Analisi del sito della regione Trentino-Alto Adige tramite simulazione euristica per la verifica dell'accessibilità

INDICE

1. INTRODUZIONE AL TEST
Obiettivo del lavoro
Browser e strumenti utilizzati
Organizzazione documento
2. TIPI DI UTENTI
3. SOMMARIO PROBLEMI RISCONTRATI
4. ANALISI SULLE BARRIERE
Barriere nella percezione
Barriere nell'utilizzazione
Barriere alla comprensione
Barriere al controllo da parte dell'utente


Torna alla pagina principale

INTRODUZIONE

Obiettivo del lavoro

L'obiettivo di questo lavoro è quello di testare il sito della regione del Trentino-Alto Adige per constatare se questo sia o meno fruibile anche da parte di utenti con disabilità, come, ad esempio, utenti sordi, ipovedenti o comunque con difetti percettivi (anche utenti non disabili che utilizzino dei palmari).
Il concetto centrale di questa analisi è stato quello di barriera, termine col quale si intende una condizione (di qualunque tipo) all'interno di una pagina che renda difficile o addirittura impossibile procedere verso il completamento di un certo obiettivo da parte di persone con eventuali disabilità e che, per questo, si servono di qualche tecnologia assistiva per accedere alle pagine del sito. Ad esempio, la mancanza dell'attributo ALT nelle immagini è una grave barriera poichè se un utente non vedente si trova di fronte alla pagina, anche se il suo browser è dotato di un lettore di schermo, non riuscirà a percepire la presenza dell'immagine e la pagina nel suo complesso diverrà quindi assai meno comprensibile.
Le barriere si dividono in quattro categorie:

Oltre a considerare le diverse categorie di barriere, occorre tenere presente anche altre due caratteristiche importanti relative a ciascuna barriera:

Usando una scala da 1 a 3 associata a ciascuno dei due parametri e usando la tabella presentata qui sotto si può derivare una classificazione della gravità per ogni singola barriera:

ImpattoFrequenzaGiudizio
11minore
12minore
13serio
21serio
22serio
23critico
31critico
32critico
33critico

Browser e strumenti utilizzati

Il sito della regione è stato testato utilizzando i due browser Mozilla Firefox e Internet Explorer 6.0. Le piattaforme utilizzate sono state due: una AMD e una Intel, entrambe con architettura x86 a 32 bit. I dispositivi di visualizzazione sono stati due monitor LCD con risoluzioni native di 1280x1024 e 1280x800 punti e con una profondità di colore di 32 bit, in entrambi i casi. I due web browser sono stati fatti girare sui sistemi operativi Windows 2000 (Service Pack 4) e Windows XP (Service Pack 1).

Per il controllo sulle barriere è stato utilizzato Zoom Text v8.1 che è un ingranditore di schermo (permette di ingrandire a piacere alcune sezioni dello schermo) e IBM Home Page Reader 3.0 come lettore di schermo, per simulare la lettura delle pagine da parte di utenti non vedenti. Entrambi gli strumenti ci hanno consentito di effettuare un'analisi dettagliata per degli utenti con difetti visivi o con totale mancanza di vista.

Organizzazione documento

Per prima cosa si presenteranno le categorie di disabilità per le quali sono state verificate le barriere.
Prima di vedere in dettaglio le singole barriere è presentato un sommario che descrive i problemi principali riscontrati nell'analizzare le pagine del sito, con particolare riferimento alle barriere violate.


Torna all'indice

TIPI DI UTENTI

Gli utenti per i quali abbiamo deciso di verficare la presenza di barriere sono:


Torna all'indice

SOMMARIO PROBLEMI RISCONTRATI

Uno dei più evidenti problemi riscontrati è stato la mancanza di supporto delle immagini per gli utenti con difetti alla vista: molto raramente infatti sono stati riscontrati dei veicoli alternativi per le informazioni trasmesse con le immagini, cosa che naturalmente impedisce all'utente non vedente di percepirle e di fruirle. Lo stesso discorso vale anche per i filmati multimediali che, non possedendo alcun sottotitolo, non possono venire compresi correttamente dagli utenti sordi o con problemi d'udito.

Un altro problema grave è dato dalla mancanza dei cosiddetti "skip-links": essi sono dei particolari collegamenti che aiutano gli utenti non vedenti a saltare parti della pagina: se noi andiamo su un sito qualsiasi tra quelli già visitati, sappiamo già dove trovare le informazioni cercate e andiamo subito nella parte della pagina che ci interessa; per un utente che si deve servire di un lettore di schermo, la cosa si fa più complicata perchè comunque il lettore legge tutto il contenuto; gli skip-links servono proprio a far saltare il contenuto preliminare della pagina cosa che, per un utente non vedente è di fondamentale importanza, dato che non può fare scrolling con il mouse. Si capisce quindi che la loro mancanza comporti delle gravissime conseguenza sull'efficienza che ha un utente non vedente sul sito.

Un altro problema a nostro giudizio molto grave è l'ambiguità delle etichette dei collegamenti. Specialmente nella pagina principale, capita che vengano usati collegamenti con la medesima etichetta che però portano a pagine differenti. Per un utente che usufruisce di un lettore di schermo, questa condizione può generare grande smarrimento: immaginiamo infatti che un utente non vedente voglia consultare la biblioteca. Accedendo alla pagina principale, legge il primo dei due collegamenti e accede alla biblioteca come desiderato; se per caso in futuro ci vuole ritornare e, nella lettura non fa caso al primo collegamento, invece di accorgersi che non lo ha sentito, percepisce il secondo e sarà portato a seguirlo, accedendo su una pagina differente da quella che ha già visto e sarà quindi costretto a tornare indietro. Il problema non è artificioso, anche perchè si ripete frequentemente nel sito e, sebbene normalmente genera una pardita di tempo di pochi secondi, per chi ha gravi disabilità visive assume una rilevanza catastrofica.

Per quanto riguarda i gruppi di barriere, quello che ha generato i maggiori problemi è quello riguardante la comprensione: tutte e quattro le barriere hanno massima gravità il che vuol dire che difficilmente i contenuti saranno compresi (o, ancor peggio, compresi in modo corretto): l'impostazione scorretta delle tabelle, l'insensatezza (o addirittura la mancanza) dei titoli delle pagine e dei frames, l'assenza del tag <span lang="de"> per denotare le scritte in tedesco (che rivestono una parte considerevole in un sito bilingue come quello del Trentino-Alto Adige), sono tutti elementi che, per un utente che si serve di un lettore di schermo rallentano enormemente la capacità di reperire informazioni poichè oltre al fatto di dover spendere molto tempo per capire se la pagina cercata è quella giusta e se possiede o meno le informazioni cercate, in concomitanza con altre barriere (elencate una per una qui di seguito) fanno si che quasi sempre l'utente non vedente sia costretto a rinunciare a cercare le informazioni che desiderava.


Torna all'indice

ANALISI SULLE BARRIERE

Barriere nella percezione


Torna all'indice

Barriere nell'utilizzazione


Torna all'indice

Barriere nella comprensione


Torna all'indice

Barriere al controllo da parte dell'utente


Torna all'indice |  Torna alla pagina principale

Valid XHTML 1.0! Valid CSS! Marzo 2005 - Alessandra Girardi e Stefano De March