Valutazione euristica di usabilità del sito della regione Molise.

Prefazione

Questo documento è stato redatto dal sottoscritto nell'ambito dell'attività pratica prevista dal corso di Progetto di siti e portali web inserito nel corso di laurea di Tecnologie Web e Multimediali dell'Università di Udine.

Studente: Del Linz Andrea, contattami, Data di ultima modifica: 7 dicembre 2005

Valid HTML 4.01 Strict Valid CSS!

Salta
l'indice

Indice

  1. Introduzione

  2. Descrizione metodo utilizzato

  3. Pagine valutate

  4. Risultati dell'analisi

  5. Conclusioni

Introduzione

La seguente analisi di usabilità è stata svolta utilizzando un metodo ibrido, o meglio, un metodo che si basa sulle euristiche consolidate di Nielsen e che vengono riviste per andare a formare un nuovo modo di procedere, di cui spiegheremo i dettagli nella descrizione del metodo utilizzato. Il sito su cui svolgerò l'analisi si dichiara valido xHtml v.1.0 e conforme alle linee guida di accessibilità, in particolare valido rispetto a WCAG v.1.0 - Level AAA. Ho voluto sottolineare questo per poter mettere in evidenza, come si vedrà che l'essere conformi come dichiarato dal sito in questione è spesso qualche cosa di non vero, inoltre di come ciò non sia sufficiente per raggiungere un buon risultato in termini di usabilità, anche per questa caratteristica è doveroso inziare a pensare in fase di progettazione con il fine di ottenere il massimo risultato possibile e non certo quello che funzioni bene solo sul pc di chi lo programma.

Descrizione metodo utilizzato

Questa tecnica prevede l'analisi dell'usabilità di un sito avendo come base un insieme di tecniche, mi spiego meglio: da una parte ci sono le euristiche cui si è accennato nell'introduzione e che enunciano principi generali, quindi astratti, da utilizzarsi per progettare un sistema o, come nel mio caso, per valutare un sistema; dall'altra parte ci sono i tre punti di vista con cui si può osservare un sito, ossia l'architettetura informativa, il contenuto, la presentazione. L'adozione di uno di questi punti di vista nella lettura delle enunciazioni delle euristiche comporta una specializzazione del concetto che è stata tradotta dal professor Giorgio Brajnik in una serie di domande che aiutano ad individuare nel concreto ciò che viene descritto semplicemente con una frase, capace di raccogliere in sè una miriade di difetti. Il metodo, dunque, prevede che il valutatore legga l'euristica in oggetto nella sua definizione, assuma in seguito uno dei tre punti di vista, infine con l'aiuto delle domande per quell'euristica e quel punto di vista proceda con la valutazione del sito. Per questa attività ho deciso di concentrarmi esclusivamente su uno dei tre punti di vista, affronterò dunque solo l'aspetto dell'architettura informativa per quanto riguarda i suoi influssi sull'usabilità evitando così di valutare aspetti su cui non posso essere preparato.

Pagine Valutate

Per questo tipo di relazione le pagine prese in esame sono state in un numero maggiore rispetto alle indagini di accesibilità questo perchè la valutazione procede in termini di navigazione e quasi mai è richiesto di prendere visione del codice sorgente per identificare dei difetti, diviene quindi più generale e a volte valutabile solo con l'interazione, quindi con il passaggio da una pagina ad un'altra.

L'analisi è stata svolta in un primo momento ad agosto, rivista e finita verso la fine di novembre

  1. Home regione Molise
  2. Presidente
  3. Giunta
  4. Consiglio
  5. News
  6. Normativa
  7. Mappa
  8. Link
  9. Posta
  10. Ricerca
  11. Info

Risulati della simulazione

L'esito della valutazione euristica viene di seguito proposto suddiviso in dieci punti, uno per ogni euristica; al loro interno troviamo le domande base associate all'euristica in questione per quanto riguarda l'architettura informativa e le mie risposte. Il riferimento alla manifestazione dei difetti sarà inserito come descrizione nelle risposte e ci si riferirà alle pagine principalmente utilizzando la loro etichetta.

  1. Visibilità dello stato del sistema

    Il sistema deve costantemente informare l'utente su ciò che sta succedendo, fornendo appropriato feedback in tempi ragionevoli.

    • dove mi trovo?
    • la pagina ha un titolo informativo?
    • dove posso andare?
    • ci sono link e pulsanti importanti che sono visibili senza dover fare scrolling?

