SIMULAZIONE EURISTICA PER LA VERIFICA DELL'ACCESSIBILITA' DEL SITO WWW.REGIONE.VENETO.IT


Torna alla Pagina Principale

ORGANIZZAZIONE DEL DOCUMENTO

Il documento è logicamente organizzato in questo modo:

1. Cos'è l'accessibilità

2. Barriere

3. Simulazione euristica

4. Conclusioni

5. Valutazione barriere :

COS'E' L'ACCESSIBILITA'

Il livello di accessibilità di un sito web è definito dalla possibilità per un utente di usufruire di un sito attraverso la sua interfaccia e il suo contenuto nei contesti e con i dispositivi più diversi. Per Tim Berners-Lee, il creatore del World Wide Web, l'universalità dell'accesso è un elemento fondamentale della buona progettazione web.
In effetti, la principale ricchezza di Internet risiede proprio nella sua universalità, nella possibilità di accedere alle informazioni sempre e ovunque. Quando però questo presupposto viene meno, quando cioè l'accesso a un sito non è "scontato", per motivi che non sono solamente legati alla disabilità fisica o mentale di un utente, ma anche a quella che è possibile definire "disabilità tecnologica" (utenti con connessioni lente, monitor inadeguati per dimensioni o risoluzione, browser obsoleti ecc.), un sito tradisce il proprio "mandato" di universalità.
Nel rendere un sito accessibile, tutto il web ha da guadagnarne: gli utenti in primo luogo, ma anche gli sviluppatori e i committenti. Nel dettaglio, gli utenti beneficiano di una progettazione sensata e rispettosa degli standard per le ovvie ragioni esposte poco sopra, gli sviluppatori per il recupero di serenità derivante dall'avere a disposizione una strumentazione condivisa e "certificata", il committente perché avrà la ragionevole certezza che il lavoro commissionato non diverrà rapidamente obsoleto.

[ Torna a inizio pagina ]

BARRIERE

Una barriera di accessibilità è una qualsiasi condizione che rende difficile o impossibile il progredire verso l'ottenimento di un obiettivo da parte di una persona disabile (o disabilitata) che usa il sito mediante un qualche tipo di tecnologia.

Le barriere che vengono considerare in questo metodo si possono suddividere in quattro categorie:

[ Torna a inizio pagina ]

SIMULAZIONE EURISTICA

Questa verifica dell'accessibilità è stata effettuata sul sito http://www.regione.veneto.it basandosi su un elenco di barriere prestabilito dai tre valutatori. Ogni valutatore ha analizzato sistematicaticamente il sito cercando le barriere prestabilite. Nel momento in cui una di queste è stata individuata, il valutatore ha assegnato ad essa un valore d'impatto sull'utente cercando nel tempo stesso di valutarne la frequenza.

Il livello di impatto assegnato è compreso tra 1 e 3, dove:

  1. La presenza del problema viene notata dall'utente considerato, ma ci sono facili modi per aggirarla od evitarla. Esso non incide significativamente sulle capacità dell'utente di raggiungere con successo il termine del compito. Può invece incidere sull'efficienza con cui l'utente svolge il compito e/o sulla sua soddisfazione.
  2. La presenza del problema è notata ed incide significativamente sull'efficacia e/o sicurezza. L'utente non riesce ad aggirarlo facilmente, o ad evitarlo. Per uscire dalla situazione problematica l'utente può necessitare di notevole tempo, vari tentativi e ingegno. Il problema rende difficile, faticoso e/o rischioso il proseguimento del compito, ed è facile che l'utente compia degli errori. Il problema incide sicuramente e marcatamente su efficacia e/o sicurezza.
  3. Si tratta di una barriera che porta molto spesso a rinunciare al raggiungimento dello scopo: gli errori possono essere molti e con gravi conseguenze; vie alternative non esistono. L'impatto negativo su efficacia e sicurezza è elevato.

Il valore di frequenza è compreso tra 1 e 3, dove:

  1. Il problema si manifesta raramente e non sempre durante lo svolgimento del compito; in pochi e marginali casi esso si manifesta. Dunque esso incide in maniera molto limitata sulla produttività e sulla soddisfazione.
  2. Il problema si verifica ogni volta che si svolge quel compito. Può incidere significativamente su produttività e su soddisfazione.
  3. Il problema si verifica più volte durante lo svolgimento del compito. Sicuramente incide sulla produttività, facendola calare marcatamente; e altrettanto di sicuro incide sulla soddisfazione.

