosti in nessuna pagina del sito. La gravità derivante dalla loro assenza varia in base al contenuto della pagina e alla modalità con cui è stata realizzata l'intera pagina (per esempio sarà minore se vengono fornite altre modalità per saltare blocchi di contenuti ritenuti poco interessanti dall'utente che utilizza la pagina). Il loro uso si potrebbe restringere alle sole zone in cui vi sono molte informazioni, soprattutto testuali, in modo tale che un utente cieco possa saltare i blocchi di contenuto che non gli interessano senza dover aspettare che il lettore di schermo legga tutta la parte precedente.

Presenza di una versione testuale dei contenuti della pagina non aggiornata o sua totale assenza.

Non viene fornita la versione testuale di alcuna pagina in modo tale da agevolare coloro che dispongono di browser non grafici. La mancanza in molti casi risulta abbastanza significativa visto che potrebbe risolvere problemi di accessibilità derivanti da presenza di immagini funzionali sprovviste di attributo alt, o di JavaScript o di altre modifiche dinamiche delle pagine.
Il seguente calcolo della gravità è riferito al caso in cui su verifichi di una di queste situazioni (si sono presentate più di una volta nel corso delle analisi)

Impatto: 3
Frequenza: 3
Gravità: critica

Torna a inizio pagina

Analisi delle singole pagine del sito della Regione Calabria


Torna all'inizio