    Il sito si presenta con gravi difetti sulla visibilità dello stato del sistema, infatti accade spesso che alla domanda dove mi trovo la risposta dipenda esclusivamente dal colore, che di per sè non è un problema di usabilità ma più di accesibilità, ma che nella fattispecie genera un problema di usabilità per particolari utenti. Inoltre, trascurata la homepage, il resto delle pagine non hanno un titolo informativo, tutte sono state intitolate con il titolo della homepage e questo comporta gravi problemi in termini di usabilità. Le etichette dei collegamenti sono nel complesso abbastanza chiare e quindi rendono l'idea circa le informazioni che si possono raggiungere dal punto in cui ci si trova. Due considerazioni, però, sono doverose: nella sezione Mappa vi sono due etichette poco comprensibili e la sezione Ricerca può essere fraintesa, ad esempio io pensavo di trovare ciò che la regione molise pensava a proposito della ricerca e non un form per cercare informazioni nel sito. Per quanto riguarda la prima considerazione è bene che mi spieghi meglio: vi sono due link che portano alla mappa istituzionale e alla mappa tematica, davanti al primo e in seguito al secondo vi sono due collegamenti che vi si riferiscono servendosi di caratteri alfabetici (tecnica chiamata ASCII art); ed aggiungendo al significato dei due link le parole "con Abstract". Che cosa si intende con quest'ultima parola? Io sinceramente non l'ho capito, forse sarebbe meglio tenere nella barra di navigazione solo i collegamenti alla mappa istituzionale e a quella tematica, inserendo poi in entrambe una descrizione sulla possibilità di visualizzare la medesima mappa con Abstract, spiegando dunque che cosa significhi. Infine, per quanto riguarda l'ultima domanda, qualche appunto lo si può fare per la home che presenta una grande immagine all'inizio del corpo centrale lasciando al fondo della pagina gli altri pochi collegamenti che offre. Per le altre pagine, invece, un problema può derivare dal fatto che alcune propongono anche 20 collegamenti nel corpo centrale rendendo doveroso lo scroll.

  2. Allineamento tra il mondo del sistema e quello reale

    Il sistema dovrebbe usare lo stesso linguaggio dell'utente, con parole, frasi e concetti familiari all'utente, puttosto di termini che sono orientati al sistema. Seguire le convenzioni del mondo reale, facendo sí che le informazioni appaiano in ordine naturale e logico.

    • i link, pulsanti, controlli delle form hanno etichette appropriate?
    • le categorie e i raggruppamenti (di informazioni, di link, di pulsanti, di controlli) hanno etichette appropriate?

    In generale c'è un allineamento piuttosto buono tra il mondo del sistema e quello reale, qualche appunto, però lo si può fare. In tutte le pagine viene riportata a sinistra la possibilità di cambiare il font e di aumentarne / diminuirme le dimensioni. Per esprimere ciò il sito utilizza parole quali: textFont e textSize, che andrebbero sostituiti con termini più vicini al mondo dell'utente, come, ad esempio, tipo carattere e grandezza carattere. Nel sito si utilizza spesso la parola link che potrebbe venire sostituita con collegamento, così come nella sezione posta si potrebbe sostituire il termine mail-box con casella di posta elettronica. Una fonte di disallineamento, poi, potrebbe essere veicolata dall'icona raffiugurante un punto di domanda che trasmette l'idea di essere azionabile, pur non essendolo.

  3. Controllo da parte dell'utente e sua libertà

    Gli utenti spesso invocano delle funzioni del sistema per errore e abbisognano delle uscite di emergenza chiaramente indicate in modo da abbandonare degli stati del sistema indesiderati senza dover passare attraverso un lungo dialogo. Si supportino azioni di undo/redo.

    • viene evitata una introduzione in Flash? la si può facilmente saltare?
    • la pagina ha un pulsante "indietro"? oppure le briciole di pane?
    • la pagina ha un link alla home?
    • questi link/pulsanti funzionano correttamente anche all'interno di pagine basate su frame?
    • le briciole di pane sono chiaramente indicate?
    • se lo scaricamento della pagina richiede tempi lunghi, qualche porzione preliminare dei dati viene resa percepibile?