Il valutatore poi ha assegnato un livello di gravità alla barriera riscontrata, cioè minore, serio o grave. Il livello di gravità della barriera deve essere calcolato utilizzando la seguente tabella di conversione:

Impatto Frequenza Gravità
1 1Minore
1 2Minore
1 3Serio
2 1Serio
2 2Serio
2 3Critico
3 1Critico
3 2Critico
3 3Critico

I test sono stati effettuati su piattaforme Windows XP Professional con browser Internet Explorer 6.0 o Mozilla Firefox 1.0.3. La risoluzione del monitor utilizzata è di 1024 per 768 punti. Per il controllo sulle barriere è stato utilizzato IBM Home Page Reader 3.0 come lettore di schermo, per simulare la lettura delle pagine da parte di utenti non vedenti.

[ Torna a inizio pagina ]

CONCLUSIONI

Uno dei più evidenti problemi riscontrati è stato la mancanza di supporto delle immagini per gli utenti con difetti alla vista: molto raramente infatti sono stati riscontrati dei veicoli alternativi per le informazioni trasmesse con le immagini, cosa che naturalmente impedisce all'utente non vedente di percepirle e di fruirle. Poche volte nelle pagine sono stati previsti degli equivalenti testuali per permettere anche a utenti non vedenti di percepire le immagini: ciò è molto grave, dal momento che, generalmente, le immagini in un sito sono usate per veicolare informazioni in modo aggiuntivo rispetto al testo, se l'utente non le percepisce avrà ricevuto sicuramente un messaggio deficitario rispetto a quello che il progettista del sito voleva comunicare.
Inoltre sono presenti nel sito alcuni frame che risultano inaccessibili a degli utenti che utilizzano versioni di un lettore di schermo che non supportano i frame, e per giunta non si è riscontrata la presenza di alcun tag NOFRAMES che risulta utile per presentare del contenuto alternativo nel caso in cui il frame non possa essere visulizzato correttamente.

Un altro problema grave è dato dalla mancanza dei cosiddetti skip-links: essi sono dei particolari collegamenti che aiutano gli utenti non vedenti a saltare parti della pagina. Per un utente che si deve servire di un lettore di schermo, la navigazione nel sito si fa complicata perchè il lettore legge tutto il contenuto della pagina facendo perdere molto tempo e confondendo l'utente. Gli skip-links servono proprio a far saltare in blocco alcune sezioni della pagina, cosa che, per un utente non vedente, è di fondamentale importanza, dato che non può fare scrolling con il mouse. Si capisce quindi che la loro mancanza comporti delle notevoli conseguenze sull'efficienza che ha un utente non vedente sul sito.

Un altro problema è l'ambiguità e la genericità delle etichette dei collegamenti. Per un utente che usufruisce di un lettore di schermo, questa condizione può generare grande smarrimento in quanto, se utilizza la funzione link list fornita dal browser, si trova di fronte a una serie di collegamenti come clicca qui, formato pdf oppure link al documento che non sono per niente informativi e non riflettono efficacemente la pagina di destinazione. Il problema si ripete frequentemente nel sito e, sebbene normalmente genera una pardita di tempo di pochi secondi, per chi ha gravi disabilità visive assume una rilevanza notevole.
Di notevole gravità risulta anche il problema della validazione dei controlli prensente nelle form del sito. La validazione infatti avviene esclusivamente attraverso il browser tramite javascript, condizione che può facilmente portare ad una immissione di dati errati da parte di un utente che utilizza un tipo di tecnologia assistiva priva del supporto per il javascript o peggio ancora non permette all'utente di portare a termine l'operazione, negandogli così la possibilità di poter eseguire delle particolari azioni.