    Alla prima e alla quarta domanda non si può fornire risposta in quanto non vengono utilizzate le suddette tecnologie. Tutte le pagine sono sprovviste sia di un pulsante per tornare indietro sia delle briciole di pane, la loro presenza potrebbe risolvere parte dei problemi riscontrati nella prima euristica. Sull'ultima domanda la risposta non può essere esaustiva, ho utilizzato una connessione ADSL e i tempi erano sempre brevi, in ogni caso ho potuto osservare che la pagina veniva composta a riquadri, i primi a giungere venivano subito visualizzati. Sulla libertà dell'utente aggiungo una cosa notata nella navigazione preliminare, ossia la maggior parte dei collegamneti offerti dalla pagine valutate viene aperta una nuova finestra con tutti i comandi del browser non visibili, questo toglie il controllo da parte dell'utente inesperto e lo priva della sua libertà.

  4. Coerenza e standard

    Gli utenti non devono chiedersi se parole, situazioni o azioni diverse fanno riferimento alle stesse cose. Si seguano le convenzioni determinate dagli standard ufficiali o di fatto.

    • l'etichetta di un link o pulsante è coerente con il titolo della pagina destinazione?
    • il titolo di una pagina è coerente con il contenuto della pagina?

    Come si è già visto in precedenza le pagine sono prive di un titolo significatvo e quindi è impossibile che siano consistenti con il loro contenuto e tanto meno con l'etichetta dei collegemanti che portano a loro, posso dire, però che c'è coerenza tra queste etichette e i titoli che compaiono nel corpo centrale della pagina, questo almeno nella maggioranza dei casi.

  5. Prevenzione di errori

    Ancora meglio che dei buoni messaggi di errore è un attento progetto che previene gli errori.

    • errori di navigazione (vicoli a fondo cieco, cicli, link non definiti, smarrirsi) vengono evitati?
    • le etichette dei link e pulsanti sono non-ambigui?
    • informazioni sull'attraversamento di un link vengono forniti in anticipo (dimensione della pagina, formati particolari, tipo di informazione - souno, animazione, video, PDF, ...)?
    • gli URL usano caratteri semplici (si evitano caratteri che non siano lettere, o nomi lunghi e complessi)?
    • i frame sono evitati?
    • vengono fornite chiare ed esaurienti istruzioni su come compilare le form? sono adiacenti ai controlli delle form?

    Come già scritto i frame sono stati evitati. Gli url sono codificati in maniera non molto naturale per l'utente al quale è più facile digitare l'url della home e da lì raggiungere l'informazione di suo interesse piuttosto che provare a ricordare l'url per accedervi direttamente. Nel sito sono state valutate due form, una è riservata al personale della regione e ha un messaggio d'errore totalmente estraneo al mondo dell'utente, in questo caso si poteva prevenire eventuali usi scorretti, come quello da parte di un utente, evidenziando meglio il titolo che esplica che è un servizio riservato e rendendo non direttamente accessibile questa sezione nella barra di navigazione. L'altra form è per eseguire ricerche e non è molto usabile, infatti se si digita qualcosa nel form e si preme invio si otterrà il ricaricamento della pagina, se si preme invece sul collegamento cerca viene aperte una nuova finestra con gli eventuali risultati, se questi non esistono non appare alcun avviso dando l'idea di un sistema che non funzioni piuttosto che di una ricerca senza risultati trovati.

  6. Riconoscimento piuttosto di memorizzazione

    Rendere visibili gli oggetti, le azioni e le opzioni. L'utente non dovrebbe dover ricordarsi le informazioni relative ad una parte del dialogo nelle successive. Le istruzioni su come usare il sistema dovrebbero essere visibili o reperibili con facilità ogni volta che è appropriato.

    • i link sono troppi? sono presentati in maniera pesante?
    • i tooltip con delle descrizioni più ricche sono disponibili?

    Di istruzioni non c'è traccia se non per come utilizzare le form per la ricerca e in fondo alla pagina Info dove viene accennata l'esistenza degli access key e di come riconoscerli. Quest'ultima informazione assieme ad un minimo di presentazione della struttura data al sito lo renderebbero più accogliente e più facile da imparare ad usare. Sono presenti, inoltre, alcune sezioni come la Mappa Istituzionale, la Mappa Tematica e Link che presentano molti collegamenti, suddivisi giustamente in sezioni che però mancano di una descrizione preliminare del contenuto nonchè di un sistema di navigazione che porti l'utente a raggiungere velocemente e con facilità la destinazione corretta.

  7. Flessibilità e efficienza d'uso

    Gli acceleratori da tastiera - non visibili da utenti principianti - spesso possono velocizzare l'interazione per utenti esperti, facendo sí che il sistema sia allo stesso tempo adatto agli uni e agli altri. Si permetta agli utenti di personalizzare le azioni più frequenti.

    • le pagine possono essere incluse nei favoriti/segnalibri (bookmark) in maniera non ambigua?
    • vengono offerti dei meccanismi di ricerca?

    Come accennato nell'euristica precedente esistono gli access key e un utente non principiante può accorgersene vista la sottolineatura di una lettera all'interno dell'etichetta del collegamento alle sezioni più importanti. Il meccanismo di ricerca, come visto, è offerto ma sarebbe meglio se fosse inserito nella parte del sito presente in ogni pagina, in maniera tale da permettere ricerche contestualizzate nella sezione in cui ci si trova, magari fornendo i risultati all'interno della stessa pagina.

  8. Design estetico e minimalista

    I dialoghi non dovrebbero contenere informazioni che sono irrilevanti o raramente usate. Ogni componente informativo in un dialogo compete con gli altri, e diminuisce la loro visibilità relativa.

    • i pulsanti e i link sono raggruppati in base alla loro funzione?
    • le cose meno importanti (paragrafi, link, pulsanti) sono minimizzati?
    • i termini che sono legati al web vengono evitati (es. "segui questo link", "clicca qui")?

    Il raggruppamento fatto è buono nella sua interezza, ci sono dei problemi per quanto riguarda l'uso di termini legati al web e più in generale all'informatica che potevano essere evitati, esempi di questo sono: il termine link che può essere sostituito con collegamento, i collegamenti che hanno nello loro etichetta la scritta clicca qui potrebbero mantenere il loro significato anche senza, la pagina Info, invece, ne è colma di termini informatici, offrendo addirittura tutta una serie di informazioni sul computer dell'utente di cui non mi è chiara l'utilità.

  9. Aiutare l'utente nel riconoscere, diagnosticare e rimediare dagli errori

    I messaggi di errore devono essere espressi in un linguaggio semplice (non codici di errore), devono indicare con precisione l'errore, e suggerire in maniera costruttiva una soluzione.

    • per gli errori di navigazione vengono dati dei suggerimenti costruttivi (es. link iniziali nel caso di nessun risultato da un motore di ricerca)?
    • vengono offerte delle spiegazioni naturali di ciò che è successo e perché?

    Il discorso ricerca procede oramai nell'arco delle varie euristiche, in questo caso non v'è molto da aggiungere, il sito non aiuta l'utente a capire quando la ricerca non ha dato esiti, in più non aiuta l'utente a prevenire gli errori, e quando alcuni di questi occorrono il messaggio è tutt'altro che al livello utente. Nel form di ricerca, che tra l'altro passa il contenuto ad una funzione JavaScript (con cui poteva almeno venire filtrato), se si inserisce il carattere del punto esclamativo si genera un errore che si manifesta con un messaggio standard del server web, quindi poco comprensibile all'utente.

  10. Aiuto e documentazione

    Anche se è meglio se il sistema può venir usato senza documentazione, può essere necessario fornire degli aiuti e documentazione di riferimento. Questo tipo di informazione deve essere semplice da ricercare, focalizzata sui compiti degli utenti, elencare i passi concreti da eseguire, e non essere troppo grande come dimensione.

    • quanto lontano è il materiale di aiuto? quanto bene esso è integrato nelle pagine?
    • è disponibile una mappa del sito?
    • viene data una descrizione delle caratteristiche di accessibilità del sito?

    Il sistema di aiuto viene completamente ignorato mentre, come accennato nelle precedenti euristiche, la documentazione è alquanto scarna e difficile da raggiungere, infatti un minimo di doumentazione si trova nell sezione Info, ma all'inizo di questa sono poste quelle informazioni prettamente informatiche che fanno supporre di essere nella pagina sbagliata. Inoltre la presenza degli access key è solo accennata, non viene fornita alcuna informazione estesa sulle caratteristiche di accessibilità del sito.

Conclusioni

Traendo le somme avendo a disposizione i sopra descritti risultati posso dire che il sito presenta alcuni problemi che influiscono sulla usa usabilità. In particolare l'inaccessibilità dello stesso si ripercuote pesantemente su una delle caratteristiche dell'usabilità, ossia la capacità del sito di essere utilizzato. Per quanto riguarda la comprensione e l'apprendimento qualcosa in più poteva essere fatto, sono infatti scadenti i servizi di aiuto, di documentazione, di orientamento, di navigazione per diversi utenti che utilizzano diversi strumenti (ad esempio skip-links per lettori di schermo).