Per quanto riguarda i gruppi di barriere, alcuni problemi rilevanti riguardano la comprensione, il che vuol dire che difficilmente i contenuti saranno compresi (o, ancor peggio, compresi in modo scorretto). L'impostazione errata delle tabelle, nelle quali le intestazioni di righe e colonne non vengono identificate opportunamente, la mancanza dei titoli dei frame, l'assenza del tag per denotare le scritte in lingua straniera sono tutti elementi che, per un utente che si serve di tecnologia assistiva rallentano enormemente la capacità di reperire informazioni poichè oltre al fatto di dover spendere molto tempo per capire se la pagina cercata è quella giusta e se possiede o meno le informazioni cercate, in concomitanza con altre barriere fanno si che quasi sempre l'utente non vedente sia costretto a rinunciare a cercare le informazioni che desiderava.

[ Torna a inizio pagina ]

VALUTAZIONE BARRIERE

Di seguito viene riportata l'analisi dettagliata di tutte le barriere riscontrate nel sito dai valutatori, organizzate per categoria, durante la simulazione euristica.

BARRIERE NELLA PERCEZIONE

IMMAGINI RICCHE SENZA ALT

Impatto 1
Frequenza 2
Gravità Minore

Tutte le immagini ricche presenti all'interno del sito sono prive dell'attributo ALT. Ad esempio, se l'utente è interessato a ricercare l' ufficio relazioni con il pubblico della sua provincia, la cartina che indica la posizione dell'ufficio è priva dell'attributo ALT e quindi un utente con difetti visivi ne risulta notevolemte inficiato. Il problema è molto grave di per se stesso, ma risulta comunque facilmente aggirabile in quanto l'immagine è preceduta da un'esauriente descrizione del percorso da svolgere che aiuta l'utente non vedente a capire il contenuto dell'immagine e gli permette quindi di oltrepassare questo ostacolo.

FRAME

Impatto 2
Frequenza 2
Gravità Serio

I frame sono presenti esclusivamente nella sezione relativa al Forum. Perciò se un utente vuole iscriversi o accedere al forum incappa sempre nella presenza di un frame. A queste pagine quindi non si può accedere se in possesso di una vecchia versione del lettore di schermo ed inoltre sono prive dell'attributo NOFRAMES per presentare agli utenti un contenuto alternativo, nel caso stiano usando un browser privo delle capacità di visualizzare i frame.

ASCII ART

Impatto 1
Frequenza 1
Gravità Minore

Gli ASCII art vengono utilizzati all'interno del sito solamente per evidenziare e far risaltare alcuni link, come risulta evidente nella pagina relativa alla Sanità, nella quale vi sono alcuni collegamenti link ai dettagli> oppure link all'approfondimento> che un lettore di schermo leggerebbe come link ai dettagli parentesi angolare destra o link all'approfondimento parentesi angolare destra, frasi sicuramente non chiare per un utente non vedente.

[ Torna a inizio pagina ]


BARRIERE NELL'UTILIZZAZIONE

IMMAGINI FUNZIONALI SENZA ALT

Impatto 2
Frequenza 1
Gravità Serio

Molte immagini funzionali presenti nel sito, come nella sezione relativa ai rapporti e relazioni internazionali o a quella relativa allo sport sono prive dell'opportuno attirbuto ALT o addirittura hanno l'attributo ALT ma vuoto. Altre pagine, come quella relativa ai periodici on line nella sezione dei giornali telematici sono accompagnate dall'opportuno tag ALT ma a nostro avviso molte volte l'equivalente testuale non è sufficientemente descrittivo e non consente una facile comprensione della funzione dell'immagine.

Impatto 2
Frequenza 2
Gravità Serio

In molte sezioni del sito vengono utilizzati dei link generici come "cliccare su questo link" oppure "formato pdf", o come nella pagina relativa alle Fiere regionali dove vengono utilizzati dei semplici collegamenti come "normativa" o "provvedimento" rendondo così molto difficile la loro selezione utilizzando solamente la funzione link list di un lettore di schermo.

Impatto 2
Frequenza 3
Gravità Critico

All'interno del sito sono presenti molti link ambigui che rendono difficile la navigazione. Ad esempio se un utente è interessato alla sezione relativa alla Sanità, si ritrova in una pagina nella quale sono presenti molti link con diversa destinazione che hanno la stessa etichetta, come ad esempio "Link all'approfondimento" o "Link ai documenti", rendendo così molto difficile la loro selezione utilizzando solamente la funzione link list di un lettore di schermo.

VALIDAZIONE CONTROLLI

Impatto 3
Frequenza 3
Gravità Critico

La validazione dei controlli viene effettuata esclusivamente tramite il browser utilizzando Javascript. Nella sezione relativa al Forum e in quella relativa alla ricerca dei Bollettini ufficiali bisogna inserire dei dati in un modulo validato unicamente tramite l'utilizzo di JavaScript. Questo causa delle immissioni errate di dati da parte di un utente privo di interprete JavaScript e non permette di portare a termine l'operazione con successo.

Impatto 1
Frequenza 2
Gravità Minore

Nel sito l'utente si trova molte volte, come per la lettura di un quotidiano on-line, a dover aprire a sua insaputa nuove finistre popup, che fanno sì che un utente cieco di un lettore di schermo non capisca che il contesto è cambiato.

FORM SENZA LEGEND

Impatto 1
Frequenza 2
Gravità Minore

Le form presenti nel sito sono prive dell'attributo legend, ma questo non impedisce ad un utente cieco che utilizza un lettore di schermo di capire come usare i controlli in quanto le form sono impaginate in maniera tale che tutte le etichette vengono lette prima del corrispettivo controllo associato.

[ Torna a inizio pagina ]


BARRIERE NELLA COMPRENSIONE

TABELLE DATI

Impatto 2
Frequenza 2
Gravità Serio

Le intestazioni di righe e colonne non vengono identificate correttamente. Ad esempio il tag TH non viene utilizzato per idientificare le intestazioni e TD a volte viene usato per identificare intestazioni invece di dati. Nella tabella presente nella pagina relativa alle tasse da pagare per il bollo auto vi è un chiaro esempio di questa violazione:

<td ... > <p ... > Classe </p></td>

Tabella che risulta non essere accessibile

Una possibile soluzione è:

<th ... > <p ... > Classe </p></th>

Inoltre i tag THEAD, TFOOT, TBODY, COL, COLGROUP non vengono utilizzati per raggruppare le righe e le colonne, complicando notevolmente la comprensione della tabella letta da un lettore di schermo.

LINGUA

Impatto 1
Frequenza 1
Gravità Minore

I cambiamenti nel linguaggio non sono sempre identificati chiaramente, creando problemi ai lettori di schermo come IBM Home Page Reader , ma risulta essere un problema facilmente aggirabile da parte dell'utente.

Nella pagina relativa alla sede di Bruxelles, come evidenziato nell'esempio sotto, le parole straniere non sono opportunamente marcate.

<span style="font-size: 10pt; color: black; font-family: Verdana;" lang="IT">
Venerdì 14 gennaio 2005 si è svolto al C.I.V.A. ("Centre International pour la Ville, l'Architecture et le Paysage") di Bruxelles un incontro con il celebre architetto americano Daniel Libeskind. </span>

Una possibile soluzione è:

<span style="font-size: 10pt; color: black; font-family: Verdana;" lang="IT">
Venerdì 14 gennaio 2005 si è svolto al C.I.V.A. ("<span lang="fr">Centre International pour la Ville, l'Architecture et le Paysage</span>") di <span lang="fr">Bruxelles</span> un incontro con il
celebre architetto americano <span lang="en">Daniel Libeskind</span>.

TITOLI FRAME

Impatto 2
Frequenza 2
Gravità Serio

Esclusivamente nella sezione relativa al Forum vengono utilizzati i frame e sono tutti privi dell'attributo TITLE, impedendo così l'identificazione del frame e la navigazione ottimale all'interno della pagina.

[ Torna a inizio pagina ]


BARRIERE AL CONTROLLO DA PARTE DELL'UTENTE

Impatto 2
Frequenza 2
Gravità Serio

In quasi tutte le sezioni del sito sono presenti molti link, e sopratutto nella pagina principale nella quale sono presenti tutti i link a tutte le sezioni del sito, complicando e rallentando notevolmente la lettura della pagina da parte di un utente ipovedente che utilizza un ingranditore di schermo.

Impatto 2
Frequenza 2
Gravità Serio

L'intero sito è privo di skip links per attivare alcuni link in maniera rapida permettendo di saltare velocemente alcune sezioni della pagina.

[ Torna a inizio pagina ]



Torna alla Pagina Principale

De Marchi Nicola - Pizzol Gaetano - Rivello Edoardo   (Maggio 2005)

Valid XHTML 1.0! Valid CSS! Level Double-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0